Flash

25/11/2015

Flash

jet-russp

 

 

Ci mancava solo questo: la Turchia di Erdogan abbatte un jet della Russia di Putin sui cieli al confine tra la Turchia e la Siria.      Risulterebbe che i due piloti si sarebbero eiettati dal velivolo per finire mitragliati ed almeno uno ucciso (“selvaggiamente” secondo le fonti russe) dalle milizie anti Assad appena toccata terra.

 

L’ira di Putin (che ama gli azzardi ma non ne tollera le conseguenze) appare questa volta abbastanza comprensibile. Intanto il fatto ha rovinato la gran giornata di Hollande a Washington ad incassare – se non gli impegni militari e/o politici – l’incondizionato affetto di Obama (“Siamo tutti francesi”).   Ma, quanto a scegliere tra Putin ed Erdogan, Il Presidente USA (sempre più “uscente”…) appare più simpatetico del secondo.     E non si commuove alla dichiarazione di Putin di aver ricevuto non un grazie per l’impegno anti-IS, bensì una “pugnalata alle spalle”.

 

D’altro canto l’episodio ci suona familiare per l’inevitabile ricordo che suscita per quel 4 ottobre 1853 (avete letto bene: 1853) quando l’Impero Ottomano dichiarò guerra alla Russia fin troppo ansiosa di partecipare al banchetto intorno al cadavere della stessa Sublime Porta.  Difesa – si fa per dire – da tutti gli “Occidentali”, inclusi i Piemontesi di Cavour e i bersaglieri di Lamarmora.  Ed anzi questo episodio bellico e la partecipazione dall’Italia viene da sempre descritto come il punto di svolta per la riunificazione nazionale (sotto i Savoia…) del Belpaese.

 

Cosa di buono possa sortirne nell’attuale congiuntura lo possiamo chiedere a Maga Magò.  A meno di credere più al detto “bertoldiano” del “mal comune, mezzo gaudio”, che a Voltaire e al suo padre nobile Kant . entrambi paradossalmente tornati di moda proprio dopo un trentennio (collocabile grosso modo dal “glorioso” 1989 santificato dal politologo Fukuyama con la sua “fine della storia”)… ah, ah…

 

Intanto, più vicino a noi la transizione moderata in Tunisia viene messa in forse da un attentato suicida (tra morti e feriti una quarantina)  alla guardia presidenziale.  Chiudendo di fatto (dopo gli attentati del Bardo) le residue illusioni sulle primavere arabe…

 

Con l’assenza di senso del ridicolo che dilaga in fasi come questa attuale.  La NATO ha immediatamente dichiarato che non tollererà attacchi all’integrità territoriale della Turchia… e non importa che nessuno sano di mente attribuirebbe ai Russi una mira del genere….

 

Insomma il caos dilaga allegramente (allegria di naufragi?) miscelato con le miserie – che ben conosciamo – della nomenklatura politica europea.  In prima fila il piccolo Hollande alla ricerca del suo personale riscatto dopo aver liquidato qualunque ipotesi riformista in Francia.

 

Da noi, nella Roma che aspetta l’8 dicembre della Festa dell’Immacolata e l’apertura di un Giubileo poco comprensibile e gravido di rischi suicidari, Papa Francesco scende dalla sua utilitaria all’aereoporto di Ciampino con la sua borsetta da viaggio (che mi ricorda irresistibilmente quella della Regina Elisabetta verificata direttamente in un “Royal Garden Party” neozelandese di qualche anno fa) e si invola per la “nuova” frontiera africana.  Che il Cielo lo assista.

 

Il tutto parrebbe – più che realtà – una sceneggiatura assai migliore del nuovo 007 “Spectre” ma che – purtroppo – ci vede come comparse.  Che di sceneggiatura si tratti lo conferma l’ultima invenzione di Matteosubito (farina del suo sacco?): dopo aver dato carta bianca all’intelligence (saranno pure bravi ma la loro inamovibilità non suona convincente) è passato al consueto “fantasismo”: 80 euro (al mese) al personale della sicurezza per il previsto impegno straordinario e 500 (una tantum) ad imprecisati diciottenni (concerti e spese culturali…).   Il tutto condito con geniali osservazioni sulla cultura come barriera alla barbarie ed antidoto allo spettro della guerra.  Ma davvero?

 

D’altro canto questo è il meglio che ci si possa aspettare, date le circostanze.

 

Continua…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto