Flash

23/11/2015

Flash

gy6zqwcv-1410837328

 

 

Per un intero – ormai invernale nel nostro emisfero – fine settimana è subentrata una sorta di calma maligna.  Il nostro “antagonista” ha assunto le sembianze di un coccodrilllo acquietatosi dopo il suo pasto scellerato di vittime umane.   Il nostro “fronte” interno – almeno a livello di pubblica opinione – è sembrato assuefarsi se non propriamente tranquillizzarsi (a credere ad assai ragionevoli sondaggi) di fronte alle rassicurazioni ricevute, e sopratttutto di quelle immaginate.     La personalizzazione – i nomi e cognomi dei “mostri” e la “caccia” ai medesimi – ha avuto un innegabile effetto placebo.

 

Gli “analisti” (soprattutto generali a riposo e dietro di loro islamisti, antropologi culturali e ci verrebbe voglia di dire “nani e ballerine”) hanno detto e ripetuto la loro e poi sono ritornati nelle retrovie, fuori della luce della ribalta.  Tutto finito, dunque?

 

Manco per sogno perché se è vero che l’IS (anzi, scusate, secondo l’acronimo arabo, DAESH) usa – e sa usare – la rete, è anche vero che i tempi sono diversi e diversa è la capacità di azzannare sbucando fuori da dove meno ce lo si aspetta.   Così mentre dalla nostra parte del “fronte” luci prenatalizie e routine invernale dei campionati di calcio spingono media ed opinione al torpore decembrino c’è da dubitare che l’IS si fermi.  Piuttosto dovrebbe essere intento a combinare la valutazione della situazione sul terreno, il proprio terreno (ed ancora non si conosce l’impatto dei bombardamenti franco-russi…) con l’”after -choc” in Europa.

 

La “location” planetaria del conflitto e, d’altro canto, gli obiettivi diversi (tuttora antagonistici) del fronte anti-IS rendono praticamente impossibile la convergenza sull’obiettivo principale e apparentemente comune (polverizzare l’IS stesso).

 

Questo stallo spiega perché le cronache abbondino di iniziative che – come le si presentino – sono praticamente irrilevanti.   La “kermesse” di Bruxelles (21 arresti assolutamente non decisivi) ed il blocco totale della città (emblematicamente “Capitale d’Europa…) danneggiano evidentemente più noi che “loro”.

 

Così Cameron viene ricevuto a Parigi, ma –nonostante gli specifici legami bilaterali Franco-Britannici – Hollande “gode” di ben altri alleati: Putin in Siria, Obama in Mali.   Il tutto depone per la saggezza “terzista” del nostro Matteosubito.   Purtroppo a noi sembra che – più che di “saggezza” – si tratti della consueta furbizia tattica.    Sull’intero scenario post-venerdì nero di Parigi grava poi la farsa macabra del singolo terrorista che – praticamente da solo – avrebbe messo in ginocchio la Francia ed ora – perfino senza spargimento di sangue – un Paese minore, ma emblematico come il Belgio.   Peggio di così….

 

A Roma la data fatidica rimane l’8 dicembre, l’apertura del Giubileo.   Silenzio dal Vaticano che non pare desideroso né di confrontarsi pubblicamente, né di deviare sempre pubblicamente dal suo – unilateralmente – fissato calendario.   Non restano dunque che funerali, cerimonie, rimembranze.    Con gli inevitabili tocchi di ridicolo così cari alla nomenklatura italiana: esempio la dolorosa morte della giovane studiosa Valeria Solesin: “incastonata” dalla Boldrini in un “acquis” di “genere”.   Ma non stupiamoci per la “nomenklatura”: questa si sveglia nel momento del “bisogno” ed ecco così mantenuta – tra il lusco e il brusco e con il voto di spesa – la nostra presenza militare in Afganistan.

 

A far che?   Certo contrariamente al calendario di uscita già annunciato.    Nessuno lo sa.   Certo non un Parlamento la cui conoscenza (perfino del mappamondo…) è inferiore a quella della famosa “casalinga di Voghera.

 

Infine.   Tranquilli: la guerra continua.  Anzi non è mai cominciata.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto