Flash

15/06/2015

Flash

ventimiglia_migranti_su_scogli_ventimiglia_getty_01

 

Un Paese “pluralista” la cui capitale è tornata ai fasti imperiali di due millenni fa: tutto vi si tollera, tutto si celebra e – naturalmente – tutto si compra e si vende.  In un solo giorno, mentre Papa Bergoglio torna alla “base” (riceve migliaia di boys – e girls – scout, si intrattiene nella pastorale della sua diocesi, cioè Roma ed affida agli uni l’antidoto ai “muri” e cioè i “ponti” mentre tenta di rincuorare gli altri alla disperata di un qualunque senso morale nella capitale forse più corrotta d’Europa) il giulivo Sindaco Marino (beato lui!) passeggia al centro di un corteo “gay pride” che – invece di celebrare conquiste sociali quanto meno logiche – testimonia di un’arretratezza, più fatta di marginalità che di avvertita coscienza.

Dunque un epico “calderone” che solo un tipo come Matteosubito potrebbe definire ricchezza o addirittura “entusiasmanti prospettive”.  Quando è evidente che prova – se ce ne fosse bisogno – che il calderone purulento sobbolle indisturbato in un diapason che – quello sì – ci mette al centro della confusione planetaria. I dati appena presentati da una rispettata sociologa come Chiara Saraceno ci mostrano intanto (per quelli che non sanno decifrare i mugugni e i ringhi salviniani e maroniani presentati da media tanto incolti quanto irresponsabili come proposta politica…) come l’Italia detenga il record europeo del razzismo.   Il prossimo dibattito televisivo sarà su come e dove avviare i primi progrom (vedasi) … a partire da quelli contro gli zingari “che rubano i bambini”.  Naturalmente fino a quanto le cooperative del PD Buzzi non rubano a loro…

In breve, solo un Papa (buono ed ottimista, se non altro per dovere professionale) può ragionevolmente invocare per Roma una rinascita “morale e spirituale”.   A noi basterebbe quella “morale”…     Intanto, mentre Roma mette su una tendopoli intorno alla Stazione Tiburtina avanzando già una bella richiesta di finanziamento extra (a Milano il perbenista sindaco Pisapia si accontenta che i profughi/immigrati/clandestini non defechino più sotto gli occhi dei pudibondi passeggeri della Capitale “morale”), al valico di Ventimiglia si mette in scena una pantomima esemplare: i “disperati” (avanposti di una migrazione inevitabile che non solo non è nuova nella storia – ancora fino a metà del secolo scorso c’eravamo anche noi Italiani – ma è stata accuratamente preparata ignorando tutti i segnali sulla necessità di un riequilibrio Nord Sud nello sfruttamento delle risorse planetarie o – peggio – inscenando la mostruosa rapina della “lotta alla fame nel mondo” e al saccheggio della “cooperazione allo sviluppo”): una pantomima in riva al mare che esemplifica ed annuncia come l’Italia renziana dovrà pagare da sé i costi della propria incapacità ed imprevidenza.      Ma niente paura: il “campione” (parole dell’ex emigrato nonché “King Maker” Marchionne) Renzi ha pronto un “piano B”.    Peccato che l’abbia tenuto nascosto durante il celebrato semestre a Presidenza italiana….

Lo affiderà al “competente” Ministro Alfano che ha dichiarato urbi et orbi che metterà con le spalle al muro i suoi omologhi europei aprendo la propria allocuzione con la frase “attenti ragazzi”…. E via così in un’imitazione perfetta di “braccio di ferro”, la musica di fondo verrà fornita dal duo Salvini-Maroni (Roger e Hammerstein) con refrain della stampa nazionale: “c’è un limite anche alla nostra – italica – bontà…”.   Altro che “Evita” interpretata da Madonna.

Che dire?  Che fare? L’unica cosa veramente pronta è l’”Italia diversa” minacciata da Alfano, più “diversa” di così si muore.   ……  Ma si muore noi, non solo gli immigrati che Maroni vorrebbe rinchiudere nel deserto libico, magari spingendoli a colpi di fucile.   Nel delirio quest’ultimo invoca i “Caschi blù” dell’ONU… Se no – dice lui – che ci stanno a fare le Nazioni Unite?  Già che ci stanno a fare.   E, del resto, il nesso politica interna/politica internazionale ovvero quello tra “Nazione” (quella che piaceva tanto all’ex internazionalista Napolitano…) e globalismo è finalmente entrato nel dibattito politico (anche quello sull’integrazione europea e sia pure “filtrato” dalla rozza visione leghista…) .   Purtroppo il modo il cui vi è entrato fa rimpiangere il folclorico provincialismo italiano di una volta…  Arridatece il Presidente Leone ed i suoi canti felici di “Torna a Surriento” alla Casa Bianca…  O magari l’Aldo Moro che faceva saltare la cuffia della traduzione al teutonico Kissinger…

Si potrebbe continuare per pagine, ma a che pro?   Intanto, mentre il “campione” Renzi tenta di scaricare il peso della sconfitta elettorale sui passanti e non sulla sua inconsistenza, è partita la liquidazione del cosiddetto Partito Democratico, un bluff eccessivo perfino per un Paese come il nostro.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto