Flash

27/11/2015

Flash

00940407

 

“Forse basta chiedere” sussurrava come tra sé e sé la regista e scrittrice Lorenza Mazzetti intervistata mentre riceveva un premio “alla carriera” del Festival cinematografico di Torino per il suo ruolo “storico” nel “Free Cinema” britannico degli anni 50/60 del secolo scorso: quello per intenderci dei grandissimi Karel Reisz e Tony Richardson(“Together” “Sapore di miele” e l’attualissimo “I seicento di Balaklava” sulla carica della Cavalleria leggera inglese a Balaklava nella guerra appunto di Crimea),  Queste parole, con cui la Mazzetti rifletteva sulle autorizzazioni a filmare in location “incredibili”, ci risuonavano per la loro dolce saggezza, in questi giorni così altalenanti tra la guerra (comunque la si chiami) e la pace (quali ne siano i limiti e le prospettive).

 

A noi che siamo e rimaniamo laici questa frasetta piace più del magniloquente e statisticamente fallace “chiedete e vi sarà dato” della tradizione evangelica. Ci piace perché non contiene alcun fideismo, quanto piuttosto un suggerimento per una buona vita, almeno un’onesta vita per i singoli, i gruppi, i Paesi.  Che funzioni o no, in fondo è secondario: ciò che conta è che la richiesta sia giusta, ragionevole e legittima.   Riteniamo anche che questo messaggio possa meglio funzionare in una chiave sociale, collettiva.     Se non funziona, l’interlocutore in posizione di forza e dotato del potere decisionale si accolla la responsabilità e, dunque, in caso di diniego si accolla l’intera responsabilità.

 

Se per giorni ci è risuonata questa frasetta, questo ci pare risieda nel fatto che il post-Bataclan ha smosso una situazione di oggettiva paralisi in cui si annodavano un gran numero di conflitti, molti dei quali da tempo guerreggiati, altri sanguinose proiezioni di contraddizioni marcescenti: il tutto fino ad un punto di possibile “non ritorno”.      Certo non abbiamo assistito a manifestazioni di massa e mobilitazioni pro-pace e nessuna ricerca del discrimine minimo/massimo su cui attestarsi.   Così, se da una parte le opinioni pubbliche si contentavano (colpevoli, incolpevoli, paralizzate non solo dalla manipolazione dei poteri ma anche da sé stesse?) di affidare una ragionevole prudenza e moderazione ai sondaggi o poco più, dall’altra le oscillazioni e gli aggiustamenti tattici emergevano in modo crescente.

 

Un esempio.  La forma drammatica dell’incidente (o quel che sia…) turco/russo ha dato il via ad un rimescolamento ed esplicitazione che sembrava perduta, riaprendo lo spazio per una riflessione più ragionata e condivisibile.    L’irrefrenabile “trombonismo” di Hollande, l’astuzia tanto brutale quanto lucida di Putin, forse perfino l’attendismo di Obama sembrano essere “precipitati” nelle ultime 48 ore in un quadro in cui la razionalità ed il consenso almeno cercano una via: sottraendoci alla penosa impressione di – appunto – un’uscita di controllo dietro l’angolo.

 

E questo è il senso del “forse basta chiedere” con il limite già descritto di opinioni pubbliche rese da anni afone dalla riuscita omogeneizzazione (pensiero unico) delle nomenklature politiche.     In un panorama in cui tutte le “pecore sono grige” le uniche voci che sfidavano l’afasia erano quelle tanto false quanto scalmanate: quelli per intenderci che – per salire di un paio di punti nei sondaggi – si proclamavano pronti a partire per il “fronte” con zaino e scarponi.   Per favore lasciamoli andare, regaliamogli il biglietto di andata.   Per dove scelgano loro: tanto non c’è che l’imbarazzo della scelta.    Certo poi è difficile prendersela con un reclutamento dal fronte opposto, difficile anche fare graduatorie tra truculenze reali ed ammonitoriamente esibite e truculenze da eccessi proteici e testoteronici fin qui amplificate da media completamente colti di sorpresa ed alla ricerca di un lessico da loro riconoscibile.

 

Ci attendono giorni pieni di “novità” e scenari del tutto imprevedibili (interpretabili solo attraverso la storia e analisi meno epidemiche, più profonde): almeno diminuirà il chiacchiericcio e – forse –crescerà la sana filosofia del “basta chiedere”.    E permetteteci di non credere che le vaste maggioranze – anche non “pacifiste” – desiderino generalizzare i “bagni di sangue” come unica forma di convivenza globale in un mondo inevitabilmente e sempre più completamente interdipendente.    Il caso russo-turco insegni…

 

Buon fine settimana

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto