Flash

08/02/2013

Flash

Uno degli ultimi sondaggi pubblicati (da oggi scattano le due settimane di “black out” per evitare “influenze” da dati e stime pre-elettorali) dava al 67% il numero degli Italiani che “non ne possono più” e non vedono l’ora che si arrivi alla sera del 25 febbraio.

Non già che – salvo un miracolo dell’ultima ora – i problemi saranno risolti ed il Paese ricomincerà a veleggiare verso un radioso futuro, ma – almeno – finirà quello che per la stragrande maggioranza (vero e proprio primo Partito) è diventata una sagra dell’impotenza e di fatto una “rottura di palle” (sic).   Nessun problema viene affrontato, nessuna autocritica presentata, nessuna visione viene formulata.   Media e classe politica hanno celebrato un nuovo indecente matrimonio (altro che matrimoni senza discriminazioni di sesso, omo o etero, o quel che sia…) a carico appunto degli Italiani medesimi.

Anche una breve sintesi di quel che è stato presentato negli ultimi giorni all’opinione pubblica legittima l’apologo del Nobel Saramago sull’astensione totale dalle urne.  Così non sarà e così non deve essere.   Anzi si può star certi che – ancora una volta – la “saggezza collettiva” di un popolo riuscirà a lanciare più che un messaggio un ultimatum.   Il sabotaggio compiuto da un Parlamento stremato ed in cerca di scialuppe per sé medesimo e l’ostinato rifiuto di varare qualunque miglioramento (=decenza) alla legge elettorale – verosimilmente la più distorsiva del mondo – si trasformerà nella prova provata del detto popolare “chi la fa l’aspetti”.

Certo lo spettacolo offerto è stato penoso e non è un caso che – dal Prof. Monti col cagnolino – ad un febbrile Berlusconi con – ancora! – quattro milioni di posti di lavoro la panoplia delle scelte di auto-inganno è stata la più ampia della storia repubblicana: manca solo “Dio ti vede, Stalin no” del 1948 che fu determinante per la vittoria della Democrazia Cristiana contro il Fronte popolare.  La lacuna verrà colmata certamente nei prossimi giorni…

Ciò non bastasse, gli squarci di realtà sono impressionanti e filtrano (sapientemente…) tra le maglie di un’informazione addomesticata da lungo tempo: dal Monte dei Paschi di Siena all’Eni/Saipem ce n’è per tutti (il primo certifica la “politica” del credito seguita nell’ultimo ventennio ed il secondo come l’Italia affronti “strategicamente” le nostre relazioni mediterranee da Gheddafi in poi), ma dovrebbe preoccupare di più il calo di 50mila (o quanti?) iscritti agli studi universitari: così l’Italia si avvia ad un referendum non tanto sul proprio futuro (quale? considerata l’assenza di programmi e dibattito), quanto sull’adesione ad una beceraggine impotente, ovvero una spinta a “ricominciare da capo”.

Auguri più che mai.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto