Flash

30/03/2015

Flash

landini

 

La Madonnina Boschi, definitivamente trasformata da totem personale a statista in piena regola è apparsa nell’elegante Cernobbio per dare al Gotha economico una buona novella: dall’inverno semo fora è cominciata la ripresa.

La mistica è quasi degna di Lourdes e – stringi stringi – si riduce ad un mirabolante (e tutto da provare) + 0,7% di “crescita” nel 2015… e poi – sbattendo gli occhioni ed agitando le bionde ciocche – ha precisato che il Governo non intendeva fare trionfalismi…. E meno male perché se avesse voluto farli sarebbe venuto “Matteosubito” in persona….   Davvero i due – sia detto senza irriverenza alcuna – possono entrare in quel pantheon di mitici eroi della fantasia popolare, insomma coppie celebri che hanno acceso nei secoli la fantasia di milioni di giovani in cerca di un posto al sole.   E così sia.

Intanto dal lago ad una finalmente assolata piazza romana si poteva misurare la spaccatura che divide il Paese in due come una mela deformata dai trucchi della modificazione genetica: a Nord il trionfo di un’operazione di trasformismo politico e di illusione mediatica senza precedenti, al centro – in quella che una volta venne definita la “Capitale infetta di una Nazione corrotta” e tale è rimasta a pieno pienissimo titolo si raccoglievano decine migliaia di “vinti” operai, disoccupati, giovani, qualche spirito libero.  Insomma quelli che Marchionne (affidandoli alle “cure” di Renzi) definì “rottami da togliere dai binari” (e, perché no, anche dai c.).    Questo – nell’eclissi della democrazia e della rappresentatività – è il vero “Divide” dell’Italia di oggi.

Purtroppo il tentativo dei “vinti” di mettere in piedi forme di resistenza prima e di riscatto poi parte azzoppato da strumenti arcaici e – appunto – già sbaragliati dai rapporti di forza affermatisi da quasi mezzo secolo sia nelle società nazionali (ohibò) che in quella globale.    Il disperato progetto di Landini e della FIOM di far rinascere (quasi un secolo dopo) quelle Unions cancellate decenni or sono da Margaret Thatcher riflette una logica ormai subalterna e comunque da “vinti”.   Il ritorno della rocciosa Camusso a Piazza del Popolo non si definisce come lotta di potere al vertice della CGIL quanto piuttosto perché quella piazza è “sua”.   Non del volontarismo di Landini.   Ci aveva provato (con partecipazione “milionaria”) il buon Cofferati e già i sicari del vertice post-comunista (D’Alema e co) avevano provveduto a demolire quell’abbozzo di progetto.   L’”intermezzo” berlusconiano aveva fatto il resto.

Nel frattempo la realtà economico-sociale ha raggiunto un punto di non ritorno.  E ciò rende un po’ patetica la bella giornata romana.   Allo stato attuale e alla luce delle intelligenti osservazioni dell’economista francese Piketty sul crescente rifiuto popolare (e dei pur maggioritari ceti subalterni) di riconoscersi nell’illusionismo reazionario di Renzi va dunque affiancata un’ammissione di impotenza.  Almeno con mezzi tradizionali e su scala “domestica”…    Pare quasi di essere tornati al “luddismo” (vedasi…)… logico che in questo contesto- invece di una bella sghignazzata – l’ipotesi dell’ottuagenario Berlusconi di candidarsi a Sindaco di Milano susciti commenti e dotte analisi.    Infatti sarebbe il sigillo finale sull’impossibilità della partecipazione e del controllo popolare sulle “trasformazioni” in atto.  Il ritiro del Sindaco Pisapia ne è in un certo senso la premessa…     E del resto la crescente farsa dell’Expo – che aprirà senza il padiglione italiano completato – dimostra fino a che punto siamo già.    La missione fiorentina di Mattarella (il Capo dello Stato voluto da Renzi e dai mandarini superstiti della Nomenklatura…) che fa partire l’Expo da Palazzo Vecchio (e non da una sbagliata “campagna” nazionale di un decennio fa) non fa che confermare che esiste (in ombra) la realtà delle cose, ma ciò che si vede è solo lo stucchevole (per noi) Verbo  renziano.   Se non è dittatura questa, cosa lo è?

Infine.  Forse più che dal duetto crozziano di Piazza del Popolo di Camusso e Landini (con un pizzico di Rodotà e Saviano assente ingiustificato…) bisognerebbe appunto partire dai punti – invano – ricordati da Piketty: l’archiviazione definitiva del trentennio espansivo seguito alle II Guerra mondiale, la deindustrializzazione, l’emarginazione socio-politica dei ceti popolari e medi (inclusa l’asfissia della già quantitativamente modesta borghesia colta), la ridislocazione planetaria dall’incartapecorita Europa verso altre regioni del Globo dall’Asia all’Africa e perfino all’America Latina, il passaggio dallo Stato sociale alla regressività fiscale (i ricchi non pagano mentre gli altri perdono il poco che avevano), i moribondi (fino a quando?) gli Stati nazionali e le loro retoriche guerre da “pupi siciliani”.  Il tutto senza contare il “buco nero” del “conflitto di ‘civilizzazioni’ ormai completamente metastizzato.

Grazie a Dio che giorno dopo giorno di tutto questo i media non parlano…  Mentre impazza la magica coppia Renzi Boschi con il buon nonno di Arcore e tanti altre figurine da collezione.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto