Flash

25/05/2015

Flash

quarto-stato-disegno

 

Non bastassero barconi ed annegati, esseri umani e memorie del nostro passato (esempio d’oggi Palmyra tra i mille) decapitati da fanatici (per ironizzare un po’ si veda, o si riveda, “Timbuctù”…) ecco arrivare finalmente i nodi al pettine nel cuore dell’Europa: Irlanda e Grecia le due facce opposte della stessa medaglia.    Mentre intanto la Spagna – a partire da Madrid e Barcellona -  vede vincere movimenti partecipativi ed anti-austerity assai simili al greco Syriza.   Ma cosa unisce (o divide) la svolta irlandese sui diritti civili alla “resistenza” (popolare o populista?) di Tsipras e Varoufakis alla morsa dell’infinita litania del mortifero unilateralismo del capitale finanziario e dei suoi “cani da guardia”?

Forse la risposta è più semplice di quanto lascerebbe pensare l’evidente eterogeneità dei fatti del giorno.   E all’indagine possono giovare gli “indizi” collaterali sparsi a piene mani dal nostro (nel senso che parla a due passi da qui e cioè dall’interno del colonnato di San Pietro) Papa Bergoglio.   Il quale di una colpa non può certo essere accusato: e cioè di non parlar chiaro, oppure di non mettere i fatti uno dietro l’altro…

Da Dublino non è venuto – a nostro modestissimo avviso – un segnale di marcia avanti nella civiltà dei diritti quanto piuttosto un rifiuto massiccio della unilateralità, dell’ingabbiamento dei desideri e delle aspirazioni umane, siano esse maggioritarie o no.   Maggioritario – anzi largamente maggioritario – è piuttosto il segnale di adeguare e liberare le norme e riportarle ad un’etica consensuale.  E’ un punto questo su cui il Papa si muove da mesi (con i Sinodi, la “centralità” della famiglia, e così via).    Allo stesso modo ha recepito con il “Giubileo della Misericordia” il rischio di una fuoriuscita di controllo della violenza umana.  Violenza tout court e non soltanto le forme guerresche della medesima.   Altro problema è quello della congruità degli strumenti adottati dalla Chiesa romana: raduni, missioni pastorali e peggio ancora assemblearismo apparente dei raduni-monstre, come appunto i Giubilei.      Ma qui ognuno lavora con gli strumenti suoi propri… almeno fino a quando (e se…) non ne avrà costruito altri…

E, d’altro canto tanto il segnale “eversivo” venuto da Dublino contiene anche un implicito messaggio anti-autoritario del tutto parallelo a quello che percorre buona parte dell’Europa… peraltro con l’evidente e paradossale eccezione dell’Italia.    Anzi sia detto per inciso spetta a noi un solitario primato negativo, anzi un intero “set” dei primati negativi: autoritarismo sfrenato camuffato da rinnovamento e “benedetto” da una superfetata e cadente nomenklatura – tanto impudente quanto inetta – il tutto condito (come una sorta di glutammato a poco prezzo per cibi cinesi di cattiva qualità) da finti “descamisados” per “dirottare” i riottosi ed i ceti marginali verso il nulla: da Grillo a Salvini il filo rosso della inconcludente provocazione, della diversione sistematica è del tutto evidente.    Li si potrebbe definire vere e proprie “riserve” o “ascari” di questa – ripetiamo “questa” – Repubblica…

Ovvio che così si conferma la fantasiosa – e stucchevole – teoria dell’inesistenza delle alternative…

Esemplare del vuoto di pensiero che corre dalle Alpi al Lilibeo l’incredibile celebrazione riservata in questi giorni di ricorrenza in Italia dell’”inutile strage” (come la definì il Pontefice dell’epoca…vedendo cadere in pezzi in un mare di sangue la “Nazione cristiana europea”): la retorica del Piave e più in generale la Prima Guerra Mondiale.   Conoscerla certo, celebrarla è senza senso come lo è stato appena ieri celebrare acriticamente e senza prospettive future il 150esimo anniversario dell’Unità.

Infine continua a suscitare – se non stupore – certamente malessere l’Italia così fuori da qualunque movimento innovatore: politico, economico, sociale.   Il tutto in una marcia indietro, in un’indifferenza morale (si pensi solo a quelli che rubano impunemente ad immigrati, gruppi emarginati, scampati alle acque, eccetera eccetera): un Paese di mostri dickensiani, di una gioventù apatica perché acritica…..

Gli eroi vanno in televisione o non sono.   E fosse solo quello: noi no, noi non “podemos” … quanto ai gay si vedrà….  Davvero viva l’Italia.   E, per piacere non paragoniamola alla “impudente” Grecia: lì i pensionati li difendono, qui gli cassano i diritti e gli fanno (ma non a tutti…) l’elemosina.   Grazie Italia.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto