Flash

25/05/2015

Flash

quarto-stato-disegno

 

Non bastassero barconi ed annegati, esseri umani e memorie del nostro passato (esempio d’oggi Palmyra tra i mille) decapitati da fanatici (per ironizzare un po’ si veda, o si riveda, “Timbuctù”…) ecco arrivare finalmente i nodi al pettine nel cuore dell’Europa: Irlanda e Grecia le due facce opposte della stessa medaglia.    Mentre intanto la Spagna – a partire da Madrid e Barcellona -  vede vincere movimenti partecipativi ed anti-austerity assai simili al greco Syriza.   Ma cosa unisce (o divide) la svolta irlandese sui diritti civili alla “resistenza” (popolare o populista?) di Tsipras e Varoufakis alla morsa dell’infinita litania del mortifero unilateralismo del capitale finanziario e dei suoi “cani da guardia”?

Forse la risposta è più semplice di quanto lascerebbe pensare l’evidente eterogeneità dei fatti del giorno.   E all’indagine possono giovare gli “indizi” collaterali sparsi a piene mani dal nostro (nel senso che parla a due passi da qui e cioè dall’interno del colonnato di San Pietro) Papa Bergoglio.   Il quale di una colpa non può certo essere accusato: e cioè di non parlar chiaro, oppure di non mettere i fatti uno dietro l’altro…

Da Dublino non è venuto – a nostro modestissimo avviso – un segnale di marcia avanti nella civiltà dei diritti quanto piuttosto un rifiuto massiccio della unilateralità, dell’ingabbiamento dei desideri e delle aspirazioni umane, siano esse maggioritarie o no.   Maggioritario – anzi largamente maggioritario – è piuttosto il segnale di adeguare e liberare le norme e riportarle ad un’etica consensuale.  E’ un punto questo su cui il Papa si muove da mesi (con i Sinodi, la “centralità” della famiglia, e così via).    Allo stesso modo ha recepito con il “Giubileo della Misericordia” il rischio di una fuoriuscita di controllo della violenza umana.  Violenza tout court e non soltanto le forme guerresche della medesima.   Altro problema è quello della congruità degli strumenti adottati dalla Chiesa romana: raduni, missioni pastorali e peggio ancora assemblearismo apparente dei raduni-monstre, come appunto i Giubilei.      Ma qui ognuno lavora con gli strumenti suoi propri… almeno fino a quando (e se…) non ne avrà costruito altri…

E, d’altro canto tanto il segnale “eversivo” venuto da Dublino contiene anche un implicito messaggio anti-autoritario del tutto parallelo a quello che percorre buona parte dell’Europa… peraltro con l’evidente e paradossale eccezione dell’Italia.    Anzi sia detto per inciso spetta a noi un solitario primato negativo, anzi un intero “set” dei primati negativi: autoritarismo sfrenato camuffato da rinnovamento e “benedetto” da una superfetata e cadente nomenklatura – tanto impudente quanto inetta – il tutto condito (come una sorta di glutammato a poco prezzo per cibi cinesi di cattiva qualità) da finti “descamisados” per “dirottare” i riottosi ed i ceti marginali verso il nulla: da Grillo a Salvini il filo rosso della inconcludente provocazione, della diversione sistematica è del tutto evidente.    Li si potrebbe definire vere e proprie “riserve” o “ascari” di questa – ripetiamo “questa” – Repubblica…

Ovvio che così si conferma la fantasiosa – e stucchevole – teoria dell’inesistenza delle alternative…

Esemplare del vuoto di pensiero che corre dalle Alpi al Lilibeo l’incredibile celebrazione riservata in questi giorni di ricorrenza in Italia dell’”inutile strage” (come la definì il Pontefice dell’epoca…vedendo cadere in pezzi in un mare di sangue la “Nazione cristiana europea”): la retorica del Piave e più in generale la Prima Guerra Mondiale.   Conoscerla certo, celebrarla è senza senso come lo è stato appena ieri celebrare acriticamente e senza prospettive future il 150esimo anniversario dell’Unità.

Infine continua a suscitare – se non stupore – certamente malessere l’Italia così fuori da qualunque movimento innovatore: politico, economico, sociale.   Il tutto in una marcia indietro, in un’indifferenza morale (si pensi solo a quelli che rubano impunemente ad immigrati, gruppi emarginati, scampati alle acque, eccetera eccetera): un Paese di mostri dickensiani, di una gioventù apatica perché acritica…..

Gli eroi vanno in televisione o non sono.   E fosse solo quello: noi no, noi non “podemos” … quanto ai gay si vedrà….  Davvero viva l’Italia.   E, per piacere non paragoniamola alla “impudente” Grecia: lì i pensionati li difendono, qui gli cassano i diritti e gli fanno (ma non a tutti…) l’elemosina.   Grazie Italia.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto