Flash

18/09/2015

Flash

devis-masini-maria-de-filippi-638x425

 

I proverbiali “24 lettori” del “Cosmopolitaly” ci hanno più volte e variamente indicato il loro fastidio per la nostra – loro avviso – superflua e perfino nefasta tentazione a dedicare molta attenzione ai fatti di casa “nostra”  a scapito di quelli del vasto mondo ove si misura la praticabilità (o meno) della nostra ipotesi-guida, quella appunto (ormai “vecchia” di quasi  un quarto di millennio dell’adozione di un’ottica e di principi “cosmopoliti” (nonché – udite udite di pace universale e perfino di “ospitalità” verso gli altri umani).

D’altro canto Il “vecchiume” che spira dalle immortali pagine del razionalista (non: “buonista”) Kant ha finito per stancare  anche chi come noi da quasi mezzo secolo sostiene idee e valori come la cooperazione internazionale, il ripudio delle “soluzioni” belliche, la morte degli Stati nazionali, la necessità delle integrazioni regionali (tipo l’Europa, non l’Abruzzo Molise…) e di tutte le forme di pacifica sovranazionalità, la corresponsabilità tra aree sviluppate e quelle “in via di sviluppo”, tra Paesi demograficamente emergenti e quelli calanti.  E via utopizzando, in piena dimenticanza di un fatto storico assai evidente e cioè che il 900 può essere classificato come l’era del sadismo, mentre il secolo appena apertosi già si configura come quello del masochismo.     E, dunque, a dispetto di intelligenti richiami di lettori e amici, anche il Cosmopolitaly subisce il richiamo dei bassifondi della cultura e della scienza politica, quelli della carne e del sangue, depravati e a (lungo?) andare suicidarii.

Certo per noi è chiarissimo come l’attuale dibattito politico italiano si situa nella spazzatura delle idee e dei valori positivi. Eppure il nitore kantiano non intriga: il nuovo libro dell’amico Rampini (uno dei pochi che regolarmente porta il mondo nel Paese del “cappuccino e cornetto”, delle mafie, dei familismi e della doppia morale) parla esplicitamente di “seduzione del caos”,  dice infatti Rampini: “l’ordine antico sta franando e di un ordine nuovo non c’è neppure traccia”.   Ed allora a che pro parlarne?

Più divertente seguire giorno per giorno la fantapolitica renziana, la saga del Senato “museale”, le falsità presentate come verità e le verità come gabbole per gonzi e passatisti.

L’ultima del duetto Renzi Boschi (a sua volta “benedetta” da quella “routard” della politica di nome Finocchiaro e vedete voi a che personaggio dei cartoon accostarla…) è quella di “Matteosubito”: … sono settant’anni che gli italiani aspettano questa “riforma”.  E già: dopo aver sopportato quel vecchiume della Costituzione repubblicana (detestata secondo Renzi perfino prima di nascere…) cioè “da 70 anni!!!) gli (ex) cittadini italiani finalmente potranno essere evirati sia sul piano istituzionale che su quello elettorale (il consenso e l’indicazione popolare a Renzi non è servita… e vedete come sta bene….è bravo e forte….).    Insomma dopo settant’anni ci saremmo liberati di questi impacci… e non si creda che il fastidio degli Italiani sia in toto per la nomenklatura politica e per quello che è diventata: priva di idee e progetto che non sia autoreferente, incolta, parassitaria e dannosa, contigua con le mafie.   No: questo piacerebbe al popolo bue, il problema è il bicameralismo imperfetto…..    Dunque come si fa  non parlarne?

Infatti ne parliamo.  Eppure ce ne scusiamo.    Anche se è ammirevole la preveggenza del Premier che nell’anno (appunto del 70°) vigilia della Repubblica e dell’elezione dell’Assemblea Costituente  prepara per l’anno prossimo il referendum dal quale – finalmente – se dispone di un consenso pari ad almeno il 10% di quanto quotidianamente gli attribuiscono giornali e media sovvenzionati e prezzolati.    Del resto quello a cui stiamo assistendo è il “remake” a colori e con effetti speciali di un vecchio film in bianco e nero.   Finito assai male, (per citare Renzi: ottanta anni fa….) ma dei cui contenuti sembra che l’Italia non riesca a liberarsi.   I protagonisti di oggi, tutti presi dalla strada ma potentemente appoggiati hanno perso in “classicità” ma – in compenso – sono perfetti esempi del post-moderno all’italiana.   Di nuovo, altro che Kant e vasto mondo, qui le scene sono dominate (oltre che da Renzi e co.) da tal signora De Filippi e da apposito bambinetto piangente e seminudo esposto al ludibrio della “giuria” televisiva.   E magari a volute concupiscenze di assai diffusi malintenzionati.

Metafora della nostra condizione?

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto