Flash

09/12/2014

Flash

Sketches-by-Boz-Seven-Dials

In un Paese conservatore come l’Italia (ma che avrà da conservare?) il ponte dell’Immacolata ha l’importantissima funzione di preparare ed aprire la kermesse natalizia seguendo un rituale preciso che neppure la crisi (che veleggia verso la decade, imperturbabile alla successione di Gabinetti di Governo tutti dichiaratamente votati alla salvezza nazionale, sic) può scalfire.

La tre giorni si è aperta con la consueta “bastonatura” poliziesca alla Prima della Scala: dentro abiti da sera, fuori eskimo (ce ne sono ancora…) e giubbotti da centro sociale.  Dentro un bel po’ di gente che non paga, fuori un coriaceo drappello nel quasi cinquantenario “replay” delle imprese dell’ormai ottuagenario contestatore Mario Capanna: “Milan, l’è un gran Milan”.  “En attendant” l’exploit planetario (dicono loro…) dell’Expo soffiata a Smirne e dedicata più che ai temi globali della sicurezza alimentare (e dei suoi nemici), alla patria eccellenza gastronomica.  Che ovviamente e renzianamente “tutto il mondo ci invidia”.

Ma è a Roma che spetta la palma del week-end più mediatico e più rispettoso della tradizione: il Sindaco Marino (ibernato dal gruppo dirigente del PD: di quello vecchio che teme postume rivelazioni e quello nuovo che non perde occasione per flettere i muscoli e presentarsi come vincente) fa sfoggio della sua devozione sotto la colonna della Madonna in Piazza di Spagna e incassa l’incoraggiamento cristiano del Papa.   Il quale – a sua volta – non può che attenersi al suo stesso precetto “chi sono io per giudicare…”.

Subito dopo va in scena il duetto Renzi Grillo ispirato ai toni forti delle “mazzate” fragorose dei Pupi siciliani.  Renzi a Grillo: “devi ringraziarci che ti abbiamo rispedito a far spettacoli” (con riferimento alla progettata tournée mondiale del comico genovese”). E Grillo a Renzi “zitto tu che non hai mai lavorato e che nessuno ti ha eletto”.  Ovviamente totale indifferenza del pubblico nazionale.   Completamente assorbito dai pre-preparativi delle festività natalizie e dell’esclusiva “coda” di Capodanno.  Possibilmente nei mari caldi o sulle piste innevate (artificialmente?).

A questo punto cala un certo “spleen”.   Viene a scuoterlo – proprio quando riparte l’ultima settimana “lavorativa” – la tragica e prevedibile rivelazione che il povero bambino siciliano sarebbe stato ucciso dalla sua propria madre. Tragedia nella tragedia.

Alla ribalta resiste soltanto Matteosubito (appena pubblicamente proclamato “fuoriclasse” dall’ingegner De Benedetti, evidentemente seccato della rozzezza di Marchionne “l’abbiamo messo a Palazzo Chigi per spazzare i rottami – cioè tutti noi – dalle rotaie) con un pezzo che neppure il vecchio Gassman in “Kean”: “non lascerò Roma ai ladri”, tuona ripetutamente ed ossessivamente, (senza mai dire a chi intenderebbe affidarla, ndr) fasciato in un maglioncino di scena rosso fiamma, mentre il suo legato – l’astuto “giovane Turco” l’omonimo Orfini esibisce un’espressione che più enigmatica non si può.   Intanto si immagina prepararsi dietro il sipario il “Moralizzatore di Stato” l’imperscrutabile giudice Cantone, ormai rassegnato ad una quotidiana “navetta” Milano-Roma: dall’Expo alla fanga capitolina.   Era forse questo l’intento pubblicitario dell’onnipresente Ingegner Moretti quando “lanciava” le Feccie Rosse di Trenitalia come la “metropolitana d’Italia”.

Emblematicamente – mentre nulla cambia all’insegna di un farisaica carità di patria (niente “commissariamento”, niente ammissione del reticolo corruttivo e malavitoso che avvolge il Paese e la sua Capitale – sotto la pensilina della stazione “Termini” (denominazione casualmente assai appropriata) decine di derelitti sonnecchiano in lercie coperte aspettando i pacchi della Caritas.  Dietro di loro – ad un passo –scintillano ironicamente le luci di… indovinate cosa: un fiammante emporio delle COOP.  Non certo accessibile alla “feccia” umana che fa da corona a questo fulgido esempio di imprenditorialità “democratica”.

Bene, bravi: dal rosso renziano (cachemire?) all’ambientazione accuratamente dickensiana il programma di adeguamento all’Inghilterra della prima metà dell’Ottocento è quasi completato. E buona grazia che la “coda di paglia” dell’eurocrate Jean-Claude Juncker ha “graziato” l’Italia fino ad una verifica dei conti provvidenzialmente rinviata alla primavera prossima. Portiamo pazienza: sono solo altri tre mesi.

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto