Flash

19/12/2014

Flash

orso

Mentre “Sua Imminenza” (nuovo e assai irrispettoso appellativo rivolto al Presidente Napolitano e ai suoi scrupolosi preparativi per abbandonare il “Colle”) compie gli ultimi tentativi di rassicurazione e stabilizzazione “a futura memoria” e mentre Matteosubito concede a sé stesso – e a noi – qualche giorno di tregua sospendendo la sua sempiterna campagna autopromozionale, ci appare utile fissare qualche punto di contesto interno ma soprattutto internazionale. Del resto, lo spazio strabordante concesso all’inedita “entente” sullo stretto della Florida tra Cuba e gli Stati Uniti ci conforta nel ritenere che siamo ormai ad un passo dalla “tregua” natalizia: se ho la bocca piena di panettone (da noi), di tacchino (anglosassoni) di niente (salvo magari qualche striminzito ed incongruo alberello “nordico” nella maggior parte del pianeta) non posso evidentemente guastarmi l’appetito con i “mali del mondo”. Tanto più  che al Capodanno si accompagnerà – come d’abitudine – un qualche amaro risveglio. Chissà dove, chissà come.

Se si parte dal Belpaese e si lasciano da parte le quotidiane meraviglie della “cupola” del Cupolone, possiamo cominciare con il constatare che il famoso e strombazzato Semestre a Presidenza italiano dell’Unione Europea si è concluso – come prevedibile – con uno zero spaccato a fronte dello “sfarinamento” (questo sì consolidato…) del processo aggregativo, della marginalizzazione geopolitica, della progressiva irrilevanza del nostro gruppo regionale nei destini complessivi della Terra. L’inerzia dispiegata dalla diplomazia italiana, oltre ad essere un elemento già “scontato”, ha in fondo registrato il sincronico successo di “chi non fa, non sbaglia”. Evviva… Anzi a – rifletterci meglio – ha portato a casa un bel po’ di mesi di addizionale impunità. E, se le Agenzie internazionali di “Rating” continuano a retrocedere le nostre performances economiche, sappiano che il Tribunale di Trani (esattamente) prima o poi riuscirà a fermarle e portarle in giudizio per aggiotaggio e turbativa dei mercati.

E questo è giusto – anche se fuori del mondo – considerata la sostanziale impunità di chi compie pratiche consimili in Italia. Ma questa è un’altra storia partita il giorno stesso dell’abolizione berlusconiana del “falso in bilancio”.

Chiusa dunque su di un rotondo “zero a zero” la parentesi europea. Ed abbandonata la Ministro degli Esteri europea Federica Mogherini alla sua diligente irrilevanza (altro “trionfo” non divisivo della diplomazia italiana…), non resta che riprendere il solito tran tran. Ed ecco rispuntare il caso dei “marò”: questi signori dopo una confortevolissima parentesi sono tornati alla carica e stufi sia del vai e vieni con l’amata Patria, che del confort esotico a cinque stelle dell’Ambasciata a Nuova Delhi (e pensare che c’è chi risparmia tutto l’anno per pagarsi siffatti piaceri… e chi non può neppure sognarli e magari si deve rassegnare alla torre della fabbrica occupata oppure ai cunicoli delle miniere dismesse…) monopolizzano l’impegno del neo Ministro degli Esteri Gentiloni. Ma – anche qui – perché meravigliarsi: non avendo il Paese qualsivoglia progetto internazionale, meglio attenersi a “valori sicuri”. E quale migliore di quello della famiglia, del ritorno a casa, dei figli che aspettano. Quanto a quelli dei pescatori indiani morti sparati (come, da chi? Tanto non si saprà mai e faranno compagnia a quelli di Ustica, ecc. ecc.). Qui la scelta è tra l’approccio di Matteo Salvini stiano a casa loro (quelli ci stavano…) se no…. Oppure quello del desaparecido (vivaddio) La Russa: “andiamoli a prendere”. In conclusione auguri a Gentiloni.

Intanto, mentre Putin ostenta noncurante sicurezza il rublo è ripetutamente crollato a dimostrazione che le sanzioni (asseritamente “pro-Ucraina”) USA/UE “punzecchiano” l’economia russa. Ma anche quelle europee (molto meno quella americana che – anzi – conquista nuovi sbocchi per il proprio settore agro-alimentare). Ma qui il pericolo è di altra natura e cioè di intraprendere la via senza ritorno dello “strangolamento” economico (vero o soltanto sbandierato): una via che storicamente ha portato soltanto “escalation” bellica e – a quel punto – poco importa il chi vince e chi perde. E meno male che Putin non ha tra i suoi “difetti” quello di perdere la testa.

Pre-conclusione. Il coro anti Stati-nazione ha ripreso un qualche slancio sospinto dal riesplodere di sempre nuovi “focolai” e dopo la almeno decennale crisi del multilateralismo e della globalizzazione democraticamente pilotata: qualcuno ha parlato (perfino nel Parlamento italiano) di “frutti storici avvelenati”. Ed allora questa del ritorno alla ragione (e alla cooperazione internazionale) potrebbe essere – anche per la languente diplomazia italiana – una pista da seguire.  Ammesso e non concesso che questa sia conciliabile con il solipsismo renziano.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto