Flash

17/06/2015

Flash

o-MICHELLE-OBAMA-GARDEN-facebook-900x300

 

“Laudato si…”:  con il brutto episodio della sospensione di un giornalista “vaticanista” dalla Sala Stampa di Oltretevere (la sua colpa: aver anticipato il contenuto delle duecento pagine dell’imminente enciclica ”verde” ed umanista di Papa Bergoglio, riducendone così l’impatto mediatico e favorendo il fuoco di sbarramento del “fronte” conservatore interno ed esterno al Vaticano) è partita la più complessiva iniziativa fin qui messa in campo dal “papato d’emergenza”  lui affidato dall’ultimo Conclave.

Mentre avremo tempo – ed occasione – per tornare più diffusamente sull’Enciclica da un titolo così impegnativo che – infatti, si richiama esplicitamente al messaggio (XIII secolo….) di Francesco, il poverello d’Assisi, possiamo fin d’ora notare come il voluminoso documento tenti la saldatura tra i temi della conservazione del Pianeta (di cui saremmo “custodi” e non possiamo essere indefinitamente e squilibratamente “depredatori”) e quelli dell’insostenibilità- per le stragrandi maggioranze dei “terricoli” – dell’attuale modello della esclusiva centralità finanziaria e capitalistica.   In buona sostanza Bergoglio compie (per coerenza? Per ricerca di credibilità?) un’inversione di 180 gradi rispetto a quando il suo predecessore Woytila (il crociato dell’anticomunismo)  allontanava da sè a spintoni ed altro (se ne videro con dolore documentazioni visive) i sacerdoti “sociali dell’America Latina.    Ma – per ora – fermiamoci qui.

Intanto a Milano il nostro Premier si consola della sberla ricevuta domenica dagli (scarsi…) elettori italiani  e si pavoneggia a Milano con la Presidenta planetaria Michelle Obama che (con figlie e madre) cerca di rinfrescare le proprie convinzioni “verdi” nel posto meno eco-bio d’Italia.    Probabilmente ha ricevuto informazioni errate sull’Expo oppure – grazie all’orticello bio dietro la Casa Bianca – pensa anche lei che MacDo e CocaCola vanno bene per le masse purchè gli “Happy Few” possano accedere ai cibi “giusti”.

Il tutto (Premier britannico Cameron milanese compreso) conferma la concezione della politica e del Governo di Matteosubito: a Ventimiglia si bastonano i migranti e si prendono schiaffoni dagli altri Paesi europei, Milano Expo è la vetrina per gli allocchi e – di fatto – il salotto buono per Matteosubito ed il suo provincialismo….  Se non siamo alle brioches di Maria Antonietta poco ci manca.   D’altro canto se il tutto non disturba il Vescovo di Roma (Bergoglio) perché dovrebbe disturbare noi….     In fondo siamo – da sempre – consapevoli fan delle ascelle di Michelle.

Tornando sulla terra.   I migranti stanno dove stanno: tra stazioni e scogliere.  Il capo di Mafia Capitale tal Buzzi (già star del PD romano con statisti del calibro del suo sodale Odevaine e di tutta  la  compagnia della “Terra di mezzo”) “offre” 600 euro e qualche mese di riposo a casa sua in cambio della sua impunità (e del suo silenzio).  I milioni invece se li tiene.  Il Sindaco Marino (geniale trovata del Ras PD capitolino Goffredo Bettini, ora in meritato ozio dorato al Parlamento di Strasburgo…) resta “avvinto come l’edera” nonostante le allusioni renziane ad un possibile “trapianto”.    Insomma tutto come prima… più di prima nell’Italietta.

Anzi no.   Decine di migliaia di insegnanti – archiviata ogni promessa ed ogni impegno – vengono invitati – con solito garbo – di farsi sentire tra un paio d’anni.   Proprio come le elezioni.   Eccola là la “buona scuola”  Come già con l’Ialicum la “buona” democrazia.  Intanto il Presidente Mattarella si riposa dopo le gag con Quentin Tarantino… Diviso – come è – tra un replay della gag nazionale del “e che mi chiamo Antonio….”, ovvero io non c’entro… Il tutto arricchito da iniziative-confetto come i bambini ”diversamente abili” a passeggio nella tenuta di Castel Porziano.  Una delle tante “properties” già reali inutili e costose da dismettersi non oggi, ma ieri.

Più giù Il popolo bue si è appena “goduto” il tax day” di ieri ed i talk show di regime spiegano quanto sono belle e buone e necessarie le tasse.   Quelle dei poveracci, of course, naturalmente.

Breve.  Siamo al “Business as Usual”.      Una domandina facile facile ce l’avremmo per il duo di “King Maker” di Renzi e della sua “Band Wagon” e cioè il cittadino svizzero Carlo De Benedetti ed il canadese Sergio Matchionne: “ma voi uno così –anche se “campione” – l’avreste assunto nelle vostre aziende?  E, se sì, non potreste riallocarlo da un’altra parte?    Ma presto per carità…

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto