Flash

28/05/2015

Flash

don-rodrigo_1

 

“Piove Governo ladro”, così un’antica saggezza popolare la cui fondatezza lasciamo giudicare ai nostri interlocutori (i proverbiali 24 lettori…): a noi convince e tanto più ci convince se al brontolio impotente sostituiamo una piccola analisi storica dei “segni del cielo”.    Eravamo in Cina nel luglio 1976 (un’era storica fa, quando ancora esisteva una cosa chiamata – forse arbitrariamente – “comunismo”) quando un disastroso e mortifero terremoto scosse Tangshan (se non ricordiamo male più di mezzo milione di morti).       E si parlò subito del “segno del cielo”, di una dinastia che finiva.    Vero, falso?  Fondato, infondato?   Certo è che già ad ottobre spariva il “Grande Timoniere” Mao Zedong raggiungendo il più amato e fascinoso Primo Ministro (“il Primo Ministro è sempre il nostro Primo Ministro”…) Zhou Enlai.

Si chiudeva così l’epoca storica della Liberazione cinese e si apriva quella del “risveglio” cinese: quella a cui stiamo assistendo in questi ultimi anni con qualche apprensione.  Anche perché la nostra previsione sulla “inevitabile” democratizzazione che avrebbe accompagnato lo sviluppo delle forze produttive si è rivelata (dai fatti di Tiananmen in poi) fallace.   Resta il punto della fine di un’era annunciata dalla catastrofe naturale….  Qui da noi il punto è – oggi – se i megatemporali (con annessi allagamenti) di ieri pomeriggio su Roma e Napoli avranno lo stesso traumatico risultato e ci libereranno del renzismo e dei suoi accoliti.

D’altro canto alla tradizione “cinese” potremmo affiancare un “topos” della cultura italiana moderna (a partire dal cosiddetto Rinascimento): e cioè quella immortalata da Alessandro Manzoni con i “Promessi sposi” come vera musica di fondo dell’”Unità d’Italia”.     Ed infatti i toni di Renzi e dei suoi a difesa del prevaricatore-icona Vincenzo de Luca – Sindaco sceriffo di Salerno nonché condannato (in primo grado certo ma non solo da voci malevole….)– e Presidente “in pectore” dell’intera Campania (una volta: “Campania Felix”) rievocano alla grande le prevaricazioni di Don Rodrigo (con tutti i suoi “Bravi”: da Guerini a Stumpo e compagnia cantante).   Lo stesso Renzi – cronicamente ebbro di arroganza ha rilanciato una sorta di “me ne frego” a più stadi ed una strategia di annichilimento della Legge Severino sulle incompatibilità…   Per farla breve: lui dice che “tirerà dritto” e De Luca sarà Presidente… Le leggi le metteranno in gabbia…

Resta solo da vedere che penseranno gli elettori campani (quelli a cui il vescovo di Acerra lanciava già anni fa il famoso “iatevenne” (andatevene).    E noi, noi italiani tutti che dovremmo fare? Andarcene tutti e lasciarli soli?   Magari nel fatidico 2018 delle prossime elezioni…..  Oppure reclamare – come ci  informano le odierne cronache di Sicilia – un congruo prezzo per il nostro voto?   D’altro canto apprendiamo ora che anche il celebrato Mons Paglia della celebrata Comunità di Sant’Egidio avrebbe scambiato speculazioni edilizie (niente meno che un castello in Umbria…) come un’”opera di bene”.   Ecco cosa succede quando lo Stato non fa quanto dovrebbe fare e lascia campo libero ad autoproclamati “mediatori planetari”.  Salvatori della dignità nazionale, difensori dei poveri ( e meno male che ce ne sono sempre di più…) e veri e propri “prezzemoli” benefici di una società governata da Don Rodrigo e dai suoi.

Chissà, si vedrà.  Ed intanto sogniamo che – anche da noi come in Cina – si realizzino i “Segni del Cielo”.  E che Don Rodrigo sia confinato ai libri di scuola ed archiviato come l’ennesima “fuga dalla realtà” di un popolo… come dire.. “leggero”.   E, per ciò stesso, costretto a “con-vivere” (come scrive il dotto, nonché ex Ministro montiano, capo carismatico della disinvolta ma religiosa assai Comunità romana) con ogni sorta di peccatori.     E magari ad essere sempre più peccatore esso stesso.  Forse ha proprio ragione il saggio Cardinal Parolin che – all’indomani del voto irlandese – ha parlato di “sconfitta per l’umanità…”.   Vero, certamente vero, ma più che a Dublino avrebbe dovuto guardare intorno a sé.  Bastava fare quattro passi nella Città Eterna: avrebbe trovato di tutto e di più.   Altro che gay e nuovi diritti.

Auguri e figli maschi. Viva il Sindaco De Luca, viva lo “strano soldato” Renzi che si avanza tra le macerie della Repubblica.  Viva i “valori non negoziabili”…  tra i quali non ci sono – ahinoi – quelli che ci sono più cari.   E, naturalmente, viva i “segni del cielo”.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto