Flash

19/09/2014

Flash

Union-jack-7

Buone notizie?  Dipende.  Cominciamo da quelle dal “vasto mondo” – per l’esattezza dall’Europa “insulare” a Nord della Manica – per poi dare un’occhiata alle acque agitate del nostro stagno domestico.   Il referendum scozzese sulla possibile “secessione” della Scozia dal Regno Unito… ebbene questo si è chiuso con la vittoria di misura ma netta del “No” gli Scozzesi restano dove le armi “inglesi” li hanno cacciati tre secoli fa: forse definitivamente.

Pochi punti di distacco nelle urne: il no all’indipendenza ha sfiorato il 55%, quello che resta è andato agli “indipendentisti”, il tutto con una composta e civile affluenza che ha sfiorato il 90%.   La miglior sintesi politica l’ha data inaspettatamente il Premier conservatore David Cameron, sottolineando – dal suo punto di vista – la correttezza politica dimostrata nella indizione e nella tenuta di una consultazione che avrebbe potuto essere storica e segnare una sconfitta “inglese” senza precedenti: una sorta di “Finis Britanniae”.  La “graciousness” (corretta “urbanità”) dimostrata da un politico certamente non brillante, certamente poco sensibile alle istanze popolari, certamente poco carismatico nelle sue manifestazioni, ha pagato e può essere ragionevolmente vantata come un successo per l’intero Paese.  Un Paese che – afferma in queste ore lo stesso Cameron – è fatto di quattro “Nazioni” capaci ancora di una comune prestazione. Ovviamente assai poco rilevante l’ “intromissione” della UE ed in particolare dell’uscente Barroso. Questi aveva “motu proprio” – e nell’intento di rassicurare gli Spagnoli versus i Catalani (ecc., ecc.)  ammonito e minacciato di sfracelli (uscita forzosa dall’Europa della Scozia, incerta riammissione…) in caso di vittoria del sì.   Esattamente la miopia politica che sta bloccando l’intera aggregazione Europa: una musica ottusa da cambiare al più presto….

Ovviamente i “secessionisti” – per parte loro – hanno mostrato grande forza e grande consenso e ne riceveranno contropartite accentuando autonomia e più conveniente (per loro…) ripartizione di risorse e di rappresentanza.    In sintesi il tutto (anche se scontato in ragione della posta in gioco da difendere non solo per l’Inghilterra ma per tutto il mondo anglosassone occidentale, a partire ovviamente dagli Stati Uniti che vogliono conservare il loro “alleato di ferro”) costituisce un umiliante paragone per la “canizza italica”, tanto violenta quanto inconcludente ed autolesionista.

Saranno ancora vere le icastiche affermazioni mussoliniane (“popolo di bottegai che mangia cinque volte al giorno…”), ma forse – invece di “ammirarli” non ricambiati  (per quello dovremmo guardare piuttosto all’odiata Germania, che invece continua ad amarci irricambiata) si dovrebbe studiare il loro pragmatismo, l’efficacia della loro democrazia “formale”, l’assenza di rabbiose ed inconcludenti retoriche.

La vicenda si chiude – stando anche alle pacate dichiarazioni del leader autonomista Salmon -  senza ferite gravi.  I problemi restano ma – e qui sta la vittoria per tutti – è stata confermata l’esistenza di una via di composizione “civile”.  Grazie.

Di qua delle Alpi più che nello stagno ci troviamo in una palude puteolente, infetta ed infestata di animali nocivi (altro che orsi…).    La farsa in corso per imporre il duetto (Berlusconian Renziano) alla Corte Costituzionale (dopo 13 votazioni a vuoto…) riprenderà la prossima settimana.    Musiche sinistre ritmano la dichiarata volontà di spezzare le reni al lavoro e ai suoi diritti organizzati: secondo il Governo (ma guarda un po’…) il Fondo Monetario della discussa ed iper-conservatrice Lagarde plaudirebbe alla frusta antipopolare di “Matteosubito”.   Certamente lo faranno i suoi “storici” supporter imprenditoriali, i Farinetti, i Cucinelli e compagnia cantante.  Per non parlare del grande vecchio e già macellaio e “banchiere” di successo Denis Verdini: “conte zio” dello storico incontro tra il vecchio Silvio ed il giovane Matteo.

Quanto al nostro “riformatore”, già coinvolto nella gestione della Società paterna, trovandosi di fronte all’accusa per il genitore di bancarotta fraudolenta, è presumibile un arruolamento a sempre più alti livelli nei ranghi dei “commandos” anti-magistratura.   Quanto a questa è inevitabile il raffronto con gli anni in cui essa costituiva il fronte avanzato dell’attacco al putch politico berlusconiano.  Con quali risultati è sotto gli occhi di tutti…

In breve un caos piuttosto disgustoso ben poco coperto dalle fragili mutande impostigli da un Capo dello Stato sul quale continuiamo ad interrogarci come possa ritenere positivo per il suo – e nostro – Paese il bilancio  di ben oltre mezzo secolo di vita politica.     Colpa di Grillo e dei giovani Cinquestelle, colpa dei “ben-altristi”, colpa degli “apoti” (quelli che – come molti di noi – “non la bevono”?    Non pare proprio…  Anzi avanti con il 14esimo voto parlamentare per imporre al Paese giudici “supremi” che non vorremmo neppure come “giudici di Pace”.

Grazie Cittadini scozzesi.   Grazie odiato Regno Unito.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto