Flash

17/04/2015

Flash

poster-mr-smith-goes-to-washington_08

 

“Mr Smith Goes to Washington”: un indimenticabile film di Frank Capra del 1939 in cui James Stewart rappresenta un “quidam de populo” – anzi un uomo qualunque della provincia statunitense inviato nella Capitale per raddrizzare torti arrecati dalla politica nazionale agli onesti e laboriosi americani della provincia.   Come si vede, siamo all’opposto del serial “House of Cards” in cui le stesse regole “machiavelliche” – quanto meno spietate –  valgono per il centro e la periferia dell’Impero.

A questo pensavamo quando il nostro Mr Smith – Matteosubito – si involava per la Capitale di quello che una volta si chiamava il “mondo libero”… ma quelli erano i tempi delle indimenticabili missioni  di inevitabile “vassallaggio” dei De Gasperi (dignitoso), dei Leone (del tutto fuori contesto… per non dire altro)… Ed oggi dove siamo?  A parte naturalmente la totale assenza della grazia leggera e del felice ottimismo di Capra e di Jimmy Stewart.  Beh, siamo a cercare di conferire una qualche consistenza che – vista da Washington – è solo un’annotazione sul carnet degli impegni del Presidente Obama, ma per il giovane (ahinoi) Premier costituisce il momento della consacrazione.    Una consacrazione che svapora di giorno in giorno in Patria e che si spera di rinverdire dall’esterno.

I contenuti (ancorchè strombazzati come di consueto nell’era del renzismo…) sono ovviamente secondari: l’economia (più la nostra che la loro…) e la sicurezza nel Mediterraneo (appunto il “Mare Nostrum”).  Purtroppo, più che chiedere, dovremmo portare risultati (che non ci sono) ovvero un rinnovato sforzo di affidabilità (che lo stile a lungo prossimo all’isteria del premier rende assai difficile).    Tra gli “atout” si ricorda l’esistenza di un “amico  comune” nella persona dell’abruzzese atlantico Sergio Marchionne: salvatore della Chrysler e grande sponsor del Renzi medesimo.    In breve uno sfondo roseo che esclude anticipatamente qualunque rischio per Renzi.    I rischi – se mai – sono in patria dove il doppio pateracchio delle cosiddette riforme istituzionali e di quella elettorale (e non certo i patetici mal di pancia della minoranza PD…) è in procinto di esplodere su sé stesso.   Il che spiega il nuovo “aperturismo” renziano: un Renzi che sembra aver finalmente capito  che il “jackpot” non è conquistato per sempre…  Difficile lo possa assicurare a lungo a colpi di gite transatlantiche…

Nel frattempo i dati dell’economia italiana restano (magari esportazioni a parte) comatosi a conferma che l’Italia si trova da anni in una crisi strutturale e “sistemica”: tale quale al ventennio (eh sì…) horribilis del Giappone che nessuna “trovata” del Primo Ministro Abe  ha potuto migliorare proprio perché non intendeva modificare un modello sociale conservatore e paralizzatore.   Il tronfio Renzi difficilmente potrebbe far meglio.  Certamente non lo farà moltiplicando insopportabili banalità come quella dell’”Italia bella addormentata”.   Che lui, proprio lui, la risveglierebbe con il suo bacio da Principe azzurro venuto dalla provincia fiorentina.  Novello Lorenzo con un intero paese a pezzi che lui trasformerebbe con la sua bacchetta magica (verbale), manco sessanta milioni di individui ed il loro irrisolto fardello storico fossero assimilabili alla Ministro Boschi, alle corifee mandate in tutte le cariche elettive e tribune televisive…    Intanto di scandalo in scandalo, con i corrotti sistemici asserragliati in una Staligrado autoprotettiva continuano a fare quello che hanno sempre fatto: non solo corrompere e dissipare le risorse nazionali ma perpetuare il coma di una classe dirigente (a tutti i livelli) inetta e cooptata.   Di continuo riciclata in un valzer ormai macabro ed assestando – qua e là – colpi agli “stracci” (esempio il poliziotto incauto “fan” delle violenze decise ed attuate a Genova, ma certamente non da lui).

Ci pensa il diavolo a fissare i dettagli: il famoso spread che risale, liste locali inzeppate di discutibili indagati, ripresa non già dell’occupazione bensì delle chiusure manifatturiere. E, sullo sfondo, insopportabile tedio per le falfaluche continuamente proposte da un Governo palesemente inadeguato.   Intanto a pezzo a pezzo (più per senilità che per moralizzazione…) svaporano pezzi della tecnostruttura politico-amministrativo del Paese.   Gli “ersatz” (i succedanei forse più presentabili ma certamente più incompetenti e velleitari) vengono prodotti a getto continua.   Ma la fucina è sempre la stessa.   Diceva molti anni fa il celebrato Nanni Moretti: “con questi non vinceremo mai”.  Noi no, loro sì.   E ci trascineranno tutti nella loro rovina.

Infine vigilia d’Expò: aerei potenzialmente pericolosi svolazzano sul magico recinto, le acque sotterranee della marcita lombarda ribollono e aspettano le famose e caratteristiche piogge della prima estate milanese.  Quanto alla celebrazione del 25 aprile è ufficiale la sua semi-cancellazione.   E certo che dovremmo celebrare?

Auguri novello Mr Smith: si distragga a Washington.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto