Flash

10/12/2014

Flash

grecia

Il crollo della Borsa di Atene (meno 12% in un solo giorno) e l’effetto di trascinamento che questo ha avuto sulle maggiori Borse europee (Milano inclusa) è stato uno choc positivo – a nostro avviso – nel quadro stagnante dell’impotenza europea. Un quadro di immobilismo del tutto indifferente alle mosse “tecniche” di Draghi e della Banca Centrale europea: vuote  parole per la ripresa ed il rilancio dell’economia,  inclusi i trucchetti contabili del neo-aperturista (neo-keynesiano?) Juncker e le vociferazioni dei “nostri” Renzi e Padoan che – a giorni alterni – esaltano ristrutturazioni finanziarie e riforme epocali.   Naturalmente sull’ossessiva melodia del “non c’è bisogno di manovra correttiva”, cioè nuove tasse.   Da Atene è venuto un richiamo alla realtà: il solo annuncio delle elezioni presidenziali ha innescato il terrore di prossime elezioni legislative che porterebbero (stando a credibili sondaggi) alla vittoria di Tsipras e del Partito progressista Syriza (inevitabilmente definito dai media italiani come di estrema sinistra…).

Ma cosa fa – farebbe – di così terribile il gioviale Tsipras? Semplice: la cosa più terribile per i mercati finanziari e la migliore per un Paese come la Grecia stremato e buttato ai margini dell’Europa.   Dipendenza finanziaria e pagamenti alle banche internazionali a parte.    Il politico greco così diverso con la sua attenzione ai ceti subalterni   da gente come Monti e i suoi più cauti (ma del tutto omogenei…) successori dei Governi “d’emergenza nazionale” italiani…    Semplificando, Tsipras intende uscire dal cappio della Troika europea e chiede una forma di ristrutturazione del debito attraverso un realistico negoziato internazionale.  Quindi non la canizzza anti-europea o anti-tedesca a cui si riduce il “dibattito” in Italia, bensì una cesura rispetto all’asfissia economica determinata da una gabbia finanziaria utile solo ai gruppi finanziari internazionali (ed anche europei) interinati da una Commissione strabica alla “moda Juncker”.    Quel Juncker che – mentre si sdraiava sulle posizioni tedesche di austerità – sottraeva risorse fiscali a metà dell’Europa dirottandole verso i “Paradisi” lussemburghesi e a vantaggio della speculazione.

Uno “strabismo” (per usare un eufemismo) che – unito al folle unilateralismo di un’integrazione europea  che – dopo aver imposto vestiti (la moneta unica) uguali per corpi diseguali e per di più diversamente “alimentati” (fisco, produttività, spesa pubblica) scopre il dilemma tra la doppia velocità (Europa A ed Europa B) e lo strangolamento progressivo delle economie più deboli.  Come noi.

A dispetto dei messaggi esaltanti (di Renzi, sempre più obeso…) e di quelli rassicuranti (di Padoan, sempre più smunto).

Ecco perché il segnale da Atene non è affatto allarmante bensì rassicurante sull’esistenza di uno spazio politico da usare in modo diverso dal vuoto trionfalismo renziano o dalla deriva neofascista della leghismo salviniano.

Esempio n 1. Nella Roma ladrona si “scopre” il carattere strutturale, simbiotico con la nomenklatura politica della più capillare corruzione malavitosa e Renzi riscopre i “mariuoli” di craxiana memoria, salvando la politica, il “suo” Partito e sé medesimo.  Già giovedì mattina alle 8 ha convocato il Consiglio dei Ministri (ovvero all’alba di un instancabile decisionismo che surclassa perfino le luci accese a Palazzo Venezia del Duce).    E poi: farò giustizia, castigherò i ladri e via sparando con la scacciacani di plastica di sempre nuove norme, tronfiamente annunciate con la bocca piena di ovatta (almeno così suonava ad un uditore “laico”).

Naturalmente norme “cartacee”.    Beato chi ci crede e si profonde in immediati peana a questo “decisionismo” moralizzatore, come – tanto per dirne uno -il “pinguinoso” ex comunista e Presidente della Commissione Lavoro della Camera, tal Damiano .    Poiché – evangelicamente – “beati i poveri di spirito….” Che entreranno nel Paradiso.  Renziano, appunto.

Nel frattempo – e lasciando per il momento da parte la questione greca, meglio europea – diamo qualche piccolo aggiornamento sul caso di “Roma ladrona”: tra i più gustosi (per non parlare di Ornella Muti o delle immarcescibili famiglie Tredicine o Casamonica) c’è quello della cena di fine estate nel maestoso edificio dell’EUR di fronte al “Colosseo quadrato”.

Lo scenario era quello del “Grande Gatsby”: limousine, abiti da sera, dispiegamento di polizie pubbliche e private. E cosa accadeva nei saloni interni? Si festeggiava il giovane Premier recandogli oboli degni di vassalli dell’Impero cinese (quelli che per secoli pagavano per ricevere redditizi privilegi).   Tra i “donatori” c’era naturalmente quel Buzzi che versava decine di migliaia di euro (non suoi… ma nostri) per “attovagliarsi”  e proseguire indisturbato il drenaggio di soldi pubblici (cioè nostri) e spartirli con i riciclati sanguinari terroristi “neri” (più i “politici” rosé del PD…)  Tra l’altro sottraendoli alle dichiarate finalità “sociali” immigrati, profughi, minoranze etniche.   Per loro restava il degrado e magari le remunerazioni “fisiche” in centri di identigicazione/”accoglienza” come quello – assai temuto – di Ponte Galeria.

Conclusione (provvisoria): altro che Europa, qui siamo ad un passo dal Messico.  E non quello delle spiagge o delle civiltà pre-colombiane…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto