Flash

05/01/2015

Flash

befana

 

E così Matteo Renzi ha fatto a tutti noi il regalo della Befana e meno male che l’Epifania… tutte le feste le porta via. Anzi ce ne ha fatto due: il secondo regalo è quello di sparire per 48 ore dall’imbellettato circo mediatico, regno di “tartufi” e di  bugiardi matricolati. Ma il primo regalo è veramente super: da Palazzo Chigi sono partiti tonnellate di certificati di “gonzi”, “allocchi”. Poveri scemi. In pratica c’era un bel certificato infiocchettato per ciascuno e per tutti gli Italiani tranne quei “furboni” che lo hanno mandato a Palazzo Chigi per ripulire il Paese da noi “rottami”. E chissà come avranno goduto a vedere la sua nuova trovatina, quasi un brivido a vedere il motociclista sul cerchio della morte.

Ma di che parliamo? Le vacanze in “caserma” alpina a spese nostre, forse. Neppure tanto perché se non ci scandalizziamo di un Palazzo Chigi ormai trasformato nella tavernetta personale del Premier (es.: cenetta con Tony Blair e le “girls”, Boschi e Madia), pizze a gogò e capricci da corte rinascimentale alla “fiorentina”, nonché nostalgico ricordo della discoteca/tavernetta (ancora…) al Quirinale per i rampolli del Presidente Leone e di Donna Vittoria. Quindi, questo è ok: fa parte del costume nazionale e se il Premier vuole farsi spedire con tutta la famiglia in aereo come le famose “spigole” aviotrasportate del generale della Finanza Speciale (immediatamente premiato per la performance e altri meritucci da Berlusconi con un seggio parlamentare…), noi non dobbiamo scandalizzarci. E’ l’Italia, baby.

Ma l’attestato di coglioneria non lo vogliamo. E piano piano non lo vorrà nessun Italiano e sarà meglio che la fabbrichetta cartacea venga ritrasferita alla Leopolda prima e in Val d’Arno poi.  Insomma a chilometro zero… e consumata sul posto.

Fuor di metafora quello che è insopportabile dello squallido e rinascimentale (eccoci qui, alle decantate origini. Ma senza Lorenzo e soprattutto senza Brunelleschi) episodio è il cumulo di arroganti menzogne sparate dai media-guru di Palazzo: la legge e non meglio precisati protocolli di sicurezza (mondiali!) imporrebbero l’uso di un jet di Stato per manco 500km ovvero quattro ore d’auto, due di treno, ecc. ecc. Perfino in Italia c’è stato subito prima di Renzi un tale Enrico Letta (da noi non particolarmente amato) che viaggiava come gli umani ed il biglietto se lo pagava. Anzi chi scrive quel Letta lo aveva già visto all’agenzia dell’Alitalia (quando esisteva) che si comprava – e pagava – biglietti per sé e famiglia. Già, ma non era ancora premier… Peccato che questi inventatissimi “protocolli di sicurezza” (ma non saranno come i “Protocolli di Sion”?….) non valgono fuori di qui: il Presidente indonesiano – per dirne uno – quando va a Singapore a visitare il figlio universitario vola “di linea” e si paga il biglietto.  E sì che laggiù di rischi ce ne sono davvero (es.: terrorismo) e non come da noi solo splendidi “autodafé”.

Ma non basta perché – ansiosi di non fare abbastanza – i sicofanti di Palazzo hanno fornito una specie di “lista della serva” degli spiccioli pagati – udite, udite – personalmente dal giovane premier: skypass, alloggio e casermaggio (tanto l’italiano comune manco si immagina il lusso di quelle che caserme non sono, ma fantastiche “Guest House” nei luoghi più panoramici e “via dalla pazza folla”. In breve non solo una grave scorrettezza, ma un camuffo insultante per l’intelligenza. E anche per l’aritmetica: ove si raffrontino i 10mila euro (all’ora di disponibilità del velivolo) e le qualche centinaia, gomme americane incluse per i ragazzini.

Disarmante infine la stentorea indignazione per la “superficialità” dei grillini espressa dalle truppe PD. Loro lo sanno fin da Lenin che i capi ed i quadri devono godere del massimo conforto per guidarci verso il socialismo. E adesso che ci guidano verso la piena restaurazione dell’ancien régime, lo stesso. Dalle scarpe da un milione (almeno) del rottamato D’Alema, ai défiles televisivi di Minniti, Damiano, e co. alle strenue cure di bellezza della Moretti alle passeggiate “tutto cachemire” a Saint Moritz d’alemiane o in Umbria coi cani feroci ed i vini del “proprietario” è tutta un’ascensione che Orwell aveva già fissato magnificamente nella “Fattoria degli animali”. Mancava solo la vittoria, ma ora è arrivata: nel momento stesso in cui il povero Berlusconi (occupato come è a rifarsi la verginità di fronte alla “legge”: non per me, ma per i nipotini…) è stato scavalcato a destra da quello che fu il più grande partito della sinistra dell’Europa occidentale. Ora è una “ditta”, appunto. E paga dividendi a destra e a manca: tra loro.

E l’augurio per la Befana sia una restituzione in massa dell’attestato di imbecillità appena consegnatoci da questo Governo e da questa maggioranza al termine di un anno di vuoto pneumatico. Quanto a noi suggeriamo una lettura avvincente e peraltro non nuovissima: la stupenda descrizione dello spagnolo Zafon che nel suo “L’ombra del vento” mostra a quali abissi possa condurre il famoso “complesso del figlio della portinaia”….

E scusateci se oggi non abbiamo parlato di “manina” pro-Berlusconi nella redazione dei decreti-legge, di vigili malaticci, di sindaci felloni, di cupola del cupolone, di non-jobs act, di traghetto bruciato e morti affogati, viadotto inaugurato e crollato, di Expo ricettacolo di mafiosi, di un nuovo Presidente cucinato su misura (loro…). Restiamo perplessi, come gli artisti sotto il tendone del circo…

Buona Befana, anche a noi.

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto