Flash

13/10/2015

Flash

corn_bellagiornata

 

“Una bella giornata”  così commenta sull’«Unità» (quello che fu il giornale di Gramsci, Togliatti e soprattutto del “roccioso” Ingrao appena scomparso al traguardo del secolo di età… nonché del Berlinguer della “austerità morale”, peraltro a senso unico per i poveracci… ma forse lui non se ne era manco accorto… mentre il PD di oggi sa bene di essere il partito della classe  dominante…) il terzo polo della testuggine militare messa in piedi da “Matteopiùchesubito” per cancellare il Senato della Repubblica ed eliminare qualunque rischio di partecipazione popolare al processo politico.  Oggi infatti il voto finale al Senato medesimo (un vero e proprio suicidio costituzionale…) spazza via un pilastro della democrazia costituzionale e rappresentativa.  Naturalmente qualora venga doppiato anche lo “scoglio” del referendum ed in attesa che la legge elettorale Italicum sancisca che il Capo del Governo nomini da solo la maggioranza – se non la totalità – del Parlamento….

 

Insomma il massiccio e pluridecennale Luigi Zanda (ormai anziano rampollo di un noto Capo della polizia del post-fascismo) passato attraverso tutte le cariche – e i lucrosi incarichi della Repubblica incluso un bel consorzio nella disastrata Venezia  - ha felicemente affiancato l’arcigna (l’ex? Dalemiana) Finocchiaro e la petulante Ninfa Egeria del Capo, “Madonnina”  Boschi. per realizzare questa bella giornata.  Proprio bella.  E, se per Zanda e Finocchiaro siamo ormai all’inglorioso tramonto, la Boschi promette non solo una “bella giornata”, ma anche una “gloriosa” stagione.

 

E il Capo che fa?   Beh, si aggira ridente e sfottente tra le macerie del Paese e soprattutto delle grandi città del Nord (Milano e Bologna), del Centro (Roma), del Sud (Napoli) tutte impegnate nella tornata elettorale di primavera: ognuna di queste metropoli (per la scala dell’Italietta…) a modo suo infettata dalle macerie della politica, del malaffare, del disagio sociale e dall’assenza di qualsivoglia progetto e da una malavita diffusa che surroga e riempie tutti i vuoti.   Per questa ragione (e per quelle che abbiamo spiegato noi giorni scorsi) le dimissioni – anzi la Beresina – del Dr. Prof. Ignazio Marino sono diventate – per più versi e tutti negativi – un emblema dello sfascio e del buco nero in cui è entrato il decennio – o ventennio – renziano (tanto Renzi che Marino intendevano durare almeno fino al 2023…). Non ci vuole dunque l’oracolo per prevedere che tanto l’inverno che la primavera ci offriranno decine di belle giornate… per usare il lessico “zandiano”.

 

Del resto fin d’ora i commenti (in un tripudio di insignificanza come i nomi dei commissari, assistenti commissari giubilari, candidati sindaci che fanno impallidire i “nani” e le “ballerine” di craxiana memoria) sono del tipo: “oggi dimesso, il 2 novembre (giorno dei Morti) fuori definitivamente”.   Così l’atmosfera messa su dal Sindaco “epocale” inventato dal Pd ed ora infilzato in un voodoo dai geni del Nazareno dilaga nel Paese.   Lui ci mette del suo: non solo gli scontrini per i quali (peraltro come i 600mila euro spesi a Firenze dal giovanissimo Renzi di cui è in corso il riscontro…), ma – udite, udite – le ossessioni da “stalker” rivolte da Marino non già a giovanotte e/o giovanotti bensì al Santo Padre in persona che – riferiscono cronache odierne – avrebbe tentato – come ogni vittima di episodi di questo tipo – di cambiare il numero di cellulare incautamente a suo tempo dato al Sindaco Marino… Il che spiega l’uscita dai gangheri sull’aereo pontificio in volo tra Filadelfia e Roma.   E poi diciamolo chiaro anche per un Papa (tenuto alla paziente temperanza per dovere d’ufficio…) un senile Scalfari è più che sufficiente come interlocutore “personale”…

 

Intanto fibrilla la Capitale in attesa di vedere il detto Marino con fascia tricolore ad arringare la Corte (spera lui) all’imminente apertura del primo spezzone del processo per Roma Capitale.   L’avesse saputo il Procuratore di Roma Pignatone che vaso di Pandora andava ad aprire…   Infatti con la miccia del Marino furioso anche la più timida delle ouverture (pur con il ritmo lento/grave della magistratura italiana) rischia di trasformarsi in una sinfonia wagneriana.

 

L’unica speranza è che le punture di spillo quotidiane (già massicciamente partite) dei commenti e delle “notizie” ad “alto vuoto pneumatico” nauseino preventivamente l’opinione pubblica.    Ma non c’è troppo da sperarci….

 

Ed intanto il vasto mondo si complica.  Ed ammonisce.    La mattanza turca ha probabilmente perverse ragioni e sanguinari colpevoli, ma ne ha uno di cui non è necessario provare la colpevolezza ed ha un nome e cognome: il “sultano” Erdogan, che si è illuso e si illude di poter sviluppare economicamente un Paese civile e dinamico e giovane mantenendolo in una cappa di piombo repressiva.   Non funziona e non funzionerà, Isis o non Isis. E non funzionerà neppure la sequela di trucchi da Paese dei Campanelli (altro che Paese delle meraviglie…) messo in piedi dal giovane Renzi, dai suoi minuscoli compagnucci e – soprattutto – dai suoi autorevoli fan.

 

Si faccia spiegare da qualche acculturato collaboratore la parabola del Giappone alla fine del secolo scorso: arrivato al primato economico e affidatosi alla perpetuazione dell’imbalsamazione della politica e della società nipponica riusciva ad uccidere ogni possibilità di cambiamento e crescita reale.   E poi via con un ventennio di ibernazione e crisi che ancora dura.    Per l’Italia la prospettiva è esattamente la medesima, anzi già ci siamo.  Solo senza neppure crescita, né tanto meno piena occupazione.

 

La definizione più sintetica di questa politica (patetico bonapartismo a parte…) è “suicidio assistito”.    Che sia anche volontario è ancora da provare.

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto