Flash

13/02/2013

Flash

Siamo alle solite.   Non si parla qui della notizia del giorno, ovvero l’arresto del manager che ha rimpiazzato al vertice di Finmeccanica l’ “esodato” Guarguaglini (peraltro dopo un congruo numero di anni passati al vertice con accanto la moglie ugualmente in vertici contigui e con una congrua “buonuscita” per sé medesimo), tale Orsi oggi implicato in “tangenti” internazionali.      Si parla invece – al di là del caso giudiziario – del sistematico sviamento di giudizio su questi temi: accade infatti che i giudici – sulla base dell’ovvio principio penale della responsabilità personale (sono le persone a commettere reati e non i “sistemi”) inevitabilmente colpiscono nel mucchio (il più delle volte facendo centro con solide prove) mentre il sistema criminogeno non è neppure scalfito.  E tutto va avanti come prima, cambiando soltanto alcune “figurine”.

Le cronache giudiziarie sono le cronache giudiziarie e nonostante non siano più i tempi in cui da una parte c’era il mega-scandalo della Banca Romana e, dall’altra, un Ministro della Pubblica Istruzione veniva sanzionato per appropriazione di un calamaio (oggetto ormai scomparso…) e di un po’ di cancelleria, il fondo del problema non è mutato: il sistema (sarà questo il “Sistema Italia” di cui si favoleggia?) è suicidario:   In altri termini (come  afferma ora – “pour cause” – il semprevivo Berlusconi in una difesa non degli accusati ma proprio del “sistema”) le tangenti sono non l’eccezione, bensì la norma, in certe transazioni e vendite internazionali (ma non per la “fetta” domestica).    Norme apposite possono limitarle, non escluderle.  Ciò che andrebbe reciso è il malsano groviglio sottostante: esempio la Finmeccanica – in un non troppo lontano passato si sarebbe spinta a mantenere come proprio Vice Presidente un signore destinato a rappresentare l’Italia a Washington come Ambasciatore.  Insomma la certificazione internazionale del “groviglio”.    E sarebbero stati i nostri amici statunitensi ad impedire pratiche assai comuni… cinquecento anni fa.   Da noi sembrava del tutto normale, tanto più sotto il Governo Berlusconi.      Non solo, ma ora il   medesimo signore godrebbe attualmente di quello che in Giappone si chiama “discesa dal cielo” usufruendo da “pensionato” di una lucrosa funzione semi-pubblica  a coronamento di una carriera diplomatica legata al centro-destra nazionale…

Rispetto dei ruoli, valori etici nel servizio pubblico, controllo parlamentare e/o d’opinione, nulla di tutto ciò funziona in questo sfortunato post-moderno (mai moderno) Paese.     Un caso assai minore ma illuminante come un faro è come la “paracadutata” On Giovanna Melandri abbandonò poche settimane fa (vigilia elettorale…) lo scranno per assurgere alla Presidenza del MAXXI il museo contemporaneo (invero un po’ virtuale ed opera dell’ “era veltroniana”) di Roma.      Poco tempo è passato ed immediatamente la signora si è distinta per la controproducente censura al filmato dell’ex Direttore dell’ “Economist” reo di possibile lesa maestà alla immagine dell’ex Premier Berlusconi con conseguente  rischio di infranta “par condicio”.  No Comment.

Certo qui non si tratta di reati, ma l’ “humus” è il medesimo e né nel “piccolo” Maxxi, né tanto meno nella grande Finmeccanica si pensa di cambiar strada: per quest’ultima ex ammiragli ed affini sono già in pista per il “risanamento” post-giudiziario.    Si potrà un giorno votare contro tutto ciò?

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto