Flash

23/11/2015

Flash

gy6zqwcv-1410837328

 

 

Per un intero – ormai invernale nel nostro emisfero – fine settimana è subentrata una sorta di calma maligna.  Il nostro “antagonista” ha assunto le sembianze di un coccodrilllo acquietatosi dopo il suo pasto scellerato di vittime umane.   Il nostro “fronte” interno – almeno a livello di pubblica opinione – è sembrato assuefarsi se non propriamente tranquillizzarsi (a credere ad assai ragionevoli sondaggi) di fronte alle rassicurazioni ricevute, e sopratttutto di quelle immaginate.     La personalizzazione – i nomi e cognomi dei “mostri” e la “caccia” ai medesimi – ha avuto un innegabile effetto placebo.

 

Gli “analisti” (soprattutto generali a riposo e dietro di loro islamisti, antropologi culturali e ci verrebbe voglia di dire “nani e ballerine”) hanno detto e ripetuto la loro e poi sono ritornati nelle retrovie, fuori della luce della ribalta.  Tutto finito, dunque?

 

Manco per sogno perché se è vero che l’IS (anzi, scusate, secondo l’acronimo arabo, DAESH) usa – e sa usare – la rete, è anche vero che i tempi sono diversi e diversa è la capacità di azzannare sbucando fuori da dove meno ce lo si aspetta.   Così mentre dalla nostra parte del “fronte” luci prenatalizie e routine invernale dei campionati di calcio spingono media ed opinione al torpore decembrino c’è da dubitare che l’IS si fermi.  Piuttosto dovrebbe essere intento a combinare la valutazione della situazione sul terreno, il proprio terreno (ed ancora non si conosce l’impatto dei bombardamenti franco-russi…) con l’”after -choc” in Europa.

 

La “location” planetaria del conflitto e, d’altro canto, gli obiettivi diversi (tuttora antagonistici) del fronte anti-IS rendono praticamente impossibile la convergenza sull’obiettivo principale e apparentemente comune (polverizzare l’IS stesso).

 

Questo stallo spiega perché le cronache abbondino di iniziative che – come le si presentino – sono praticamente irrilevanti.   La “kermesse” di Bruxelles (21 arresti assolutamente non decisivi) ed il blocco totale della città (emblematicamente “Capitale d’Europa…) danneggiano evidentemente più noi che “loro”.

 

Così Cameron viene ricevuto a Parigi, ma –nonostante gli specifici legami bilaterali Franco-Britannici – Hollande “gode” di ben altri alleati: Putin in Siria, Obama in Mali.   Il tutto depone per la saggezza “terzista” del nostro Matteosubito.   Purtroppo a noi sembra che – più che di “saggezza” – si tratti della consueta furbizia tattica.    Sull’intero scenario post-venerdì nero di Parigi grava poi la farsa macabra del singolo terrorista che – praticamente da solo – avrebbe messo in ginocchio la Francia ed ora – perfino senza spargimento di sangue – un Paese minore, ma emblematico come il Belgio.   Peggio di così….

 

A Roma la data fatidica rimane l’8 dicembre, l’apertura del Giubileo.   Silenzio dal Vaticano che non pare desideroso né di confrontarsi pubblicamente, né di deviare sempre pubblicamente dal suo – unilateralmente – fissato calendario.   Non restano dunque che funerali, cerimonie, rimembranze.    Con gli inevitabili tocchi di ridicolo così cari alla nomenklatura italiana: esempio la dolorosa morte della giovane studiosa Valeria Solesin: “incastonata” dalla Boldrini in un “acquis” di “genere”.   Ma non stupiamoci per la “nomenklatura”: questa si sveglia nel momento del “bisogno” ed ecco così mantenuta – tra il lusco e il brusco e con il voto di spesa – la nostra presenza militare in Afganistan.

 

A far che?   Certo contrariamente al calendario di uscita già annunciato.    Nessuno lo sa.   Certo non un Parlamento la cui conoscenza (perfino del mappamondo…) è inferiore a quella della famosa “casalinga di Voghera.

 

Infine.   Tranquilli: la guerra continua.  Anzi non è mai cominciata.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto