Flash

14/04/2015

Flash

el cid

 

Quando si rientra in “patria” dopo qualche giorno nel “vasto mondo”  bastano poche ore per avvertire il crescere dentro di sé di una invincibile nausea assortita di noia, stanchezza, impotenza di fronte ad un mondo imbalsamato nella sua decrepitezza.    La similitudine già richiamata è quella paradossale del Cid: che era morto eppure veniva portato alla battaglia contro i “Mori”.   Era appunto morto ma – grazie all’armatura – veniva legato al cavallo e la sua spada minacciosa ancorata alla medesima armatura.     E’ questo il modo in cui l’Italia ingaggia la sempiterna battaglia contro sé stessa.   Naturalmente l’espediente – per quanto scenografico – non fa paura a nessuno ed anzi, a noi qui dentro nel Paese “più bello del mondo”, fa infinita tristezza.    Perfino il già rutilante Matteosubito appare il Cid di sé stesso.

Crollano ponti e scuole, l’Expo (l’”arma segreta” della riscossa nazionale già magnificata dallo stesso pontificante Presidente Napolitano) aprirà con un solo padiglione chiuso.    Appunto quello italiano.   Del resto – “fuffa” postecologista e gastronomia stellata (in tempi di cassonetti ispezionati da anziani, marginali e – perché no? – nuovi poveri prodotti dal disastro sociale) – questo è il mondo nuovo promessoci dal renzismo , degenerazione suprema e post-moderna di un “riformismo” appunto “cidiano”.

Le uniche novità vengono dalle prime crepe nella (apparente) tranquillità del messaggio papale: sempre più fioco e sempre meno ricco di speranze anzi incrinato da inopportune impazienze a fronte di una bisaccia “miracolistica” sempre più vuota.  Il miracolo annunciato avrà forse salvato la credibilità della Chiesa di Roma ma “intra moenia”, nella prediletta Italia, non funziona.    Non muove nulla: un malato e mezzo non fanno un sano.  La querelle sul genocidio armeno (genocidio peraltro vero, verissimo, tale e quale a quello che nella Germania di Kant, Goethe e quant’altri non ha divorato soltanto non ebrei e zingari ma una vasta panoplia di “diversi” per pietrificarsi da tempo in un eccezionalismo negativo che traccia una indebita frontiera tra buoni e cattivi identificabili entrambi ad occhio nudo…) ha già rischiato di aprire nuove contrapposizioni proprio dove non ne avevamo alcun bisogno.      In verità non esiste solo la “banalità del male” della Arendt, ma anche – e ahimé – la banalità del bene.

Quanto all’orticello di casa (quello che Voltaire proponeva a lenire le ansie di Candido) per un Incalza che parte (per ora in galera) e ad un decennale ras delle strade nazionali (sic) Ciucci ”sbarcato” dal Del Rio post cattolicissimo Lupi per plateale e conclamata impresentabilità (ormai crollano pure le autostrade e strade già costruite, non solo quelle in costruzione) arriva un “riformatore” Boeri.  Si annunciano “grandi” novità: pensioni “flessibili” (ma che saranno mai?) e come nell’indimenticabile primo “centrosinistra” innovazioni “epocali” come l’unificazione pensionistica al “primo del mese”.    Breve: cambiare tutto per non cambiare nulla.   Il tutto a mascherare l’imbalsamatura del Paese dei Gattopardi nel più maestoso episodio della storia contemporanea di inamovibilità di una classe dirigente che ha fatto di inettitudine e corruzione un “brand” inarrivabile, imperituro esempio del “made in Italy”   Dunque “simul stabunt” e – a Dio piacendo – “simul cadunt”.

Che altro dire?   Godiamoci i primi sentori di primavera: con finestre aperte ed un qualche ricambio.   Di aria, se non altro.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto