Flash

20/02/2015

Flash

Feyenoord-tifosi-roma

 

Chi legge le note di “Cosmopolitaly” si sarà domandato se il pessimismo che le pervade (e così violentemente simboleggiato dalle due teste mozze in Siria riprese ieri: carne umana non fatti statistici…) non sia eccessivo, voluto, soggettivo.   Non è così, e basterebbero a provarlo due “dati” registrati nella giornata di ieri: uno consiste nelle statistiche ancora una volta rese note sulla disoccupazione – anzi “inazione” giovanile – e l’altro è illustrato dal “sacco di Roma” (mezzo millennio dopo quello dei Lanzichenecchi…1527) inscenato dai cosiddetti tifosi Olandesi comportatisi come i talebani con le statue di Buddha in Afghanistan, e tollerato – o meglio né previsto, né disciplinato – dai responsabili della sicurezza nella città (i celebrati Prefetto e Questore…).     Sul primo punto basti dire che l’Italia – con quasi il 30% di giovani che né lavorano, né studiano (il doppio negativo della Francia ed il triplo della Germania…) non ha visto alcun miglioramento che conforti l’acritico, provocatorio, trionfalismo Renziano.

Peraltro non l’avrebbe trovato né negli altri indicatori economico-sociali, né nel sinistro “storiario” degli scandali: dall’Expò, alla “Cupola” della Capitale per arrivare alle accuse di “insider trading” ed influenze nel caso della Banca popolare dell’Etruria legata alla famiglia dei “riformatori” Boschi: Boschi come la “Madonnina” appunto riformatrice.     E questi sono soltanto esempi spiccioli perché – sul fondo – tutto continua come prima, peggio di prima: carceri, tribunali, insolvenze tra i maggioritari “poveracci”, crescente disagio sociale e, naturalmente, vuoto culturale e morale (tanto da aver praticamente ammutolito il tenace Bergoglio).   Un panorama ovviamente desolante che il solito Renzi definisce “piagnisteo”.   Già che c’è da lamentarsi?  Lui si sta divertendo e così gli “amici” suoi.  Ma non la stragrande maggioranza degli Italiani che non sanno a che Santo votarsi e – per di più – vengono infastiditi (irretiti?) da personaggi sempre peggiori e sempre più pericolosi: la discesa dal burbero “fantasista” Grillo al “Le Pen italiano” Salvini e al suo oscurantismo “franco e virile” ben rappresenta la discesa infernale in corso nella dialettica politica.

Quanto a quel che resta di Berlusconi l’unica idea che viene è quella di chiedergli – per una volta – di fare lui un “regalo” ai suoi connazionali e cioè offrire al Paese una grande festa d’addio.     Il suo…

Ma non è ancora questo il diapason del pessimismo: si pensi infatti alla furia incontrastata dei “tifosi” nordici (Celti anche loro?) e si provi ad immaginare non tanto l’”invasione” del terrorismo islamico (dopo tutto il Sacco di Otranto è già stato sperimentato nel 1480) quanto un “replay” romano del “Charlie”francese.  E che succederebbe qui?  Gli facciamo raccontare il fumetto di Pippa… dalla Madia?  Oppure farsi arringare da Alfano in persona.    Oppure li copriamo dei tweet del giovane Premier?

Il tutto si incornicia nell’impasse complessiva di cui – grazie a Dio – siamo soltanto un frammento: le “piccozzate” di Thatcher, Bush, Blair e della stessa Merkel alle Istituzioni internazionali hanno sviluppato fino in fondo il loro veleno.  Ed ora gli “estintori” internazionali (sia pure vecchi e scassati) sono completamente svuotati.   La gioia con cui all’ONU venne preposto un enigmatico  ed inoffensivo (!?) diplomatico Sud Coreano si è ritorta contro i nemici del multilateralismo.   E, su scala europea, il “primato” tedesco ha ottenuto lo stesso tipo di risultati: l’impasse e l’impotenza della cooperazione e dell’integrazione.  Meno male che – proprio sul caso emblematico della Grecia – la SPD stia tentando di fermare alla “25esima ora” il duo impersonato dal Ministro Schauble e dalla più moderata (si fa per dire…) Merkel…

Un segnale potenzialmente positivo che non è neppure all’orizzonte negli scenari della “barbarie” in ascesa dell’ISIS.  Ma anche qui occorre che ci fermiamo a pensare: i Nazisti “gemmati” dalla civilissima cultura tedesca hanno ben poco da invidiare ai macellai del Califfato: quelli macellavano non solo ebrei, ma “diversi” di vario genere: zingari, oppositori, omosessuali e così via.   Questi di oggi – forse in attesa di raggiungere una “scala” dell’orrore ottimale per loro – ce ne offrono “anticipazioni” ed amplificazioni video in rete.  Insomma la riproduzione contemporanea delle fiaccolate di Norimberga.  Sembrava funzionasse… Certo terrorizzava.

Ma, di più, intanto che pensiamo – e forse riusciremo a mettere sotto controllo il pessimismo -potremmo cercare di collegare i fili di molti discorsi – un solo discorso – in cui sotto un’apparente incoerenza  tutto si ricollega e – forse – ci sarà spazio per la “nostra” 25esima ora….

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto