Flash

19/02/2015

Flash

1

 

Mentre l’ottimo Ministro degli Esteri della Repubblica italiano, Paolo Gentiloni (per l’occasione “arricchitosi” per motivi rimasti misteriosi… del suo secondo cognome: Silveri…) intratteneva sobriamente il Parlamento (Camera dei Deputati ed il morituro Senato) sui rischi e le prospettive della crisi libica e soprattutto sul pericolo dell’ISIS a poche ore (di “navigazione”… come la chiama lui…) dalle coste italiane e soprattutto distribuiva una tisana calmante sulle eccitazioni belliche dei giorni scorsi, un raggiante Matteosubito volava in Piemonte per esercitarsi nel suo sport preferito: l’adulazione dei ricchi e potenti.   Quelli vivi e vegeti e quelli fisicamente scomparsi ma ben presenti con il loro patrimonio industriale e finanziario.    Infine un assai contestato “salto” del Premier al Politecnico di Torino (ormai assurto ad Università del “circuito” anglosassone avendo praticamente abbandonato la lingua italiana… a favore dei corsi in “madrelingua” inglese…) per mostrare ai giovani la via del loro futuro che – più che “globale” – è destinato ad essere subalterno.   Naturalmente in tutti i sensi.

Commozione ad Alba per il tenace e fortunato “papà” della Nutella (già uomo più ricco d’Italia) ed irrefrenabile entusiasmo a Torino con il canadese-svizzero-italiano “uomo dal pullover blù”, ovvero il manager globale (ancora…) Sergio Marchionne.  Intento ad annunciare nuovi modelli di “vetture” (lui le chiama così…) e psichedeliche catene di montaggio a Mirafiori a basso consumo di mano d’opera.  Ovvero bassa occupazione.   Insomma il non plus ultra per la “rinascente” Italia.     Tanto rinascente che – oltre ad essere già (il che è vero, ndr) la seconda potenza manifatturiera d’Europa (dopo la Germania) – sarà presto la prima.  Dice Renzi.

Assorbita con gioia la consueta arroganza di un abbigliamento assai poco consono alla presenza (sic) di un Primo Ministro che dovrebbe rappresentare non soltanto sé stesso ma un intero Paese ed i suoi cittadini,  Renzi si è mostrato in perfetta sintonia con l’ottimismo di Marchionne: segno che lo “sgombero dei rottami dai binari” sta procedendo alacremente…  Come tutti noi possiamo facilmente constatare…     E, d’ altro canto, lo ha affermato lo stesso Renzi: “Tutto andrà bene quando si saranno diradate le nebbie ideologiche”… cioè quando si sarà spento ogni pensiero critico. E quello che lui chiama la fine dei piagnistei.

Quanto al contesto internazionale ed in particolare quello sotto la Penisola, sembrano tutti molto tranquilli nonostante la riluttanza dell’ONU ad esservi coinvolto più che tanto.   Il nuovo motto – dopo l’”isterico” “armiamoci e partite” dei giorni scorsi – è: fiducia in una soluzione politica.    Come, con chi, non è dato sapere.    Irresistibile il ricordo del Candido di Voltaire che chiedeva al derviscio: “chi siamo, dove andiamo?”.   Ricevendone la risposta: “Pazzo!  Forse sua eccellenza – quando manda il suo bastimento da Constantinopoli all’Egitto – si preoccupa dei topi nella stiva?”.       Capita l’antifona, Candido torna a zappettare il giardino: viviamo nel migliore dei mondi possibili e non è possibile un mondo migliore.

Ed allora – mentre l’Egitto prosegue la “guerra per conto terzi” – aspettiamo tranquilli qualche segnale dall’Onu.    Noi – l’Italia renziana – rimaniamo “pronti a tutto”.   Cioè a niente (acquisto dei novanta e rotti F35 a parte…), teniamo il possibile “mediatore” Prodi in panchina e – tanto per gradire – ci distinguiamo in Europa con il rifiuto del riconoscimento della Palestina.   Dopo il patto del Nazareno, il patto Renzi Netanyahu.   A destra sempre più a destra: viva il centro-sinistra all’italiana.

Tanto – come dice il neo-senatore Napolitano difendendo l’invasione della Libia all’epoca della defenestrazione di Gheddafi (come già fece nel 1956 con i carri armati sovietici a Budapest…) – non possiamo scappare dalle nostre responsabilità.  O dalle loro?

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto