Flash

09/10/2015

Flash

manifestazione-roma-contro-marino-pinocchio-15-11-14

 

 

 

E’ proprio vero, sempre più vero che il Signore acceca quelli che vuole perdere.  Il caso di Pinocchio Marino conferma che in Italia l’unica via di ricambio della classe dirigente è quella giudiziaria e/o quella della farsa più stupida e perfino tragica.   Ci fosse bisogno di conferme a questa tesi, è lo stesso Marino a fornirle assumendo un ruolo – ovviamente involontario – di testimone tanto impudico quanto cocciuto.    Megalomania, menzogna, fantasia malata (“Romani, Romane, ho impostato cambiamenti epocali”…) non sono sue prerogative , bensì la “cifra” di un’intera – peraltro modestissima quanto rapace – classe dirigente.

 

Perfino l’offerta di 20 mila euro (“regalo” lo chiama lui…) in simbolica e parzialissima restituzione del maltolto (peraltro di cui rifiuta la responsabilità quasi che le cene di famiglia, con amici importanti, chirurghi in visita eccetera eccetera fossero funzioni di servizio) non è servito a schivare le dimissioni.         Così l’arrogante Pinocchietto esce di scena, rischia un processo per peculato, insomma arriva a fine corsa di una finzione a cui ormai credeva solo lui stesso in un delirio narcisistico ai limiti della paranoia.  Facile dunque consegnarlo al ruolo di capro espiatorio e –al tempo stesso – tentare il salvataggio di tutti gli altri, perfino degli “scopritori” del Marino medesimo.

 

Ora – a parte la discesa “in campo” del Papa in persona che – giustamente – parrebbe (fastidio personale a parte…) aver espresso una più che legittima preoccupazione per la tenuta e riuscita del Giubileo (dottrina a parte…), si pone un serio (per i Romani, per tutti noi cittadini) problema sulle responsabilità che non possono essere tutte ascritte ad un uomo colpito da una sindrome assai diffusa in questa Italia: appunto l’estrema modestia circonfusa di un’aura artificiosa fatta inghiottire all’opinione pubblica a colpi di balle e di campagne promozionali e di pilotate eccitazioni.

 

Il Frankestein (tanto per dire…) del Campidoglio ha molti padri e tutti targati PD, vecchio e nuovo.  Loro l’hanno progettato, costruito e spinto alla rovina.   Sua e nostra.  Malgoverno, corruzione, incompetenza sono a Roma ben da prima di Mafia Capitale e del “glorioso” ritorno in patria del Dr Prof Marino dopo i “trionfi” negli States.    Un ricordo personale: alcuni decenni or sono manifestavo ad un caro ed onesto amico per decenni vicino al potere comunista e post-comunista molte ingenue perplessità per questa modestia (non priva di una sordida volgarità) dei dirigenti della sinistra romana.  La sua risposta (non consolante) suonava più o meno: “,, in questi “Congressi” romani si giocano le trippe.  Ecco appunto: le “trippe”… come si usa a Roma da almeno duemila anni…. Senza che da Oltretevere sia mai venuto un significativo “altolà”.    Anzi.

 

Mafia Capitale, “Terra di mezzo” non sono incidenti di percorso ma dati strutturali, storicamente sedimentati, di una società amorale, familista, criminale.  E la politica “politicienne” non è il medico che la curerà bensì un sintomo della malattia stessa.  Il funerale stile padrino, il prete che lo ha benedetto le forze dell’ordine che l’hanno protetto non sono deviazioni bensì caratteri fondanti.

 

Il punto è che nell’attuale degrado la Capitale è solo la cartina al tornasole e non il focolaio. Quindi del tutto insulsa la “caccia al Marino”.   Piuttosto torna di attualità il vecchio slogan: “Capitale corrotta di una Nazione infetta”.

 

Ma su tutto questo avremo modo di tornare nei fatidici venti giorni della “riflessione” di Marino.   D’altro canto, più che una riflessione, il tempo necessario per negoziare una buonuscita…

 

Intanto il vasto mondo cumula orrori ed antagonismi senza uscita ed il nostro Paese si limita ad assistervi come i bambini quando spiano e mimano le nefandezze dei grandi ma evitano di uscire dalle loro stanze dei balocchi.    Bombardiamo, non bombardiamo (attenti ai precedenti..), ci “concentriamo” sulla Libia (ancora? E come?) e lasciamo che i Grandi si occupino del Medio Oriente?…      Insomma a da passa’ la nuttata… e chissà che dopo il Giubileo (se e come ci sarà) non ci tocchino pure le Olimpiadi.

 

In fondo anche l’Expò di Milano è andato bene… e poco male se non ha cambiato il mondo e neppure i temi cruciali ai quali era (a chiacchiere…) dedicato.

 

Forse siamo il Paese giusto per questi tempi del caos.    E forse è per questo che si parla di un’Italia che andrà meglio della Germania…    Incredibile, ma vero…

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto