Flash

27/01/2015

Flash

Grecia

 

Tornando dall’estero (ove si è appreso della splendida vittoria ad Atene di un democratico “europeo” che – chissà perché – la stampa internazionale definisce “Leftist” ovvero sinistrorso radicale…) e sintonizzandosi sul dibattito in corso al Senato italiano sulla legge corrida (risultati alle cinque della sera…) dell’Italicum, si ha la sgradevole sensazione di essere atterrati non già nella Capitale d’Italia, centro della Cristianità, bensì su Marte oppure in una remota isola del Pacifico (Tonga?) ove un Re malevolo dispone dei suoi sudditi. Per dire: se a Tonga si vendeva il DNA di tutti gli isolani, quaggiù si vendono anime e cervelli.

Senza retorica, né drammi da sconforto, le voci trasmesse dal Senato della Repubblica (sic) parevano – ad un orecchio disabituatosi in 48 ore – un docu-film girato in un manicomio pre-Basaglia: alcune centinaia di “morituri” (prognosi poco più di un anno e poi via con l’abolizione della loro “fabbrichetta” costituzionale) si dividevano equamente su di un tema inesistente con centinaia di “emendamenti” tra quelli che vogliono l’abolizione “sic et simpliciter” della rappresentanza popolare e quelli che tentano invano di mantenere – almeno – il dettato costituzionale (come riaffermato anche dalla Corte Costituzionale). Gli uni e gli altri vaniloquano di “riforma”. In che senso, di grazia?

Nel frattempo in Grecia i cittadini sono stati chiamati a “dire la loro” (non vivevamo nelle grandi Democrazie occidentali?) sul tema centrale del loro futuro: e cioè se vogliono pagare all’infinito i loro errori (meglio: le loro illusioni su di un’Europa che facesse “star meglio” senza presentare poi i conti e comunque chiedere serietà, responsabilità, impegno a chi ne chiede il sostegno) e la proposta del giovane Tsipras (c’è quarantenne e quarantenne….) è risultata schiacciantemente vincente, a soli due seggi dalla maggioranza assoluta…  Altro che i trucchetti e premiucci “cucinati” dai nostri “progressisti”. Ora come allora innamorati delle elezioni “alla bulgara”. Fino all’attuale “rischio” (o speranza neppure tanto segreta della “nomenklatura”) di astensione fino a non raggiungere neppure il 50% degli aventi diritto al voto. Se non è dittatura questa, come altro chiamarla?

Ed infatti le molte centinaia di quidam (non) de populo, invece di dibattere la tragica condizione del Paese che li mantiene, passavano la serata nei confortevoli scranni di Palazzo Madama a parlare del nulla, con frizzi lazzi malori e molti tanti sbadigli. Come ha insegnato loro il giovane e “sveglio” Presidente del Consiglio, già semi-addormentato al dibattito a Strasburgo al termine dell’insignificante semestre europeo dell’Italia. La “polpa” sta altrove e i “capi” lo svegliano quando è utile e necessario.  Per loro.   E tutti gli altri fanno finta di niente e continuano imperterriti a cianciare di Patto del Nazareno (a quando quello della Madonna, ovviamente a rischio di scomunica da parte di Bergoglio?). Un patto stipulato con un ottuagenario (e con mallevadore un compaesano fiorentino pluriindagato) che ha consacrato un quarto di secolo ad arricchirsi (di più…) e ad aiutare gli Italiani a trasformarsi in una copia di lui medesimo. E già, che c’è di meglio?

Con spudoratezza la stampa di regime ha subito messo in guardia: “l’Italia non è la Grecia”: non fatevi illusioni. Qui da noi o si mangia questa minestra o si salta dalla finestra. E non si sognino di poter scegliere tra farsi “spolpare” ancora un po’ dalla congrega degli “Ottimati” oppure tornare in campo con ideali, valori, interessi di massa. Questo no: l’Italia non è la Grecia. Qui nessuno ti chiede cosa vuoi. Qui i candidati alla Presidenza vanno dal gradimento popolare zero (es,: Amato), o a “scivolate” come gli agenti di scorta trasformati in camerieri personali (caso IKEA… della Finocchiaro) per non parlare del di lei consorte…

Di più, ci fosse un solo candidato a Capo dello Stato scelto per competenza, autorevolezza, perfino l’aborrita “onestà”.

E così, mentre il “Leftist” Tsipras con una sola dichiarazione fatta la sera della vittoria elettorale (dopo una campagna durata un pugno di settimane…) riporta il dibattito sull’Europa là dove è stato cacciato via dagli interessi finanziari e del grande capitale.  Nonché dall’omertà dei partecipanti al banchetto funebre dell’Europa medesima, in Italia si simula, si inventa, si chiacchiera. Invocano riforme “snap-shot” ed in realtà vogliono mantenere lo status quo. Che ne é dei tanto decantati Monnet Schumann De Gasperi, Delors ma anche Kohl e Mitterrand. Dove è finita l’Europa dei cittadini? E come si preserva quel che resta del patrimonio culturale, civile, democratico e solidarista europeo? Altro che “generazione Erasmus” (o – senza malizia – “orgasmus”)… Altro che aggregazione regionale aperta e cooperativamente competitiva con le aree emergenti.

Tsipras è entrato con poche – ma chiare e pesanti – parole su questi grandi temi, che non sono certamente solo greci, ma pienamente europei.  Riguardano tutti noi.  E gli Italiani dovrebbero vergognarsi della propria assenza da questo dibattito, da questa urgenza di riprendere dignitosamente una strada obbligata europea.  O preferiscono essere alla periferia del capitale globalizzato come vecchi attori un po’ suonati che si esibiscono solo sulla “piazza del paese”   Sembrerebbe di sì quando il “centesimo” pretendente alla Presidenza della Repubblica (il Ministro della Cultura Franceschini…) vara il sito “Expo” sulle bellezze d’Italia (chi la Boschi? O la Madia?) e lo “battezza” con il fatidico nome “Very bello”) profumatamente pagato all’agenzia di pubblicità “Lola..” non so che. Senza commenti…

Grazie Tsipras. Viva Magalli.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto