Flash

08/02/2013

Flash

Uno degli ultimi sondaggi pubblicati (da oggi scattano le due settimane di “black out” per evitare “influenze” da dati e stime pre-elettorali) dava al 67% il numero degli Italiani che “non ne possono più” e non vedono l’ora che si arrivi alla sera del 25 febbraio.

Non già che – salvo un miracolo dell’ultima ora – i problemi saranno risolti ed il Paese ricomincerà a veleggiare verso un radioso futuro, ma – almeno – finirà quello che per la stragrande maggioranza (vero e proprio primo Partito) è diventata una sagra dell’impotenza e di fatto una “rottura di palle” (sic).   Nessun problema viene affrontato, nessuna autocritica presentata, nessuna visione viene formulata.   Media e classe politica hanno celebrato un nuovo indecente matrimonio (altro che matrimoni senza discriminazioni di sesso, omo o etero, o quel che sia…) a carico appunto degli Italiani medesimi.

Anche una breve sintesi di quel che è stato presentato negli ultimi giorni all’opinione pubblica legittima l’apologo del Nobel Saramago sull’astensione totale dalle urne.  Così non sarà e così non deve essere.   Anzi si può star certi che – ancora una volta – la “saggezza collettiva” di un popolo riuscirà a lanciare più che un messaggio un ultimatum.   Il sabotaggio compiuto da un Parlamento stremato ed in cerca di scialuppe per sé medesimo e l’ostinato rifiuto di varare qualunque miglioramento (=decenza) alla legge elettorale – verosimilmente la più distorsiva del mondo – si trasformerà nella prova provata del detto popolare “chi la fa l’aspetti”.

Certo lo spettacolo offerto è stato penoso e non è un caso che – dal Prof. Monti col cagnolino – ad un febbrile Berlusconi con – ancora! – quattro milioni di posti di lavoro la panoplia delle scelte di auto-inganno è stata la più ampia della storia repubblicana: manca solo “Dio ti vede, Stalin no” del 1948 che fu determinante per la vittoria della Democrazia Cristiana contro il Fronte popolare.  La lacuna verrà colmata certamente nei prossimi giorni…

Ciò non bastasse, gli squarci di realtà sono impressionanti e filtrano (sapientemente…) tra le maglie di un’informazione addomesticata da lungo tempo: dal Monte dei Paschi di Siena all’Eni/Saipem ce n’è per tutti (il primo certifica la “politica” del credito seguita nell’ultimo ventennio ed il secondo come l’Italia affronti “strategicamente” le nostre relazioni mediterranee da Gheddafi in poi), ma dovrebbe preoccupare di più il calo di 50mila (o quanti?) iscritti agli studi universitari: così l’Italia si avvia ad un referendum non tanto sul proprio futuro (quale? considerata l’assenza di programmi e dibattito), quanto sull’adesione ad una beceraggine impotente, ovvero una spinta a “ricominciare da capo”.

Auguri più che mai.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto