Flash

17/04/2015

Flash

poster-mr-smith-goes-to-washington_08

 

“Mr Smith Goes to Washington”: un indimenticabile film di Frank Capra del 1939 in cui James Stewart rappresenta un “quidam de populo” – anzi un uomo qualunque della provincia statunitense inviato nella Capitale per raddrizzare torti arrecati dalla politica nazionale agli onesti e laboriosi americani della provincia.   Come si vede, siamo all’opposto del serial “House of Cards” in cui le stesse regole “machiavelliche” – quanto meno spietate –  valgono per il centro e la periferia dell’Impero.

A questo pensavamo quando il nostro Mr Smith – Matteosubito – si involava per la Capitale di quello che una volta si chiamava il “mondo libero”… ma quelli erano i tempi delle indimenticabili missioni  di inevitabile “vassallaggio” dei De Gasperi (dignitoso), dei Leone (del tutto fuori contesto… per non dire altro)… Ed oggi dove siamo?  A parte naturalmente la totale assenza della grazia leggera e del felice ottimismo di Capra e di Jimmy Stewart.  Beh, siamo a cercare di conferire una qualche consistenza che – vista da Washington – è solo un’annotazione sul carnet degli impegni del Presidente Obama, ma per il giovane (ahinoi) Premier costituisce il momento della consacrazione.    Una consacrazione che svapora di giorno in giorno in Patria e che si spera di rinverdire dall’esterno.

I contenuti (ancorchè strombazzati come di consueto nell’era del renzismo…) sono ovviamente secondari: l’economia (più la nostra che la loro…) e la sicurezza nel Mediterraneo (appunto il “Mare Nostrum”).  Purtroppo, più che chiedere, dovremmo portare risultati (che non ci sono) ovvero un rinnovato sforzo di affidabilità (che lo stile a lungo prossimo all’isteria del premier rende assai difficile).    Tra gli “atout” si ricorda l’esistenza di un “amico  comune” nella persona dell’abruzzese atlantico Sergio Marchionne: salvatore della Chrysler e grande sponsor del Renzi medesimo.    In breve uno sfondo roseo che esclude anticipatamente qualunque rischio per Renzi.    I rischi – se mai – sono in patria dove il doppio pateracchio delle cosiddette riforme istituzionali e di quella elettorale (e non certo i patetici mal di pancia della minoranza PD…) è in procinto di esplodere su sé stesso.   Il che spiega il nuovo “aperturismo” renziano: un Renzi che sembra aver finalmente capito  che il “jackpot” non è conquistato per sempre…  Difficile lo possa assicurare a lungo a colpi di gite transatlantiche…

Nel frattempo i dati dell’economia italiana restano (magari esportazioni a parte) comatosi a conferma che l’Italia si trova da anni in una crisi strutturale e “sistemica”: tale quale al ventennio (eh sì…) horribilis del Giappone che nessuna “trovata” del Primo Ministro Abe  ha potuto migliorare proprio perché non intendeva modificare un modello sociale conservatore e paralizzatore.   Il tronfio Renzi difficilmente potrebbe far meglio.  Certamente non lo farà moltiplicando insopportabili banalità come quella dell’”Italia bella addormentata”.   Che lui, proprio lui, la risveglierebbe con il suo bacio da Principe azzurro venuto dalla provincia fiorentina.  Novello Lorenzo con un intero paese a pezzi che lui trasformerebbe con la sua bacchetta magica (verbale), manco sessanta milioni di individui ed il loro irrisolto fardello storico fossero assimilabili alla Ministro Boschi, alle corifee mandate in tutte le cariche elettive e tribune televisive…    Intanto di scandalo in scandalo, con i corrotti sistemici asserragliati in una Staligrado autoprotettiva continuano a fare quello che hanno sempre fatto: non solo corrompere e dissipare le risorse nazionali ma perpetuare il coma di una classe dirigente (a tutti i livelli) inetta e cooptata.   Di continuo riciclata in un valzer ormai macabro ed assestando – qua e là – colpi agli “stracci” (esempio il poliziotto incauto “fan” delle violenze decise ed attuate a Genova, ma certamente non da lui).

Ci pensa il diavolo a fissare i dettagli: il famoso spread che risale, liste locali inzeppate di discutibili indagati, ripresa non già dell’occupazione bensì delle chiusure manifatturiere. E, sullo sfondo, insopportabile tedio per le falfaluche continuamente proposte da un Governo palesemente inadeguato.   Intanto a pezzo a pezzo (più per senilità che per moralizzazione…) svaporano pezzi della tecnostruttura politico-amministrativo del Paese.   Gli “ersatz” (i succedanei forse più presentabili ma certamente più incompetenti e velleitari) vengono prodotti a getto continua.   Ma la fucina è sempre la stessa.   Diceva molti anni fa il celebrato Nanni Moretti: “con questi non vinceremo mai”.  Noi no, loro sì.   E ci trascineranno tutti nella loro rovina.

Infine vigilia d’Expò: aerei potenzialmente pericolosi svolazzano sul magico recinto, le acque sotterranee della marcita lombarda ribollono e aspettano le famose e caratteristiche piogge della prima estate milanese.  Quanto alla celebrazione del 25 aprile è ufficiale la sua semi-cancellazione.   E certo che dovremmo celebrare?

Auguri novello Mr Smith: si distragga a Washington.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto