Flash

14/02/2015

Flash

parlamento_rissa

 

Doppia versione.  Mai come in questi giorni la realtà italiana (e non solo) si è prestata ad una doppia “lettura” come nei vecchissimi, grandissimi film di Kurosawa.  Vediamo la prima.

Mentre si contano le centinaia di morti nel canale di Sicilia, mentre si apprende (il che già si sapeva) che anche il quarto trimestre del 2014 è stato contrassegnato da crescita zero – e forse negativa – mentre il Paese affonda nell’ennesimo scandalo bancario (quello del cerchio stretto di Renzi, Boschi e Serra) i parlamentari che difendono la Costituzione vengono insultati e malmenati.   Renzi (altra preoccupante analogia) snocciola – come già Mussolini – un chioccio “tireremo diritto”.  Davvero la storia si ripresenta in farsa, abbiamo perfino l’Aventino (uscita dall’aula parlamentare) e le botte in aula.

La Ministra Boschi difende lo “stato di guerra” a maggioranza semplice (ovvero con l’Italicum a minoranza rispetto agli aventi diritto al voto)… tubando baggianate da Peter Sellers nel “Dottor Stranamore”: abbiamo 15 minuti per entrare utilmente in guerra…   Nel frattempo è tutta la Costituzione che viene fatta a pezzi con un Primo Ministro che ci ricorda Charlie Chaplin che balla intorno al mappamondo.

Il serpente dentro il cosiddetto Partito Democratico si è schiuso peggio di quanto non fosse accaduto nel ventennio berlusconiano.   Indietro non si torna, ma – tanto meno – si va avanti di un centimetro.   “Il nocchiero” riecheggia sinistramente i versi danteschi…

Il deserto di Tacito ed i massacri delle legioni romane sono scherzetti da sussidiari scolastici rispetto al Gabinetto Renzi: spazzato via quello che restava del movimento operaio, massacrati i lavoratori dipendenti, gli intellettuali, ogni ragionevole speranza di cambiamento e di democrazia…. L’Ing De Benedetti ha ottime ragioni per essere fiero del suo “campione” e Sergio Marchionne ne ha altrettante di avere confidato a Matteosubito il compito di “spazzare via dai binari i rottami”.   Ma dove sono, quali sono questi binari, mentre i “rottami” – lo abbiamo già detto e siamo noi.  Ma anche la cancellazione di mezzo secolo di storia italiana.   Lo stracciamento sistematico della nostra Costituzione (quella che il PD aveva già definito “la più bella del mondo).    Niente più referendum popolare, guerra “on the spot” (ma siamo capaci di farla?), l’Italia ridotta a insignificante marca (cioè ducato, granducato, ecc.) periferica.  Davvero un trionfo che culminerà inevitabilmente con il tonfo.  Nostro o suo?

Davvero questa volta l’Italia (tutta?) questa volta l’ha fatta grossa esibendosi in un replay inverosimile dello show “dilettanti allo sbaraglio”.   Martedì prossimo (ma perché non l’anno prossimo?) le opposizioni di sinistra e di destra – cioè la larga maggioranza del Paese – andranno in pellegrinaggio dal neo-Presidente Mattarella.   Dio solo sa cosa sperano… Forse una distribuzione forzosa di bromuro camuffato nel gelatino del Primo Ministro?  Ci aveva già provato il povero Bersani supplicando per “un po’ di rispetto”.   Ci aveva (forse) creduto il Letta del “stai sereno”.   Tutti hanno sbagliato, forse dimentichi che non si toglie tanto facilmente un osso dalla bocca di un cane.   Soprattutto quando tutto intorno lo si incita.  A quando toccherà (come in Inghilterra) ai disoccupati disperati.   L’ottimo Ministro Franceschini sta infatti da tempo pensando a riaprire l’”arena” del Colosseo.   Vedrete che la useranno presto.

Anzi forse ci sarà di peggio.  Raccontava a chi scrive la dolce consorte di un miliardario degli Antipodi dell’Impero anglosassone (fatto ricco dalle privatizzazioni selvagge nel suo Paese….) mostrando con orgoglio una fantastica “collezione” all’aperto di tank ed armi da guerra: ”con mio marito le abbiamo ‘provate’ in Ucraina.   In vacanza…   Poverini avevano bisogno…”

Altro che caccia alla selvaggina nella vecchia Jugoslavia….

D’altro canto lo dice anche il pacifico Ministro degli Esteri Gentiloni: “siamo pronti alla guerra”… naturalmente “nei limiti della legalità internazionale.”   Ma di chi, di grazia….

E qui scatta la seconda “lettura”.   In sintesi: noi (l’Italia) siamo prosperi, pacifici, impegnati nel fin troppo tardivo rinnovamento, guidati da un Partito che viene da lontano e andrà lontano, a capo del quale sta un giovane e brillante statista – quasi un miracolo italiano – illuminato ed autorevole.   In breve lavora per noi: è il migliore di noi, pur essendo come noi.

E’ circondato di giovani (non tutte) donne belle ed intelligenti, di buoni sentimenti (aiutano i genitori e le banche sotto casa, anzi ne posseggono un pezzettino piccolo piccolo: giusto per aiutarle).

Fuori dai confini, appena di là dal mare ci sono dei cani musulmani (absit iniuria verbis…). Ma qui c’è poco da scherzare ed anzi mettiamo una pietra sopra al bacio della mano di Gheddafi da parte di un genuflesso Berlusconi…  Il Califfato è alle porte: è già insediato a Sirte.     Gentiloni – come si diceva – è insolitamente un torrente in piena (e speriamo anche il patrio esercito…).   Renzi passa la notte a Montecitorio a…. spezzare le reni agli oppositori (sinistra/destra…dentro/ fuori) in vista di che?    Lui “Primo Console”?

Forse le due “letture” della realtà coincidono.

Buon fine settimana.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto