Flash

13/02/2013

Flash

Siamo alle solite.   Non si parla qui della notizia del giorno, ovvero l’arresto del manager che ha rimpiazzato al vertice di Finmeccanica l’ “esodato” Guarguaglini (peraltro dopo un congruo numero di anni passati al vertice con accanto la moglie ugualmente in vertici contigui e con una congrua “buonuscita” per sé medesimo), tale Orsi oggi implicato in “tangenti” internazionali.      Si parla invece – al di là del caso giudiziario – del sistematico sviamento di giudizio su questi temi: accade infatti che i giudici – sulla base dell’ovvio principio penale della responsabilità personale (sono le persone a commettere reati e non i “sistemi”) inevitabilmente colpiscono nel mucchio (il più delle volte facendo centro con solide prove) mentre il sistema criminogeno non è neppure scalfito.  E tutto va avanti come prima, cambiando soltanto alcune “figurine”.

Le cronache giudiziarie sono le cronache giudiziarie e nonostante non siano più i tempi in cui da una parte c’era il mega-scandalo della Banca Romana e, dall’altra, un Ministro della Pubblica Istruzione veniva sanzionato per appropriazione di un calamaio (oggetto ormai scomparso…) e di un po’ di cancelleria, il fondo del problema non è mutato: il sistema (sarà questo il “Sistema Italia” di cui si favoleggia?) è suicidario:   In altri termini (come  afferma ora – “pour cause” – il semprevivo Berlusconi in una difesa non degli accusati ma proprio del “sistema”) le tangenti sono non l’eccezione, bensì la norma, in certe transazioni e vendite internazionali (ma non per la “fetta” domestica).    Norme apposite possono limitarle, non escluderle.  Ciò che andrebbe reciso è il malsano groviglio sottostante: esempio la Finmeccanica – in un non troppo lontano passato si sarebbe spinta a mantenere come proprio Vice Presidente un signore destinato a rappresentare l’Italia a Washington come Ambasciatore.  Insomma la certificazione internazionale del “groviglio”.    E sarebbero stati i nostri amici statunitensi ad impedire pratiche assai comuni… cinquecento anni fa.   Da noi sembrava del tutto normale, tanto più sotto il Governo Berlusconi.      Non solo, ma ora il   medesimo signore godrebbe attualmente di quello che in Giappone si chiama “discesa dal cielo” usufruendo da “pensionato” di una lucrosa funzione semi-pubblica  a coronamento di una carriera diplomatica legata al centro-destra nazionale…

Rispetto dei ruoli, valori etici nel servizio pubblico, controllo parlamentare e/o d’opinione, nulla di tutto ciò funziona in questo sfortunato post-moderno (mai moderno) Paese.     Un caso assai minore ma illuminante come un faro è come la “paracadutata” On Giovanna Melandri abbandonò poche settimane fa (vigilia elettorale…) lo scranno per assurgere alla Presidenza del MAXXI il museo contemporaneo (invero un po’ virtuale ed opera dell’ “era veltroniana”) di Roma.      Poco tempo è passato ed immediatamente la signora si è distinta per la controproducente censura al filmato dell’ex Direttore dell’ “Economist” reo di possibile lesa maestà alla immagine dell’ex Premier Berlusconi con conseguente  rischio di infranta “par condicio”.  No Comment.

Certo qui non si tratta di reati, ma l’ “humus” è il medesimo e né nel “piccolo” Maxxi, né tanto meno nella grande Finmeccanica si pensa di cambiar strada: per quest’ultima ex ammiragli ed affini sono già in pista per il “risanamento” post-giudiziario.    Si potrà un giorno votare contro tutto ciò?

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto