Flash

30/01/2015

Flash

vespucci

“Be Cool and join the Navy” (siate “fichi” ed andate in Marina).  Intanto che si esaurisce – ovviamente a vuoto – la terza votazione a maggioranza qualificata per eleggere il nuovo Napolitano e così ci restano almeno ventiquattrore per riaprire i giochi con la maggioranza semplice, viene voglia di parlar d’altro.  Almeno per un poco…

E così, mentre mettiamo da parte (per un po’) manovre, permali, ipotetici cambi di maggioranza, sogni e disillusioni dei componenti – a vita – della nomenklatura vorremmo spendere un po’ d’attenzione alle ragioni profonde, ai modi, del declino italiano, di un’Italia che non oggi, ma secoli fa fu al centro della civiltà europea.

Avevamo già accennato come – all’interno di quella follia che sarà l’Expo di Milano (scippato alla povera Smirne e alla possibilità di portar pace e cooperazione dalle parti dove rotolano le teste…) tante piccole follie sussidiarie si affollano allo scopo di “esserci” e da qui la campagna del già pretendente al Quirinale Dario Franceschini sul “Very Bello”, ovvero la promozione – collateraler dell’Expo – di siti ed iniziative culturali tratte dai “depositi” della penisola.  Ma c’è di meglio nell’orgia provincialista che infetta (non da oggi, ma oggi più che mai) il Paese e soprattutto la sua miserella classe dirigente) e questo meglio è perfettamente incarnato dalla campagna della Marina per incrementare il reclutamento che – a quanto pare e nonostante la massiccia disoccupazione giovanile – non marcerebbe troppo bene.

Ed ecco su migliaia di autobus (questo hanno… come canale mediatico) troneggia l’incredibile “Be Cool”, sul ritornello immaginario di “In the Navy”. Insomma non siamo proprio “Americani”, ma Americani a Roma certamente sì. Considerata la canizza disumana sui “poveri Marò” assolutamente impensabile in un Paese anglosassone (cool… e professionali, loro) si capisce bene come i pubblicitari (pagati da chi?) siano costretti ad incredibili e controproducenti trucchi mediatici.

Ma chi li approva?  Non bastavano le precedenti campagne delle Forze armate, tutte ricalcate sull’iconografia della “squadra” televisiva e di altri sceneggiati?

La verità è che l’Italia è e rimane il Paese della maglietta di lana, o peggio ancora della mela e del mandarino. E “truccarla” da Paese normale non è solo difficile, ma è anche inutile.

E lo si è visto anche in questa tormentata occasione.  Dove tutte le considerazioni sono state evocate tranne quella della situazione in cui si trova il Paese.   Che – fin qui – non ha mai posto all’ordine del giorno un “che fare” nazionale. La stessa designazione per il Quirinale del giurista siciliano Mattarella (al di là delle sue motivazioni tattiche e del martellamento di Renzi sul “povero” Berlusconi, la cui agonia pare interminabile) non tiene conto del vero problema dell’Italia che non è – ripetiamo non è -  di natura giuridico-costituzionale, quanto di progetto collettivo. Tanto per essere chiari un compito che – comunque – avrebbe richiesto un politico competente sull’economia, sulla natura reale delle cose, su dove sta andando il mondo e su dove – e come – noi ci intersechiamo con il vasto mondo. E l’unico di statura internazionale era, ed è, Romano Prodi. Quello che il rapace qualunquista ed i suoi seguaci definivano il “mortadella”.  Peccato che è l’unica mortadella esportabile.  E non da paesetto periferico intorcinato nelle sue fobie, modesti piaceri, nulle aspirazioni.

Non parliamo poi neppure come i “giochetti” di Renzi (quello che voleva fare Ministro degli Esteri – all’epoca di Charlie Hebdo – una “stagista” poco più che ventenne di politica internazionale). E, con il dovuto rispetto, il Prof Mattarella ne rappresenta il furbesco contraltare. Non serve al Paese, così come non servono gli esperti di importazione, magari neppure italiani.

La verità vera è che la politica dell’Italia non la fanno né i mille e più del Parlamento, men che meno quel che resta dei Partiti e certo non le Istituzioni. I “decisori” sono altrove e – per noi – nonostante gli starnazzamenti della destra italiana (quella classica e quella leghista) decidono loro. Ma allora sarebbe più intelligente risparmiarci tutta questa agitazione. In fondo c’è da discutere e decidere squadre (di calcio) e formazioni. Diceva il poeta: lasciateci divertire.

Auguri per il voto “decisivo” di domani.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto