Flash

11/09/2014

Flash

Marchionne-gela-Montezemolo

Senza dubbio il fatto del giorno di questa stanca cronaca settembrina è la “zampata” con cui il boss della Fiat Chrysler (FCA) Sergio Marchionne ha posto fine al quasi quarto di secolo del “regno” di Luca Montezemolo al vertice della Ferrari.   Scarsità di risultati? Non certamente sul piano industriale e/o delle vendite (gli ordini e le richieste dei concessionari in tutto il mondo superano come sempre ampiamente i “tetti” fissati a Modena anche allo scopo di mantenere un marketing “stretto” che titilli l’“esclusività” dei clienti…).   Forse, anzi (seguendo le pubbliche dichiarazioni di Marchionne) prioritariamente l’unico “addebito” a Montezemolo risiede nell’offuscamento dell’immagine “sportiva” della Casa di Maranello sulle piste.   Ma anche questa spiegazione contrasta con la ciclicità che da sempre caratterizza questo tipo di realizzazioni.    Se mai – così come era finita l’era di Jean Todt – anche quella Montezemolo e del suo lunghissimo percorso non poteva che finire anche perché  l’orgoglioso “feudo” di Maranello si era oggettivamente  assestato in una fase di regno “calante”.  E, dunque, da innovare prima che la polvere e le ragnatele si affacciassero a logorarne l’immagine.

Ed è questa che serve a Marchionne e alle sue strategie globali E lo ha anche detto esplicitamente quando ha affermato che un auto fatta “altrove” è del tutto impensabile.    Cambiare per restare, ma sempre sull’onda…  In breve un’iniezione di botulino su di un viso sempre bello.

Naturalmente – come in tutti i cambiamenti di questo tipo – i risultati dipenderanno da molti e non tutti prevedibili fattori.  Per intanto il “Capo” prende le redini (assumendo direttamente la presidenza) del “gioiello della Corona”. E, anche se giura che non lo butterà nel “calderone” della gestione del Gruppo FCA, ne condizionerà tempi e metodi.  E, soprattutto, lo “indosserà” quando e come vuole.

Semplice. Senza contare che non tanto il prudente Montezemolo, quanto piuttosto il suo sodale di sempre il “franco” Diego Della Valle, hanno già posto il dito sul carattere “cosmopolita” della gestione Marchionne e del giovane Yaki Elkann, ultimo rampollo di Casa Agnelli.   Cosmopolita e, dunque, non italiano.  O non abbastanza tale.   Un’ “accusa” talmente ovvia da non potere essere portata a carico di Marchionne, definito da Della Valle “furbetto cosmopolita”.  Peccato che in questi tempi di “sfaldamento” del più basico buon senso non si comprende (certo non lo comprende questo “foglio” che crede nel cosmopolitismo, anche se più quello contestato degli “umani” di quello vezzeggiato del capitale…) perché i capitali (ed il controllo aziendale…) dagli Arabi del Golfo faccia bene all’Alitalia e la prospettiva globale di Marchionne sia necessariamente da respingere.     Per di più da parte di un Governo che (con la GEPI ed altri istituti) non fa che favorire e finanziare la delocalizzazione stracciona dei “posti di lavoro” nazionali, svuotando la nostra base produttiva.     Misteri italiani…

C’è poi un punto assai curioso del dibattito Ferrari: quello  del “trattamento” di fine rapporto per Montezemolo: “faraonico” in tempi di penuria (ma per chi?).  Si finge di non sapere che metà del medesimo malloppo “compensa” – come d’uso – l’impegno a tempo di non competere sul medesimo comparto.   Il dibattito nostrano salta a piè pari la circostanza che i quattrini in ballo non sono del contribuente…Come avviene invece con tutti i “boiardi” pubblici che – a prescindere dai risultati aziendali – intascano le più invereconde “buonuscite”.     A noi pare che 27 milioni di euro siano “panzellacchere” a fronte delle somme (magari una ad una miserevoli) sottratte ai pubblici bilanci.     Dalle mutande leghiste, agli assorbenti ed ai vini di pregio dei democratici… eccetera eccetera.   Si vedano al riguardo i procedimenti giudiziari in corso nelle regioni “a guida riformista”.    Peggio ancora: ora che la ruota del “tritacarne giudiziario” (felice definizione del Caimano)  gira verso la “neo-sinistra” (da George Orwell…) al centro del dibattito c’è uno dei più fantastici “contro-ordine compagni”: “anche la magistratura può sbagliare”.   Già, quando accusa noi e non loro…

Ma queste sono le nostre miserie quotidiane e la prova provata che una politica “monopolizzata” da un gruppo sociale corporativo (la famosa “classe politica”) non può che condurre all’attuale marcescente situazione. Degrado, paralisi, vuoto propositivo, propaganda per gli allocchi, trasformismo  (incluso il paradosso di un Governo “riformatore” anti-popolare e senza linea autonoma) sono la nostra dieta quotidiana.   Fino a quando?

Intanto nella dimensione che più ci interessa (quella europea) si è chiuso con l’ufficializzazione delle nomine il nuovo assetto della Commissione Juncker.   Pressochè dissipate la fanfaronate renziane su di un nuovo impeto riformatore ed anti-austerità a Bruxelles, svanito l’asse “riformatore” Renzi Hollande – con quest’ultimo ormai sceso sotto il 13% del consenso e l’altro da misurare dopo l’inverno- (per la semplice ragione che due debolezze non fanno una forza), la Germania e gli “austeri” Paesi del Nord tengono saldamente in mano le redini di una “ripresa compatibile” in Europa.     Come diceva il famoso leader comunista Togliatti: “fuori i pagliacci dal campo della lotta”.     Il “circo” europeo li blandisce (Mogherini, Moscovici) ma si guarda bene dal lasciargli campo libero.  E, del resto, perché dovrebbe?   Considerato come vanno Francia, Italia in mano a classi dirigenti che a definire “inattendibili” si fa loro un complimento.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto