Flash

01/02/2013

Flash

Non era stato difficile prevedere che ogni settimana, ogni giorno, che ci separano dalle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio (a proposito quando l’Italia raggiungerà gli altri Paesi e concentrerà in un solo giorno l’appuntamento elettorale?), avrebbero “offerto” novità di ogni genere: o in termini di nuove alleanze ovvero ostilità e soprattutto scandali e “rumours” , voci purtroppo assai consistenti tratte da un pozzo – nero – di contenuto che sembra senza fine.

Altro che marcio “in Danimarca” come nell’Amleto shakespeariano, questa Italia batte tutti confermando che le “serate eleganti” dell’ex Premier erano in fondo solo giochetti da oratorio e che c’era ben altro.  E non solo nelle notti di “relax”, bensì nei giorni operosi di insaziabile auto-cannibalismo. Il caso della “più antica banca del mondo” è lì a dimostrarlo e non si potrà mettere a tacere minacciando “sfracelli”, e sbranamenti a chi la “buttasse in caciara” ovvero coinvolgesse ulteriormente le responsabilità del partito che aspira a formare il Governo dell’alternanza dopo il centro-destra berlusconiano e dopo l’incauto Governo del Presidente.

Dunque, il pentolone del marciume (e dei malanni nazionali) continuerà a ribollire e traboccare ed è quasi impossibile prevederne l’esito finale.  Tuttavia anche se i numeri e le alchimie post-elettorali restano indeterminate qualche costante e nodo di fondo può essere rintracciato.   Ad esempio il fatto che tutti (nessuno escluso) i dirigenti politici ritengono che i propri connazionali siano un branco di imbecilli (Berlusconi docet): un piccolo esempio legato al caso MPS lo dimostra.      Infatti qualcuno aveva calcolato che il costo del “salvataggio” della banca equivaleva all’introito dell’odiata IMU “prima casa”.  Pronta la risposta del brillante Ministro dell’economia: sono voci di bilancio diverse ed in ogni caso si tratta di un prestito…

Ometteva il già brillante tecnocrate (a sua volta alla ribalta per una magione pariolina ad incerti contorni fiscali) di cogliere il punto: si sottraggono risorse ai “molti” per farle distruggere dai “pochi”.

Nel frattempo, mentre è ora evidente che avevano ragione coloro che da anni denunciano marci intrecci (altro che “armonioso groviglio”) che coinvolgono ampi settori dell’intera classe dirigente, suonano al limite del patetico gli appelli al salvataggio di questa o quella “Istituzione”: un esempio è la Banca Centrale che – arrivati a questo punto e a questo record di coinvolgimenti giudiziari (da oltre un trentennio) – difficilmente potrà continuare ad atteggiarsi a “riserva della Repubblica” .  Tanto “riserva” da traghettare la responsabile della “vigilanza” alla Presidenza della RAI.  Insomma tutti dentro il pentolone.   E, a questo punto, come meravigliarsi dell’assenza totale dal dibattito elettorale di tutti, ma proprio tutti,  i temi di fondo del Paese.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto