Flash

12/03/2015

Flash

civitavecchia-lacrime

Autocritica: ormai dobbiamo rassegnarci a quel penoso – ma doveroso – esercizio che consiste fondamentalmente nel prendere atto della realtà: il bene fatto indefessamente da chi comanda e le nostre colpe.      I fatti sono davanti a noi tutti.   La “rivoluzione” renziana è splendida, il Paese è diventato fresco, giusto e veloce (per usare l’aggettivazione renziana).  La “Madonna” Boschi (un po’ come la famosa Madonna che piangeva a Civitavecchia qualche anno fa) è lì pronta ad ammonirci – e magari punirci “per il nostro bene” ogni volta che faremo  soffrire il suo “Gesù”, incarnatosi in Matteosubito.

Davvero saremmo ingrati a sminuire i copiosi regali che ci vengono elargiti da un Governo, che “tutto il mondo ci invidia”.   Anche oggi la manna è piovuta dal cielo.   Cinque euro (cinque…) sonanti per i felici cittadini romani che risparmieranno e si godranno la “svolta” nel pagamento della tassa dei rifiuti.   Gli studenti di tutta Italia che riceveranno la “buona scuola”.  Per tutti il sollievo di non dover più scegliere i propri rappresentanti in Parlamento.   Peraltro un Parlamento dimezzato e messo sotto tutela da un Governo che – per partenogenesi –si nominerà da solo.     Non solo ma nulla sfugge all’orgia riformatrice: la RAI avrà un “gauleiter” (i famosi proconsoli nazisti…) direttamente nominato dal Governo e – così – le notizie saranno solo buone….   Anche questa si chiama “riforma”….

In breve ce ne è per tutti e ai “gufi” – come noi – non resta che piangere.   O telefonare al Questore e chiedere che intervenga a nostro favore o a favore dei nostri cari, o care…   La suprema Corte ha deciso che non c’è reato, a meno che non minacciamo o facciamo pelose profferte al Questore medesimo.    Ma noi non siamo fessi e parleremo – sicuri di essere ascoltati – al Questore con gli stessi toni flautati usati dal già pregiudicato Berlusconi Silvio la notte di Ruby.

Con il che – per ora – l’”affaire” Berlusconi si chiude, salvo lo schieramento dei vescovi della CEI autoarruolatisi  nei ranghi – assai comodi e certo farisaici – dei “benaltristi” con il loro proclama che la “legge” e la “morale” sono due cose diverse.   A parte che non si capisce bene da che parte lorsignori stiano.  In ogni caso ricordiamo ancora una volta che non solo la morale è “un’altra cosa”, ma anche il diritto.   L’Italia è, e resta, il tempio del “summum ius, summa iniuria”.

E, tuttavia, il mondo non è tutto rose e fiori.  E così il boss leghista Salvini ha trovato i profittatori a cui “spezzare le reni”: gli immigrati che “curiamo gratis”… quando più che altro li dovremmo far fuori, quanto meno sospendendo le “cure” ai clandestini…   Brutalità, mancato rispetto dei diritti universali ed una fitta coltre di idiozia (altro che “polveri sospese”…) hanno invaso il sacro suolo della Patria.    Fino a quando dovremo sopportare tutto questo?    La risposta è semplice: indefinitamente.   Almeno se dobbiamo aspettare Rosy Bindi o la cosiddetta minoranza post-comunista del PD.    Entrambi continuano a strisciare nel mentre annunciano stentorei “ma ora basta…”.     Basta che?

In breve il Paese vive come sospeso, mesmerizzato da un incantatore di provincia che spaccia ogni sua mossa regressiva in una sorta di “lunga marcia” verso le magnifiche sorti e progressive.   Promette l’abolizione del canone RAI ed intanto se la pappa.  Il resto mancia…

Nel quotidiano, piuttosto che seguire trepidanti la guerra degli “stracciac…” Salvini e Tosi o la resurrezione dell’incartapecorito Caimano o – meglio ancora – la nascita di un robo chiamato “Italia unica” (ma chi la Venchi-unica del cioccolato?) partorita dall’irrequieto tycoon Passera (nomen….), la ragione suggerirebbe di interrogarsi sul recupero delle quote sindacali.   Ormai ridotte al rango di una controproducente beneficienza ad enti inutili….

In breve un Paese morto ed asfissiante.    Ma per colpa di chi?    Pensiamoci nel fine settimana.  Tanto non c’è molto altro da fare.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto