Flash

15/09/2014

Flash

7e8ea27da0cea64c7e47eaeca1ec4987

Giustizia è fatta.     Mentre le teste degli ostaggi in mano all’ISIS (fin qui britannici e statunitensi…) continuano a rotolare.  A Roma – fortunatamente – l’unica testa che rotola (del tutto metaforicamente) è quella del nostro funzionario al Fondo Monetario Carlo Cottarelli: il Commissario pro-tempore alla “Spending Review” reo di aver rotto le uova nel paniere, o meglio di aver solo accennato ai misteri gloriosi della spesa pubblica nazionale.   Quella per intenderci che nelle regioni meridionali calcola il costo del pasto di un ricoverato ospedaliero anche al livello (degno se non di Maxim, almeno di Minim…) a 40 – quaranta – euro.    Quando in altre parti d’Italia ce la si fa con 6 – sei -.    Sparisce così dal centro di Roma un serio signore e la sua ingombrante presenza con un fastidioso zainetto presumibilmente colmo di documenti (ohibò…).   Restano le migliaia di palazzi e le decine di migliaia di loro occupanti.    Per lo più signore e signorine vestite  di scintillanti (ed assai cafoni) tailleur che dovrebbero evocare operose giornate al servizio della democrazia e dei cittadini.

E, quando diciamo migliaia e migliaia, ci avviciniamo soltanto alla realtà: basti pensare al mega-ministero della Presidenza del Consiglio dove – considerata l’inconsistente produttività ad esempio in termini di “decreti attuativi” – sarebbe più che sufficiente la “tavolata della pizza” di “Matteo-subito”.   E, d’altro canto il nostro Bonaparte della campagna fiorentina, non pare proprio più impegnato a simulare realizzazioni quanto a gestire una macchina mediatica degna di un romanzo di fantascienza.  Ovvio che un Cottarelli qualsiasi stonasse sull’insieme. Dunque fuori; torni da dove è venuto.

E chi lo sostituisce?  Semplice: il recordman dell’acquisizione pilotata di “italianità”.  Quell’economista (anzi consulente finanziario proveniente dalla multinazionale anglosassone McKinsey…) israelo-statunitense Yoram Gutgeld (il cognome è di buon auspicio: oro buono, soldi belli…) . Un signore a cui si attribuisce il suggerimento a Matteo Renzi di regalare ai pezzenti (ma non troppo) ben 80 euro.   Una gradita elemosina pomposamente definita “redistribuzione del reddito” e che ha suscitato l’entusiasmo della neo-vestale Pina Picierno che non ha avuto vergogna di stimare la “somma” come spesa mensile.

Ma il caso Gutgeld affonda le sue radici in ben altri “misteri gloriosi”. Ad esempio come si fa in Italia a diventare italiano e deputato al Parlamento in meno di 24 – ventiquattro – mesi?   Ne abbiamo già parlato, ma ora è del tutto chiaro che essendo il nostro Paese privo di economisti (e di consiglieri dell’allora futuro “Principe” Renzi) occorreva importarne uno da un Paese extra-Europeo e così il PD (allora di Bersani) provvedeva all’importazione dall’estero.   Doppio risultato: rafforzare lo staff delle future imprese e acquietare gli insanabili complessi di inferiorità di una nomenklatura a suo tempo legittimata dalla “classe operaia” e da poveracci che credono che McKinsey sia una marca di detersivi o di biscotti.

Si tratta di una pragmatica realizzazione di una “storica” follia del leader radicale Pannella, da sempre alfiere della partecipazione di Israele all’Unione Europea….   Di più, se continuiamo a stupirci di questo fatterello è perché quegli stessi che – passati dall’entusiasmo per i carri armati russi a Budapest ad un imbarazzante appiattimento ultra-atlantico – confermano nei fatti l’adozione di una linea ultra-liberista che – a parole – dovevano ribaltare o, quanto meno, tarare sull’eccezionalità della crisi sociale in cui si trova l’Italia.

Ancora una volta un mondo a rovescio che contribuisce a spiegare l’attuale stordimento degli Italiani.  Ai quali si promettono continui successi che non si avverano mai.   Il semestre europeo sta per chiudersi e nessuno si è accorto di alcun risultato.   A meno di non considerare tale la “lottizzazione” a Bruxelles con la misteriosa signora Mogherini (che verrà sostituita alla Farnesina magari con la Peppa Pig… o con il redivivo ex “patron” di Renzi tal Pistelli inventore – dopo trent’anni di inutile dibattito – dell’Agenzia per la cooperazione…).

Breve un caos particolarmente imbarazzante nell’attuale contesto internazionale.   Si segnala al riguardo l’infelice intervista del Sottosegretario agli Esteri (in quota Comunità di Sant’Egidio?) in cui si proclama che nessun ostaggio italiano in mano agli estremisti islamici viene abbandonato.  Un ingresso a piedi piatti nella seria, serissima, questione dei pagamenti ai rapitori ovvero linea “dura”.  Il tutto quando ben sei cittadini (tra cui due sprovvedute ragazze…) sono detenute nelle zone di conflitto.      Anche qui evidentemente il clima farsesco diventa l’unico modo di gestire drammatiche questioni.     Un solo esempio il marò riportato per la “convalescenza” in Italia con il “solito” volo di Stato… quando sarebbe bastato un comodo volo di linea diretto tra Delhi e Roma, magari in prima classe.

Conclusione  – ahimè provvisoria – fino a quando in questo Paese irredimibile dovremo sopportare questo stato di cose?

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto