Flash

31/01/2015

Flash

Quirinale

 

Mentre la “fumata bianca” del trionfo di Sergio Mattarella (e di Matteo Renzi…) sale dal camino di Montecitorio verso il colle del Quirinale, la frase più evocata è quella profetica: “moriremo democristiani?”. Era questo il titolo di un editoriale del “Corriere della sera” di Alberto Cavallari degli anni ’80 del Novecento e più volte ne parlammo con questo grande amico e maestro, che da quasi vent’anni non c’è più. E nel parlarne non potevamo fare a meno di ironizzare – già allora – sul come questo segno dell’impotenza italica (a nostro giudizio) fosse, tutto sommato, il meno peggio che potevamo aspettarci.

E di questo ragionavamo in anni immediatamente successivi partecipando sotto la pioggia ad un 25 Aprile milanese (Festa della Liberazione) contrassegnato dalle mille apprensioni per la sorprendente vittoria di Silvio Berlusconi, visto da noi come lo schiudersi delle uova del serpente incautamente e colpevolmente covate da Bettino Craxi. Quasi un quarto di secolo è passato: la Seconda Repubblica è svaporata in tutta la sua inconsistenza, un lungo buio “illuminato” dalle trovate berlusconiane e che lascia in eredità un Paese stremato, rimbecillito, privo di memoria. E non solo: nell’economia, il settore pubblico (l’unico – stante la debolezza cronica delle Istituzioni e della direzione politica – in grado di almeno pensare un progetto “nazionale” di crescita e di ruolo nel mondo) è stato totalmente cannibalizzato. E l’Italia è diventata una provincia-museo periferica. In fondo e paradossalmente la designazione quirinalizia di Mario Monti era il Quisling che c’eravamo meritati… e la sanzione di una subalternità ai mercati finanziari ed alle Istituzioni monetarie.

Oggi la designazione “plebiscitaria” di Sergio Mattarella ci riporta (come solennemente “profetizzato” da Giorgio Napolitano salutando i colleghi della più consolidata nomenklatura…: “il mio successore è tra voi, in questa sala”) a piedi uniti in una interminabile riedizione della Prima Repubblica. La seconda (partita con le strombazzature dipietriste, leghiste ed ovviamente berlusconiane) era affondata in un incremento esponenziale della corruzione, nella mancata modernizzazione e nella restrizione degli spazi di democrazia.

L’esecutore testamentario era – ed è – il giovanotto arrogante ed astuto di Rignano sull’Arno, già portaborse democristiano: il trionfatore di un’operazione che era già stata tentata (invano) con la candidatura due anni fa di un altro democristiano doc quale Franco Marini.   Ora ci sono riusciti e chiudono (tutti vincitori ed un solo sconfitto: Silvio Berlusconi) il quasi quarto di secolo dell’interregno della destra più insulsa e sbracata. Come nel gioco dell’oca: “case  départ”: si torna alla casella di partenza. Sunto? (non solo nostro, ma del vecchio super-democristiano Cirino Pomicino…): tre decadi di storia collettiva e – ahimè – individuali buttate dalla finestra. E perché? Per l’eclissi di ogni cultura politica sull’altare della subalternità ad un progetto che non era solo di un singolo individuo (il bonario rapace Silvio) ma doveva aprire la strada alla definitiva disgregazione della democrazia, della partecipazione e del “collettivo”. E, sia detto tra parentesi, l’omicidio di Aldo Moro ne era stato il tragico prologo.

Ora comincia l’anno Uno. Speriamo duri poco e non faccia troppe vittime “residuali”. I giochi si sono riaperti e potrebbero funzionare se solo si aprissero ad una vasta e consapevole partecipazione soprattutto giovanile. Una cosa è certa: questo non è un Paese da “uomini della Provvidenza”, non può essere compresso in idiozie maligne come il bipolarismo, il maggioritario, il mito della governabilità. A voler essere buoni, ma non idioti, si dovrebbe partire non dagli applausi al demiurgo Renzi e dall’adulazione per il restauratore con la “schiena dritta” e cattolico inappuntabile Mattarella, ma da un’immediata messa in mora di una classe dirigente che non paga mai le sue colpe ed i suoi errori.

Lo ha detto a caldo con piacevole sobrietà il neo-Presidente Mattarella (così simmetrico con il Presidente Tedesco, il pastore protestante Johachim Gauck…): al centro “le difficoltà e le speranze” dei suoi concittadini, cioè noi.

Auguri al 12esimo Presidente della Repubblica italiana e soprattutto a noi.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto