Flash

02/10/2014

Flash

block-bce-8

A Hong Kong si aspetta con comprensibile trepidazione la scadenza dell’“ultimatum” fissato dai movimenti democratici per ottenere l’assai improbabile rimozione del Governatore “pechinese”, a Napoli i banchieri centrali nazionali e quello europeo Draghi si concedono l’ospitalità del Presidente della Repubblica che li intrattiene in una delle più belle residenze che già appartennero a Casa Savoia, quella Villa Rosebery che dall’alto della collina di Posillipo domina l’incanto del Golfo e la rovina della città, che già fu la più grande (in molti sensi) d’Europa.   A Oriente grattacieli e tecnologie per una volta al servizio del cambiamento, ad Occidente un’incauta esposizione della decadenza, della corruzione, dell’impotenza coniugata ad una stolida arroganza. Difficile infatti capire la ragione della scelta della capitale del Sud per una riunione tutto sommato di routine ed in ogni caso blindata contro inevitabili proteste per un abbandono ed una crisi che precedono di molto l’attuale crisi. La contestuale rimozione di un sindaco eletto – ancorché legalmente fondata – costituisce la classica ciliegina su di una torta della cui freschezza è ben lecito dubitare.

Furbescamente (come al solito) il premier “Matteosubito” vola nelle stesse ore a Londra e si intrattiene a sua volta con quello che sente come il suo gemello, il Primo Ministro conservatore David Cameron, al quale tutto lo unisce salvo forse l’educazione “etoniana”.   Da Napoli lo tiene lontano sia il rischio di figurare (per quello che è…) come un comprimario a fianco di grossi calibri come il Capo dello Stato (della cui costante “comprensione” ha disperatamente bisogno) ed il super-banchiere centrale d’Europa.       Il tutto costituisce, a prescindere dagli esiti degli avvenimenti odierni, una realistica rappresentazione di due fenomeni contrapposti: il declino incontrastato e perfino compiaciuto e – come si è detto – la crescita non sempre facile e certamente non unilineare.    Detto in altri termini il “tedium vitae” ben rappresentato da un banchiere “predestinato” passato disinvoltamente dal pubblico (Direttore generale del Tesoro insolitamente prima dei 40 anni, poi banchiere privato e al servizio del grande capitale finanziario dal seggio alla Goldman Sachs al “gotha” raccolto a bordo dello yacht reale Britannia, fino all’attuale “capolavoro” che potremmo definire “misto” della BCE).    A Napoli tutto questo si è accompagnato alla presenza non già – come d’uso – della maschera di “Anonimous” (o di Guy Fawkes) bensì di Pulcinella.   Sul serio…

E, d’altro canto, che un altro (rispetto ai nostri) campione del “riformismo europeo” – quel Francois Hollande che presiede ai destini di Francia con il 13%  del consenso dei cittadini – avesse deciso di buttare unilateralmente alle ortiche i “tetti” di bilancio comunitari rinviandone l’attuazione al 2017 (il tempo giusto per passare dal 13% al…… in vista delle prossime elezioni)  aveva già creato un clima tra euforico e farsesco nei dirigenti italiani che ora si augurano – almeno – di poter “lavorare sui resti”.   Vedremo.

Che tutto l’insieme – il solito “vasto mondo” – non vada intanto troppo bene lo confermano non solo i segnali su “Ebola” che si accavallano e moltiplicano, ma un dato ben osservabile: l’arrivo delle truppe dell’ISIS alla frontiera Turca.    E meno male che laggiù c’è un dirigente della tempra di Erdogan: non a caso amico e rispettato sodale del nostro Caimano.

A tutti noi, e prima di tutti a quelli di Hong Kong, auguri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto