Flash

17/04/2013

Flash

Ci vorrebbe il primo Tarantino, quello dei film con gli ammazzamenti reciproci fino a farsi fuori tutti, per entrare nel clima della lotta per il Quirinale.   Con buona pace del Santo Padre che ammonisce a non farsi “prendere dall’ambizione” e dall’ “io”, stanno esplodendo tensioni e voluttà di potere accumulate in decenni.    E, di nuovo, nessuno pensa agli altri sessanta milioni di italiani.    Mangino questa minestra o saltino dalla finestra…  Purtroppo non soltanto in senso metaforico.

“Ignobile e miserabile, indegno di un uomo di Stato” così l’autorevolissima ex candidata alla Presidenza del Senato ed ora – niente meno che – della Repubblica, la rieletta Senatrice del PD Anna Finocchiaro.   Un profluvio di commenti isterici all’oggettiva constatazione di Matteo Renzi che la medesima non è forse il candidato preferito degli italiani al Quirinale, anzi che forse non è adatta… “nonostante” l’abbondante quarto di secolo trascorso il Parlamento…

Pare dimenticare questa matura “routard” della politica la vicenda che ha visto coinvolto – e a giudizio – il marito titolare in Sicilia di un’impresa sanitaria: un “appaltuccio” di quasi 2 milioni di euro dai contorni non proprio chiari.  Altro che spesa all’IKEA con i gorilla/facchini, che pure rievoca i fasti della nomenclatura sovietica (da noi riservati “legittimamente” al benestante Berlusconi).

Che ciò sia conforme al profilo etico della “donna di Stato” (per usare il pomposo linguaggio dell’esponente della “casta”) è ovviamente dubbio, ma corrisponde al clima – all’humus – in cui il vertice del PD cerca di “cucinare” il nome “condiviso” destinato a placare il “dominus” del post-elezioni: tal Silvio Berlusconi alla cui messa fuori gioco si asserisce di lavorare da decenni.     Un impegno così assorbente che – con tutta evidenza – ha impedito al vertice del PD (Renzi incluso) di costruire, non si dica una ricetta per uscire dalla crisi o una visione per il futuro, ma perfino una prospettiva immediata per l’Italia e soprattutto per i ceti “a rischio suicidio”.      Che difficilmente potranno essere salvati dal ritorno “post-ventennio” dell’unto del Signore (magari “unto” non proprio da “quel” Signore oggi rappresentato dal Papa Francesco)  eppure sempre capace di ipnotizzare il gruppo dirigente del PD.

“Sagunto cade e a Roma si chiacchiera”, così il dotto Grillo, ma è difficile non concordare su questo punto nella triste attesa di quello che uscirà dal “pentolone” giovedì o nei giorni immediatamente seguenti.     Chi infatti potrebbe scommettere su di una scelta che metta fuori gioco il Caimano ed accetti di confrontarsi con il “moralismo”  eversivo che sottende al movimento a 5 stelle?

Post. Scriptum.  Aperto da Berlusconi il fuoco di sbarramento su Romano Prodi: reo di averlo battuto elettoralmente per due volte e, soprattutto, di godere di una credibilità esterna e competenze per il Paese che rischiano di oscurare le sue più che famose “performances” interne ed internazionali. Fatta circolare perplessità sull’età dell’ostico Stefano Rodotà peraltro più giovane di Napolitano di quasi una decade (meglio, molto meglio il duttile Amato…).    E soprattutto no a Prodi anche per evitare un sollevamento popolare (di chi?):  un ultimatum probabilmente accolto da qualche parte con compiacimento.

Quanto infine alla “moralista” legalitaria Milena Gabbanelli sarebbe come ammettere la pur evidente inettitudine della nomenclatura politica nazionale.  Meglio deludere un’ennesima volta un Paese stanco, sfiduciato e – appunto – senza nessuna prospettiva di cambiamento di questo orrendo status quo rotto soltanto da suicidi, licenziamenti, fughe di massa per altri lidi.

Conclusione.  Speriamo in un errore di valutazione…   A domani..

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto