Flash

03/10/2014

Flash

ambasciatore renzi

“Renzi mi ricorda Ronald Reagan”, così il neo Ambasciatore statunitense a Roma William Phillips (“genealogicamente Filippi allorchè i progenitori arrivarono dal natio Friuli), già avvocato d’affari e finanziatore elettorale di Obama nonché nuovo supporter di “Matteosubito”.  Munito di così autorevoli credenziali (anche se ovviamente collegate ad una funzione che richiede il massimo di compiacenza con le locali autorità e tanto più verso il Primo Ministro in carica), Renzi viene assidendosi sempre più in un concerto internazionale che dovrebbe compensarlo delle critiche in patria.   D’altro canto su questa “commendatizia” non è facile per noi concordare vuoi perché avendo personalmente avvicinato il simpatico attore prestato alla politica in una fase internazionale complessa quasi quanto quella attuale possiamo testimoniare che era più alto…   E Reagan certamente più simpatico grazie anche alla sua abitudine di raggiungere frequentemente la delegazione italiana per farla destinataria  delle proprie barzellette. Conclusione: ci vuol altro che una dichiarazione diplomatica per rassicurare gli italiani.

Certo non i membri iscritti al PD che, dopo aver perso in un anno 400mila iscritti e toccato il minimo storico  di soli 100mila tesserati (così informa la stampa nazionale…) e pertanto appaiono ormai destinati – nonostante il controllo esercitato in Parlamento – ad assumere il ruolo di un Partito d’opinione.   Non male per quello che recentemente si era autodefinito come Partito “nazionale”.   Cinicamente potremmo parlare di “missione compiuta”.   Il massimo di potere ed il minimo di rappresentatività.    Questo non impedirà (come si è visto alla Direzione di lunedì dalla quale Renzi è uscito trionfatore e leader incontrastato) di continuare per la strada intrapresa, sintetizzabile in una delle marce indietro più tenaci della storia.

Di più l’ambasciatore Phillips è stato anche – troppo? – esplicito per un rappresentante straniero sostenendo che la vincente formula “Made in Usa” consiste nel lasciare che il mercato del lavoro è fatto di “chi entra e chi esce…”.  E che questa è la via: Philips “non ci vede niente di male…” Giusto… e neppure  Renzi, che  porta avanti la storica battaglia di favorire l’uscita dei lavoratori    Non male quando la disoccupazione è saldamente a due cifre e quella giovanile sta al 44%.   Senza contare che gli “inoccupati” (quelli che manco lo cercano un lavoro e vivono del patrio “familismo”) competono con i disoccupati “ufficiali”.

Intascato l’appoggio dell’ “amico americano” il Nostro può dedicarsi (con alleati del calibro di quell’Hollande che incarna soltanto il “mal francese”, almeno quello socio-politico che ha portato il Fronte nazionale al primo posto nei sondaggi…) a “spezzare le reni” alla già amica (la visitò prima dell’insediamento..) Cancelliera Merkel: rispetti le altre “nazionalità (?!) e non le tratti come “studenti”.  Una frase, due errori: confonde le “nazionalità” (gergo turistico fiorentino che sta per “nazioni”) con i Paesi, gli Stati.  Parla di studenti da rimbrottare come fossimo ai tempi di Gian Burrasca.

Ma non importa. E’ il gergo che piace agli Italiani: quello dell’amato “salotto De Filippi”.

Quanto a noi ci risuona di continuo in testa una frasetta di cui non capiamo neppure noi l’origine: “ridateci il professor Arturo Carlo Jemolo”.   Forse significa nostalgia per un’Italia in cui i professoroni (come li chiama con disprezzo Matteosubito) erano lì per annoiarci ed illuminarci.  E chi li ha sostituiti?   Niente.

Buon fine settimana.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto