Flash

07/01/2015

Flash

freaks

Impuniti, sciacalli e deficienti. Così si è aperto l’anno nuovo (il 2015 dell’era cristiana) nel Belpaese. Un Paese che nonostante il sussiego ed il forzato ottimismo dell’anziano Presidente della Repubblica nel suo messaggio di congedo risulta dominato da questi tratti che – ormai – stingono, più che nel ridicolo, in una vera e propria farsa tragica destinata a culminare – da qui ad un mese o meno – con le elezioni del nuovo Capo dello Stato. E poi – verosimilmente – con la “scoperta” che i conti provvisoriamente approvati dall’Unione Europea (e dal suo Presidente “sotto scacco”, il Lussemburghese Juncker) non reggeranno alla prevista verifica di marzo. Senza naturalmente contare il nuovo “record” registrato dalla disoccupazione: il valore più alto dal 1977, un anno a cavallo tra due choc petroliferi, devastato da malessere sociale, dal terrorismo di tutti i tipi ed anticipatore dello spartiacque segnato dall’affaire Moro.

In breve, un orizzonte cupo (senza segnale alcuno di ripresa e neppure di “ripensamento”) sintetizzato appunto da quei tre tratti “caratteriali” – ed episodi – totalmente negativi.     Cominciamo dagli “impuniti”. E qui la palma spetta come di consueto al “cocco” di De Benedetti e Marchionne e cioè Matteo Renzi “retour” delle sciate di Capodanno…   Cominciamo da lui e vediamo in quale storica missione è attualmente impegnato. Intanto prosegue con la sua titanica impresa di una legge elettorale (l’”Italicum”) che fa apparire la abortita “Legge truffa” del 1953 come un giochetto di boy scout. Qui l’effetto distorsivo e lo svuotamento della rappresentanza popolare pare destinata a raggiungere un diapason degno di figurare sui manuali di storia… E così pure il tasso di astensione che prevedibilmente supererà tutti i record delle cosiddette democrazie occidentali. Nel frattempo – per “oliare” il suo cammino napoleonico anche sul versante delle elezioni presidenziali – delibera un giochetto di depenalizzazioni – che sancisce che chi è abbastanza ricco (il famoso 3% o magari meno) può “sgarrare” impunemente. In breve i risultati sono due: confermare giuridicamente che in Italia multe, sanzioni e vessazioni fiscali sono questioni per i cittadini qualunque, ma non per i “padroni del vapore” (peraltro prevalentemente residenti nell’ospitale e bonario Cantone svizzero di Zug…). In più l’ottuagenario Silvio Berlusconi riacquisterebbe la sua verginità politico-penale e potrebbe ancora giocare le sue carte (Patto del Nazareno?). La rivelazione di questo “inguacchio” è stata superata – si fa per dire – con un rinvio furbetto al 20 febbraio. Più “impunito” di così….

Nel frattempo l’unica proposta con un qualche senso comune avanzata – tra l’altro – dai reazionari leghisti (gli amici di Putin, del dittatorello Nord Coreano, della castrazione chimica e della soppressione degli immigrati) e cioè una “Flat Tax” unica, più bassa e pagata da tutti viene virtuosamente respinta in nome del principio costituzionale della “progressività fiscale”.   Peccato che in Italia tutti sanno che l’imposizione reale è regressiva: ovvero più hai (oltre un certo livello e secondo un certo”stile” di vita) e meno paghi. Quindi la “Flat Tax” sarebbe l’unica misura riequilibratrice….  In un Paese in cui anche ci sono i generali della Finanza che – per non pagare il bollo – immatricolano le proprie auto in Paesi compiacenti, eccetera, eccetera.

Sciacalli. Sono quelli che trasformano il lutto in un’occasione di delirio propagandistico collettivo: battono le mani ai funerali, farneticano davanti alle telecamere. Forse non lo sanno ma esiste un decoro anche nel dolore (ammesso che ci sia): il caso di Pino Daniele (non diversamente tuttavia dai fatti di cronaca nera…) ne dà una sgradevole dimostrazione in queste ore: così invece di riflettere seriamente e collettivamente sull’assurdità di non andare nell’ospedale generale sotto casa, si assiste all’ennesima maldestra esibizione di chi avrebbe potuto – magari – telegrafare (ricordate? sapete cos’è?) la propria vicinanza. Questa volta è toccato all’ottimo D’Alema. Il che fa pensare che il vecchio auspicio del primo Grillo per una Norimberga (vedasi “processo di…”) della Nomenklatura potrebbe realizzarsi ai margini di un funerale “pubblico” o nella camera mortuaria di un qualunque ospedale….

Ora più che mai risuona alla mente il monito del vecchio massone Garibaldi. “Italiani, siate seri”.  Ovviamente un monito caduto nel vuoto.

Infine i deficienti. E qui ci siamo più o meno tutti: soprattutto noi “quidam de populo”, cittadini comuni. Invece di assecondare le piroette del circo barnum mediatico, dovremmo individuare (come sta accadendo in Grecia…) i temi che ci riguardano direttamente e molto presto. Il primo – e non solo cronologicamente – è quello dell’elezione del Presidente della Repubblica che non è solo il tipo che ci fa gli auguri il 31 dicembre, bensì quello di noi che regola (costituzionalmente) tutto l’andamento istituzionale della vita collettiva del Belpaese.

Insomma uno che conta e che noi non eleggiamo in prima persona. Lo farà la nomenklatura: il punto è che lo faranno per sé stessi e non – dicasi non – per noi. Quindi urge una mobilitazione, una messa in guardia (possibilmente con nomi e cognomi…) per “aiutare” la Nomenklatura ad individuare (se non il meglio) il meno peggio, o – magari – un Italiano con il minor numero possibile di qualità negative. Il più normale possibile. E si potrebbe aiutarli indicando garbatamente ciò che non si vuole. Sapendo che – come per il Papa – non occorre altro requisito che un’età sufficientemente matura. In conclusione più che il “chi”, occorre determinare il “chi no” e perché. Buon lavoro.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto