Flash

22/10/2014

Flash

vnukovo total de margerie

Correva l’anno 1962 e –più precisamente – il 27 ottobre di quell’anno quando il carismatico fondatore dell’ENI Enrico Mattei moriva nell’esplosione in volo del suo aereo sulla Bassa Padana, a Bascapè.    Mille i possibili mandanti e moventi: dagli interessi petroliferi internazionalmente consolidati al sostegno alla fase finale della decolonizzazione in Paesi produttori, eccetera eccetera.   L’altra notte nel super-blindato aeroporto moscovita di Vnukovo (l’equivalente del Ciampino romano) la stessa sorte toccava al PDG (Presidente direttore generale) di Total Christophe de Margerie: il suo Falcon collideva sulla pista con un massiccio mezzo anti-neve “guidato” da un autista “ubriaco”.  Senza naturalmente poter escludere cause diverse come un incendio già scoppiato a bordo…

Risultato, un rogo in cui morivano bruciati piloti e passeggeri, a partire da De Margerie. Poiché – con ironia un po’ macabra – si può escludere che il carismatico ed anziano super-manager sia stato “punito” per essersi pronunciato qualche tempo fa a favore di un incremento delle tasse sugli enormi redditi a lui corrisposti – come ad altri super-manager in vari Paesi “avanzati” – (una civetteria “egualitaria” – non ancora arrivata in Italia – il cui più noto interprete è lo statunitense Warren Buffett), anche questa volta il mistero pare destinato a durare.     L’unica certezza è che l’intreccio tra gli interessi petroliferi e gli scenari geo-politici contiene il più alto potenziale di rischio per chi vi sia coinvolto.  L’avversione esplicita di De Margerie per le sanzioni economiche alla Russia costituisce l’ovvio visibile “brodo di coltura” del tragico episodio. Tanto più perché l’incontro – appena concluso – tra De Margerie e il Premier russo Medvedev – aveva come oggetto principale un enorme progetto di stazione petrolifera in Siberia sull’estuario del fiume Ob: un progetto che sarebbe potuto cadere sotto la scure dell’ “accerchiamento” economico a Putin.

Assai minore interrogativo concerne la ragione per cui la morte dell’anziano manager francese ha attirato la attenzione di questo flash.   E’ semplice: tanto la dinamica internazionale (almeno quella degli eventi) che quella nazionale attraversano una parentesi di relativa stagnazione.  E’ come quando i fenomeni sismici e tettonici accumulano le energie negative che poi si scaricheranno traumaticamente.    Il rogo di Vnukovo è lì a ricordarci che, in un mondo in cui la transizione pacifica o – quantomeno – cooperativa rimane pura utopia, le illusioni ireniche non devono e non possono avere corso: l’atmosfera zuccherosa che viene sparsa in Italia giorno dopo giorno da Renzi e dai suoi – più o meno sinceri – accoliti ha fin qui prodotto più sonnolenza – ed una vaga nausea – che anestesia.    Il suo carattere diversivo e di alterazione della realtà già emerge come un sintomo che la guarigione non si avvicina, bensì si allontana.      Il caso della legge di stabilità e dei “brogliacci” già trasmessi a Bruxelles (come da scolari furbetti ed approssimativi) è lì a dimostrare come i risultati siano più mediatici che reali.    Per farci inciampare basta il mancato bollino della Ragioneria Generale dello Stato…E – a questo punto – ci si permetta di dubitare del potere taumaturgico del più illustre “clinico” nazionale, ovvero il Presidente Napolitano.  Senza irriverenza egli rischia ormai di richiamare quei meravigliosi sermoni dei medici di Moliere intorno al “malato immaginario”… Solo che qui il malato lo è per davvero…

Il giorno “uno” dell’era renziana aveva fatto evocare un “Truman Show” italiano: ora ci siamo dentro completamente, accompagnati (per chi segue…) dalla nenia di un sistema informativo che conferma appieno tutte le analisi proposte già un paio di decadi fa dal grande sociologo francese Pierre Bourdieu.   Quello che spiegava il carattere “servile” dell’informazione che non informa o spiega intorno alla politica, quanto piuttosto “serve” i politici.   Insomma una nomenklatura ausiliaria, di complemento…

In conclusione tutto bene nel Paese del “Gattopardo”.  Cioè tutto male….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto