Flash

31/03/2015

Flash

slide_45

 

Una volta le insegne erano “VINI E OLI” ed era un’Italia felice o – quanto meno – speranzosa di un futuro tutto da costruire.  Insomma la famosa situazione in cui i figli potranno stare “meglio” dei padri.    Adesso – sotto il regno felice di Matteo Renzi- le insegne potrebbero recare la scritta “Vini e Libri”.    Parrebbe un miglioramento, o il frutto della crisi produttiva dell’olio.  Viceversa si tratta dell’ennesimo disvelamento dell’intreccio tra corruzione e politica.   Intreccio, non politica distratta o carenza di controlli.     Prima Roma con la “mafia del Cupolone” (o Venezia con il Mose e la faraonica diga mobile sulla laguna, o l’incredibile Expò di Milano realizzato come una “fiera degli obei, obei” dell’otto dicembre ) ed ora siamo arrivati nella bella isola di Ischia ove – per aiutare la famosa Coop Concordia “metanizzando” a caro prezzo  i bisogni energetici – si passava per assurdi acquisti di (per altro discutibili) vini prodotti in “D’Alema land” e dei libri firmati dal medesimo.     In breve da “libro e moschetto” a “vino e libretto”.

Basterebbe quest’ultima storiella in cui la “metanizzazione” forzosa in mezzo al Mediterraneo diventa – da tutti i versi – la prova provata della rapace follia della nomenklatura nazionale ovvero da un punto di vista estetico il capriccio d’alemiano per avere la sua D’Alema Valley in Umbria invece che la “Napa” in California (magari ci inviterà la sua amica la guerrafondaia USA Condoleza Rice…)…   D’altro canto c’era da tempo ben peggio come il Museo fantasma (il Maxi di Roma) realizzato con soldi nostri non per esporre (non c’é niente…) bensì per regalare ad un personaggio come tal Giovanna Melandri nota sola per essere un personaggio della Roma “bene” di “sinistra” una sinecura perpetua di grande conforto.

Assolutamente normale tenuto conto che il “giro” è quello in cui campeggiava lo stretto collaboratore del Sindaco Veltroni quell’Odevaine (i nomi variano in grafia come nel clan dei  Marsigliesi…) già condannato per questioni di stupefacenti.     Anche qui libri su i bambini africani e dosi massiccie di “kennedismo”.   Senza commenti.   Come senza commenti il matrimonio hollywoodiano del custode della cassaforte renziana (la Fondazione – udite udite – “Big Bang”, ora ribattezzata in Italiano…) Marco Carrai…

Qui l’intreccio – rilanciato dai fatti ischitani e da un cattivo vino al metano – non è tra soldarelli e politica quanto consiste in una “terzomondizzazione” del Paese.   Un merito “storico” degli pseudoriformatori “all’italiana”…   Ed intanto Matteosubito continua instancabile a cianciare di “riforma” elettorale.  Che “tutto il mondo ci invidia”.  Né più né meno che l’Expò di Coca Cola, McDonald e… Banca Intesa.      Non era per questo che ci si era battuti difendendo la candidatura al Bureau delle Esposizioni di Parigi…  Anzi si sperava che la “finestra” internazionale avrebbe messo la sordina all’ottuso provincialismo meneghino dei Maroni e dei Salvini, ma anche di quello “glamour” dei Formigoni e compagnia.

Ed ora, come nelle fiabe dell’orrore lo spettro di Berlusconi sindaco nel 2016 mette un sigillo da “Famiglia Adams” ad un saga vergognosa.   Altro che storica occasione…

In verità questa fastidiosa (per dire il minimo) sensazione di salto all’indietro, di ritorno nel passato camuffato con un modernismo d’accatto sorretto da una macchina mediatica ormai a pieno regime e dotata di mezzi poderosi non è circoscritta alla notizie di cronaca (per lo più giudiziaria) ma investe tutta la politica, tutte le vicende maggiori del Paese.   E’ – per esempio – quanto sta accadendo fino ai massimi livelli istituzionali – ove quel tanto di “novità della continuità” rappresentato dall’elezione alla Presidenza della Repubblica del giudice costituzionale e reduce (sia pure ad altissimi livelli: vicePresidente del Consiglio con D’Alema, Ministro della Difesa, autore del “Mattarellum” elettorale) della seconda Repubblica Sergio Mattarella sta scivolando in uno sbiadito silenzio e – peggio – in una rituale visibilità di “rango”.   Non bene per l’Italia, forse ok per il forsennato protagonismo renziano.

Di fatto, una riduzione a-costituzionale di un ruolo che negli ultimi anni si era dilatato ma (e lo diciamo noi che abbiamo condiviso ben poche delle scelte e delle iniziative di Giorgio Napolitano) aveva in qualche modo costituito un “ancoraggio” (anche internazionale) ed una testimonianza della residua credibilità del Paese.

Stretti – come siamo – tra i lustrini renziani e lo squallore quotidiano del degrado nazionale, bombardati di successi immaginari, divisi e spaccati su di una agenda reale che stenta a venire alla luce non siamo affatto entrati in una promettente primavera, ma – di giorno in giorno – consumiamo un interminabile autunno di cui non è dato conoscere l’esito.   In questo senso – e solo in questo – siamo l’avanguardia della crisi d’Europa.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto