Flash

23/10/2014

Flash

assalitorecanada-U200433593701MzH-U210731238653WcC-499x285@IlSecoloXIXWEB

Anche chi scrive (e non solo il Presidente Obama…) ha avuto una qualche “familiarità” (in un lontano passato) con i luoghi che sono stati ieri sera lo scenario di avvenimenti che – forse a torto – hanno tenuto con il fiato sospeso l’intero pianeta.  Da Ottawa, la cittadina che all’uso anglosassone (e coloniale) ospita la capitale del Canada, è infatti partito un allarme globale su di un rischio di globalizzazione terroristica fuori dei luoghi “deputati” ad ospitare l’orrore: ciò che non sorprende a Kobani (la città assediata alla frontiera tra Siria e Turchia e difesa dai Kurdi in condizioni e violenze da assedio medievale, mentre i Kurdi stessi rimangono notoriamente senza patria né autonomia nazionale divisi come sono tra Turchia Siria ed Iraq) fa interrompere con spazi “live” tutte le informazioni globali.

Ottawa è essa stessa, così come Canberra per l’Australia, Wellington per la Nuova Zelanda e perfino Pretoria per il Sud Africa, costituita da un piccolo centro monumentale con gli edifici di Governo e di rappresentanza parlamentare e diplomatica e – tutto intorno – sobborghi residenziali (più o meno confortevoli a seconda di una minuziosa ripartizione “di classe”) che si stemperano nella natura circostante.   Ovviamente – nel caso di Ottawa – la natura è fatta di parchi e boschi (a lungo innevati) che contrastano bruscamente con il centro cerimoniale ed ammnistrativo del Paese.   In breve una condizione di isolamento, tranquillità, concentrazione.     Una “location” perfetta per simboleggiare il “potere” e la sua sacralità ed è qui che è esplosa una serie di avvenimenti che – non vi fossero state sparatorie e le due vittime, una delle quali è il responsabile “terrorista” canadese convertito all’Islam Michael Zehal Bibeau e l’altro il militare canadese di origine italiana Nathan Cirillo – richiama esplicitamente più che le “Torri gemelle” di New York” il “pronunciamento” a colpi di pistoletta del Colonnello Tejero nelle Cortes post-franchiste (Madrid 23 Febbraio 1981). “Golpe” rintuzzato dal Premier Conservatore Suarez e dallo stesso Re Juan Carlos…

In questo senso parlare da subito di “attacco al Canada” (anche se era stato preceduto da un altro episodio di natura terrorista) è un evidente eccesso paradossale, un’espressione di “retro-pensiero” che – invece di rassicurare – esprime preoccupazione, sopravvalutazione, drammatizzazione preventiva.    Che questa “operazione” politico-mediatica venga incarnata dall’assai fragile Primo Ministro canadese Steven Harper (leader conservatore di origini tedesche) può essere comprensibile (anche se non giustificabile), meno quando venga condivisa da Governi in ben altre faccende affaccendati (come Washington e la frastornata Amministrazione Obama…)…

D’altro canto, l’immediato “endorsement” da parte dell’ISIS delle motivazioni del “convertito” canadese confermerebbe la paternità – almeno mediatica – del “lupo solitario” che (probabilmente da solo) ha seminato il panico nel centro di Ottawa.  Il precedente del militare britannico decapitato in strada a Londra a colpi di machete confermerebbe questa tesi.

Infine il fatto che il “terrorista” Zehar Bibeau fosse già noto sia ai servizi di sicurezza canadesi che al FBI, getta una luce non positiva sulla funzionalità dei medesimi.  Di più dovrebbe spingere, più che alla drammatizzazione, alla riflessione autocritica: perfino alla revisione dei criteri identificativi del rischio.

Il che ci conduce (uscendo dal cliché del Canada a cavallo tra vecchia e pacifica coesistente Europa e centralità imperiale e militare degli Stati Uniti) – o ci dovrebbe condurre – ad una riflessione profonda sul fatto che il rifiuto di negoziare con l’“individuo etico globale” (di volta in volta strumentalizzato e poi lasciato al suo destino di repressione ed annientamento   come è accaduto – per dirne una – con le “primavere arabe”) non elimina, ma anzi rafforza il suo “interfaccia” oscuro e cioè il terrorista “random” (a casaccio, volontario, autogestito).       Si potrebbe addirittura sospettare che la mediatizzazione della politica, la sua riduzione stessa al carisma “da laboratorio” costituisca essa stessa l’humus, il brodo di cultura per l’emergenza di questi fenomeni individuali di violenza eversiva.  Che esista o no un “network” di supporto e strumentalizzazione…

L’importazione di mezzi e metodi importati dallo “Star System”, il “Red Carpet” permanente non produce solo “deliziosi” leader costruiti  o autocostruiti come “avatar” del “net”, ma anche “mostri” capaci di destabilizzare l’intero Pianeta.   Evidentemente incapace o refrattario a regolazioni concertate su basi diverse dal confronto militare, dalla violenza economica e finanziaria, dalla concentrazione del potere.

Altro che “corpi intermedi” e ruolo dei medesimi come antidoto alla concentrazione autocratica (spesso eterodiretta…)…  Qui il nodo drammaticamente sottostante è quello della rappresentanza e della partecipazione: i soli strumenti capaci di isolare ed impedire esplosioni “anarchiche” come appare essere stata quella della tranquilla Ottawa.       Fare affidamento alle forze di sicurezza (da sole…) è pura velleità e lo si è visto ieri oltreoceano.  Né più né meno di avere cortocircuitato le istanze e le assise cooperative (esempio, il “sistema” Onu) per sostituirle con la pressione economico-militare.   Con il risultato di rendere onnipresente – ed imprevedibile – la violenza.

Senza contare che sul “Red Carpet” ci vanno le decapitazioni dell’ISIS e non i Premi Nobel…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto