Flash

22/09/2015

Flash

maggiolino

 

La rivincita che aspettavamo (noi italiani ma anche molti altri nel vasto mondo) è finalmente arrivata: anche la Germania bara.  Lo spiega su “Repubblica” Vittorio Zucconi che manda dagli Stati Uniti uno dei primi articoli dell’anno ad alto contenuto di informazione pubblicati nell’intero anno dall’House Organ del tesserato numero 1 (almeno così si diceva… perché la “tessera” non è stata pubblicamente mostrata…) del PD e cioè l’Ingegner De Benedetti, il quale (sempre stando alle cronache ed alle visite domiciliari che gli praticava il già “braccio destro” di Renzi Graziano Delrio,  nei momenti in cui la stolida arroganza del giovanotto toscano rischiava di far saltare il suo ruolo) sarebbe anche uno degli artefici dell’attuale “premierato”.   Ma lasciamo tutto ciò agli storici futuri di una inarrestabile ascesa…

Per intanto assaporiamo la mole di dati e di considerazioni offertici da Zucconi su quella che un po’ all’ingrosso viene definita la caduta di un mito.  In verità si tratta di una caduta la cui frattura vale – per ora – il crollo di quasi il 20% del valore dei titoli del gruppo Volkswagen. Dunque, una mezza caduta: perché non è che la Casa tedesca facesse auto difettate (i Giapponesi della Toyota erano riusciti addirittura ad installare freni che i guidatori -soprattutto quelli un po’ più anziani – non riuscivano ad azionare nel momento (fatale…) del bisogno).  Qui è tutto ok, anzi in certo modo all’avanguardia perché si tratta – soltanto – di attivare (a rovescio) una centralina elettronica (passione eccessiva delle automobili germaniche…) occultando i dati dell’inquinamento.  Venivano così immesse sul mercato (anche e soprattutto quello statunitense almeno fino a quando non sono stati “sgamati” dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente, rischiando una multa record e caduta nelle vendite) auto altrimenti proibite per i rigidi parametri americani.

Dunque centraline manipolate in una sorta di revival del genio napoletano di adulterare e mascherare (chi ha dimenticato i cellulari finti, e le magliette con stampate meravigliose ed inesistenti cinture di sicurezza).   In breve fregare le regole, barare.   Fare più soldi.

E non vale neppure citare l’ironica risposta datami (all’epoca del mortifero scandalo dei freni Toyota efficienti quanto un cavo arrugginito di freno di una vecchia bicicletta…) dall’ex Direttore Ferrari Todt: “veda, non è facile costruire automobili…   Certo che no ma almeno i freni… o evitare di usare perversamente centraline perfette, forse sì.      Ciò che non si può fare è modificare le regole intrinsecamente truffaldine del capitalismo “liberale”, ovvero la regola  del massimo profitto.

Certo potremmo rammentare al Ministro tedesco dell’Economia – il famoso Dr Schauble – che le sue regole paranoiche più che ai Greci avrebbe dovuto imporle ai suoi amici industriali.  Soprattutto quando trafficano con prodotti che mettono a rischio la vita degli altri, piuttosto di quando si giocherella con i pezzetti (non più di carta come si vede in Tv, ma telematici) di carta moneta emessi dai suoi amici della BCE.   Ma a che pro?

E poi come potremmo farlo da un Paese, quale l’Italia, che almeno da un trentennio non “mette bocca” su quella cosa che in tutto il mondo si chiama “politica industriale”.   Qui da noi si preferisce farneticare di “capitani coraggiosi” chiamando così quei privati che accettano regali di Stato in cambio non si sa bene di che (Alitalia, aeroporti, telefonia, autostrade e soprattutto banche che dal settore pubblico e dai banchieri sono state donate da molti anni ai “bancari”, ma non a quelli allo sportello…).  In Germania, però, non è esattamente così anzi esistono e persistono varie forme di partecipazione pubblica ed ovviamente un coordinamento al servizio di un progetto unitario del Paese.    Per questo funziona, mentre l’Italia fa pensare (da molto tempo e non solo per questo) ad un banchetto di jene intorno ad un moribondo.  Jene da tenere tranquille con molti regalucci fisici e “morali” (tipo lasciarli interloquire sulle scelte immigratorie della Repubblica…).      E, in più, rassicurarli che chi li tocca “avrà del piombo” come il reietto Ministro ellenico Varoufakis.    Il tutto costituisce il “mantra” culturale del giovane Renzi il quale ha appena aggiunto al suo “catalogo” di spazzature della Storia (i “rottami” sui binari del “progresso” di cui parlava Marchionne?) il nuovo Leader del Labour Party Jeremy Corbyn.   Lui sì che ha capito tutto…

Ma questa è un’altra storia ed è la nostra preoccupazione più che dell’oggi, di ieri e di domani.

Intanto possiamo impietosamente gioire della “caduta di un mito”, mettere tra parentesi i mille aneddoti sulle Fiat che si “sfondavano” sul pavimento o la cui testata esplodeva al primo viaggio “fuori porta”.    D’altro canto se anche Obama ci ama ci sarà un perché…

Infine una piccola chiosa velenosa: Frau Merkel aveva già contattato gli industriali tedeschi dell’auto per verificarne la disponibilità  ad assorbire quote consistenti di immigrati e profughi: sperava forse di dar loro la “colpa” delle “truffe” americane  della Volkswagen?

Chissà… chiediamolo al tanto reclamizzato leader della Lega Salvini: notoriamente esperto nelle caratteristiche genetiche dei “clandestini” e nella loro evidente propensione truffaldina: stanno in albergo a 12mila stelle e manco pagano… anzi si fanno pagare.  Saranno della Volkswagen?

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto