Flash

13/02/2013

Flash

Siamo alle solite.   Non si parla qui della notizia del giorno, ovvero l’arresto del manager che ha rimpiazzato al vertice di Finmeccanica l’ “esodato” Guarguaglini (peraltro dopo un congruo numero di anni passati al vertice con accanto la moglie ugualmente in vertici contigui e con una congrua “buonuscita” per sé medesimo), tale Orsi oggi implicato in “tangenti” internazionali.      Si parla invece – al di là del caso giudiziario – del sistematico sviamento di giudizio su questi temi: accade infatti che i giudici – sulla base dell’ovvio principio penale della responsabilità personale (sono le persone a commettere reati e non i “sistemi”) inevitabilmente colpiscono nel mucchio (il più delle volte facendo centro con solide prove) mentre il sistema criminogeno non è neppure scalfito.  E tutto va avanti come prima, cambiando soltanto alcune “figurine”.

Le cronache giudiziarie sono le cronache giudiziarie e nonostante non siano più i tempi in cui da una parte c’era il mega-scandalo della Banca Romana e, dall’altra, un Ministro della Pubblica Istruzione veniva sanzionato per appropriazione di un calamaio (oggetto ormai scomparso…) e di un po’ di cancelleria, il fondo del problema non è mutato: il sistema (sarà questo il “Sistema Italia” di cui si favoleggia?) è suicidario:   In altri termini (come  afferma ora – “pour cause” – il semprevivo Berlusconi in una difesa non degli accusati ma proprio del “sistema”) le tangenti sono non l’eccezione, bensì la norma, in certe transazioni e vendite internazionali (ma non per la “fetta” domestica).    Norme apposite possono limitarle, non escluderle.  Ciò che andrebbe reciso è il malsano groviglio sottostante: esempio la Finmeccanica – in un non troppo lontano passato si sarebbe spinta a mantenere come proprio Vice Presidente un signore destinato a rappresentare l’Italia a Washington come Ambasciatore.  Insomma la certificazione internazionale del “groviglio”.    E sarebbero stati i nostri amici statunitensi ad impedire pratiche assai comuni… cinquecento anni fa.   Da noi sembrava del tutto normale, tanto più sotto il Governo Berlusconi.      Non solo, ma ora il   medesimo signore godrebbe attualmente di quello che in Giappone si chiama “discesa dal cielo” usufruendo da “pensionato” di una lucrosa funzione semi-pubblica  a coronamento di una carriera diplomatica legata al centro-destra nazionale…

Rispetto dei ruoli, valori etici nel servizio pubblico, controllo parlamentare e/o d’opinione, nulla di tutto ciò funziona in questo sfortunato post-moderno (mai moderno) Paese.     Un caso assai minore ma illuminante come un faro è come la “paracadutata” On Giovanna Melandri abbandonò poche settimane fa (vigilia elettorale…) lo scranno per assurgere alla Presidenza del MAXXI il museo contemporaneo (invero un po’ virtuale ed opera dell’ “era veltroniana”) di Roma.      Poco tempo è passato ed immediatamente la signora si è distinta per la controproducente censura al filmato dell’ex Direttore dell’ “Economist” reo di possibile lesa maestà alla immagine dell’ex Premier Berlusconi con conseguente  rischio di infranta “par condicio”.  No Comment.

Certo qui non si tratta di reati, ma l’ “humus” è il medesimo e né nel “piccolo” Maxxi, né tanto meno nella grande Finmeccanica si pensa di cambiar strada: per quest’ultima ex ammiragli ed affini sono già in pista per il “risanamento” post-giudiziario.    Si potrà un giorno votare contro tutto ciò?

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto