Flash

06/05/2013

Flash

Dopo cinquanta giorni in cui si è visto “di tutto e di più” (soprattutto grazie al “pragmatico” padano del PD, ovvero l’“uomo delle lenzuolate”, Pierluigi Bersani) si è aperta ieri ufficialmente ed in prima serata televisiva  l’“era” del “Gattino Mammone”.   Vedendo e sentendo il neo Premier Letta (Enrico) nel sempre rassicurante salotto di Fazio, L’Italia ha sospirato di sollievo: dimenticato l’incubo spread, rinviata e forse cancellata l’IMU (almeno quella di giugno), pronti ad affrontare con calma e consapevolezza i pur gravi problemi del Paese.  In breve: l’estate è salva, almeno per chi se la può permettere.

E per chi già si trova in guai grossi o, peggio, ci si trova da troppo tempo (Paese incluso), scatterà tra un po’ l’operazione “vecchietti, rinfrescatevi nei supermercati” (tanto sono vuoti e ci si può passeggiare con calma…).  Insomma piano, piano, ma con illuminata decisione il giovane Letta riapre la strada ad un panorama che i più vecchi tra noi hanno già conosciuto ed in fondo rimpiangevano da un bel po’.   E che – in fondo – anche le generazioni successive tendono ormai a ricostruire mentalmente come una perduta “età dell’oro” in cui se le opportunità erano quelle che erano ed il Paese era tutto meno che entusiasmante, si poteva comunque sopravvivere e sperare in tempi migliori (mai venuti).

Che il bisogno primario dell’Italia fosse la rassicurazione lo si era capito da un po’: lo spettro greco (adeguatamente pubblicizzato fino al punto che lo stesso Grillo aveva definito il suo movimento come azione meritoria in quanto antidoto al neo-nazismo affiorato in una Grecia disastrata forse dimentica che i nazisti più dei classici Turchi l’avevano fatta soffrire) era lì ad evocare quanto fossimo prossimi all’“abisso”.     Di qui – mentre la “canizza” di politici terrorizzati sul proprio personale destino si avvitava su sé stessa – un passo dopo l’altro il Paese inventava “soluzioni”: il trionfo del movimento a cinque stelle, la rassicurante rielezione del  “nonno d’Italia”, il (semi) perdono a Berlusconi che – tutto sommato è uno di noi, anzi come noi e – forse – il migliore di noi….

Mancava un tassello, un collante dolcificato, ed ora è arrivato con il Governo pianificato dall’Ufficio marketing (come più propriamente andrebbe definita la classe dirigente del Paese) e guidato appunto dal “gattino mammone”.   Indubbiamente Letta ha mostrato da subito di saper cogliere lo spirito nazionale: accompagnare i bambini a scuola, guidare l’utilitaria della moglie per salire al Colle, emarginare l’improvvida pidiellina Biancofiore rea di accennare alla diversità sessuale come disvalore (e la bulimia berlusconiana?) rievocare le esperienze giovanili con l’Erasmus europeo (che – sia detto fra parentesi – qualche maligno ha ribattezzato con simpatia “Orgasmus” considerate le conoscenze che per lo più – ma forse non Letta – vi si acquisiscono) e, naturalmente, devozione – anche tattile – al Nonno.    Insomma un quadro che più rassicurante non si può: come e meglio della vecchia DC.

Questa è già visibile in un Governo mammuth (ma chi paga? Non si dovevano ridurre i “costi” della politica?) con dentro tutti e, naturalmente, il contrario di tutto.    Ed ora?   Nessuno lo sa, tra l’altro anche perché la storia ormai centenaria della sinistra italiana  (e con questa di ogni possibile riformismo) è arrivata – in un vuoto ed in una subalternità culturali che confinano con il ridicolo – ad un capolinea che difficilmente può essere ridefinito con il solo richiamo alla Costituzione.  O alla sola dimensione dell’integrazione continentale europea.   O, peggio, al vacuo richiamo ad una unità nazionale statuale che è – ahimè – fuori tempo massimo e somiglia da troppo tempo al “salotto di Nonna Speranza”.

Nel frattempo Oltretevere (dopo aver fortemente contribuito, tra l’altro, a “regalare” all’Italia il quarto di secolo berlusconiano) il dinamismo e la capacità operativa di rilancio anche nei valori appaiono determinati e – quasi – irresistibili.   Non si tratta di invitare Papa Francesco a “fare qualcosa per noi”, ma certo il clima si è fatto meno irrespirabile ed il Cielo sopra il Vaticano è evidentemente lo stesso sopra l’intera Italia.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto