Flash

23/11/2015

Flash

gy6zqwcv-1410837328

 

 

Per un intero – ormai invernale nel nostro emisfero – fine settimana è subentrata una sorta di calma maligna.  Il nostro “antagonista” ha assunto le sembianze di un coccodrilllo acquietatosi dopo il suo pasto scellerato di vittime umane.   Il nostro “fronte” interno – almeno a livello di pubblica opinione – è sembrato assuefarsi se non propriamente tranquillizzarsi (a credere ad assai ragionevoli sondaggi) di fronte alle rassicurazioni ricevute, e sopratttutto di quelle immaginate.     La personalizzazione – i nomi e cognomi dei “mostri” e la “caccia” ai medesimi – ha avuto un innegabile effetto placebo.

 

Gli “analisti” (soprattutto generali a riposo e dietro di loro islamisti, antropologi culturali e ci verrebbe voglia di dire “nani e ballerine”) hanno detto e ripetuto la loro e poi sono ritornati nelle retrovie, fuori della luce della ribalta.  Tutto finito, dunque?

 

Manco per sogno perché se è vero che l’IS (anzi, scusate, secondo l’acronimo arabo, DAESH) usa – e sa usare – la rete, è anche vero che i tempi sono diversi e diversa è la capacità di azzannare sbucando fuori da dove meno ce lo si aspetta.   Così mentre dalla nostra parte del “fronte” luci prenatalizie e routine invernale dei campionati di calcio spingono media ed opinione al torpore decembrino c’è da dubitare che l’IS si fermi.  Piuttosto dovrebbe essere intento a combinare la valutazione della situazione sul terreno, il proprio terreno (ed ancora non si conosce l’impatto dei bombardamenti franco-russi…) con l’”after -choc” in Europa.

 

La “location” planetaria del conflitto e, d’altro canto, gli obiettivi diversi (tuttora antagonistici) del fronte anti-IS rendono praticamente impossibile la convergenza sull’obiettivo principale e apparentemente comune (polverizzare l’IS stesso).

 

Questo stallo spiega perché le cronache abbondino di iniziative che – come le si presentino – sono praticamente irrilevanti.   La “kermesse” di Bruxelles (21 arresti assolutamente non decisivi) ed il blocco totale della città (emblematicamente “Capitale d’Europa…) danneggiano evidentemente più noi che “loro”.

 

Così Cameron viene ricevuto a Parigi, ma –nonostante gli specifici legami bilaterali Franco-Britannici – Hollande “gode” di ben altri alleati: Putin in Siria, Obama in Mali.   Il tutto depone per la saggezza “terzista” del nostro Matteosubito.   Purtroppo a noi sembra che – più che di “saggezza” – si tratti della consueta furbizia tattica.    Sull’intero scenario post-venerdì nero di Parigi grava poi la farsa macabra del singolo terrorista che – praticamente da solo – avrebbe messo in ginocchio la Francia ed ora – perfino senza spargimento di sangue – un Paese minore, ma emblematico come il Belgio.   Peggio di così….

 

A Roma la data fatidica rimane l’8 dicembre, l’apertura del Giubileo.   Silenzio dal Vaticano che non pare desideroso né di confrontarsi pubblicamente, né di deviare sempre pubblicamente dal suo – unilateralmente – fissato calendario.   Non restano dunque che funerali, cerimonie, rimembranze.    Con gli inevitabili tocchi di ridicolo così cari alla nomenklatura italiana: esempio la dolorosa morte della giovane studiosa Valeria Solesin: “incastonata” dalla Boldrini in un “acquis” di “genere”.   Ma non stupiamoci per la “nomenklatura”: questa si sveglia nel momento del “bisogno” ed ecco così mantenuta – tra il lusco e il brusco e con il voto di spesa – la nostra presenza militare in Afganistan.

 

A far che?   Certo contrariamente al calendario di uscita già annunciato.    Nessuno lo sa.   Certo non un Parlamento la cui conoscenza (perfino del mappamondo…) è inferiore a quella della famosa “casalinga di Voghera.

 

Infine.   Tranquilli: la guerra continua.  Anzi non è mai cominciata.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto