Flash

17/09/2014

Flash

_73108221_000146992-1

Sono passati poco meno di 250 anni da quando le truppe lealiste britanniche comandate dal Duca di Cumberland (figlio di Re Giorgio II) e soprannominato Billy il macellaio, batterono – e massacrarono da vivi e da morti – gli insorti scozzesi nella famosa battaglia di Culloden Moor nelle Highlands di Scozia: troppo poco tempo per dimenticare una pagina di umiliazione e di bestiale sofferenza inflitta all’orgoglio scozzese.   Quel 16 aprile 1746 – anche se consolidò il Regno Unito e di fatto lo preparò all’impietosa assunzione del proprio imperiale “destino manifesto”, rimane nella memoria genetica di una “nazione” certo meno difforme di quanto oggi si pretenda ma pur sempre orgogliosa di sé e sempre più refrattaria ad un mito che assegna loro un ruolo subalterno… Oltre che ovviamente subalterno nel più vasto “impero” anglosassone di cui il leader non è certo la Gran Bretagna.

Andando più indietro, un altro indizio di coriacea autonomia si ritrova addirittura all’epoca di Adriano e della maturità dell’Impero romano che si accontentò nella propria mappa planetaria (dell’epoca) del Sud dell’attuale Regno Unito edificando un “vallo”, una sorta di “linea Maginot” che – di fatto – lasciò il Nord dell’isola agli autoctoni.   Ovvero agli attuali scozzesi.

Eppure non è questo l’esercizio che conta alla vigilia del voto di referendum di domani e che potrebbe mettere fine ad una costruzione costituzionale ritagliata sulle esigenze di ben altre epoche storiche.   “Risentimento” a parte, orgoglio scozzese del grande Sean Connery (e non solo lui…) a parte, i calcoli ed il panorama è oggi ben diverso: ma non per questo meno interessante e – magari – anticipatore di vari altri sommovimenti in Europa. Si pensi – tanto per fare qualche esempio – ai Catalani o ai Baschi.  E, da noi, piuttosto che la farneticante “paccottiglia leghista” ai Sardi (e non solo).

In primo luogo i “conti” economici: sei milioni di Scozzesi hanno scoperto che grazie anche alle risorse petrolifere potrebbero conservare ed ampliare il proprio welfare, passando dal modello del capitale finanziario “planetario” della Gran Bretagna a quello “norvegese” e, più in generale, scandinavo.   Il che tra l’altro corrisponde al tradizionale orientamento “socialista” degli Scozzesi.    Di più – poiché l’eventuale autonomia non ha nulla di anti-europeo – l’ “esperimento” risponderebbe a quel “glocalismo” di cui si è fatto un gran parlare ma che viene fieramente avversato da classi dirigenti “nazionali” tanto obsolete ed accaparratrici quanto inette e distanti da diritti proclamati e mai attuati anche in nome di un anacronistico (e spesso del tutto immaginario) orgoglio identitario camuffato da “interesse nazionale”…

La provinciale Italia (appena reduce dal 150esimo anniversario dell’“Unità”) ne costituisce un chiaro caso da “laboratorio” con le sue – abbastanza patetiche ed unilaterali – pretese di autonomia nazionale anche rispetto al pattizio processo di unificazione europeo (di cui eravamo stati antesignani…).     D’altro canto il problema dell’autonomia si pone per la Scozia in modo del tutto analogo e questo spiega le preoccupazioni di Washington che non è affatto sicura di poter mantenere la comoda subalternità (di più?) del Regno Unito.   Soprattutto sul terreno militare ed anche su quello – ad esempio – della presenza in Scozia di sottomarini nucleari.

In breve la vittoria del “no” corrisponderebbe al mantenimento dello status quo (magari con qualche altra piccola concessione di facciata da aggiungere all’esistente “Parlamento” locale e al piacere di avere di quando in quando – un premier del Regno Unito scozzese…): e non sorprende il malinconico e discreto appello della Regina Elisabetta.   All’opposto il sì aprirebbe nel cuore d’Europa una fase nuova ed un ripensamento critico di forme-Stato sempre più superfetate… e sempre più marcescenti.     Lo pseudodibattito di ieri al Parlamento italiano – ove Renzi ha rovesciato perfino la logica elementare che prevede che lui venga “testato” dai cittadini e non i cittadini da Lui – dovrebbe far riflettere sulle nuove partite di cittadinanza che si sono aperte e che – comunque – sarà molto difficile (impossibile?) chiudere in modo indolore.

A domani.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto