Flash

06/08/2014

Flash

153021833-e8735f9a-0f45-4e40-945a-b654e17eaba6-553x415

E così la montagna – tanto per cambiare – partorì il topolino.  Arlecchino e Pulcinella hanno fatto colazione insieme (a Palazzo Chigi: già casa del secondo e oggi magione del primo), si sono scambiati gli auguri di buone vacanze (alla faccia della stragrande maggioranza degli Italiani pure invitati dall’impudente Renzi a “stare tranquilli”..) e – a Dio piacendo – ci si vede a settembre.

Il comunicato e/o le indiscrezioni sullo “storico” incontro dei due “riformatori” e azionisti del surreale Gabinetto governativo (con cui si dovrebbe uscire dalla recessione!?) latitano anche perché è difficile entusiasmare l’opinione pubblica con gli ultimi “aggiustamenti” di “soglie, preferenze, inguacchi anti-partecipativi” del fantomatico “Italicum” (li “cucineranno” quando e se arriverà il momento di nuove elezioni).   Difficile perché proprio stamattina – con insolente tempismo – l’ISTAT ha comunicato che il PIL italiano è sceso dell’0,2% nel secondo trimestre: è dunque certificato che il Paese è in recessione e non – si ripete non – esiste alcun segnale di ripresa.   Come si dice: le chiacchiere stanno a zero.  E, in ogni caso, a quelle ci pensa la già deliziosa Ministro Boschi (verosimilmente sotto dettatura dell’inossidabile Senatrice – a vita? – Finocchiaro) e i media omologati.

Resta fermo il proclama sulla “sera della vittoria” e lo schiacciamento di tutte le minoranze e le opinioni liberamente e costituzionalmente espresse dai cittadini-elettori (fino a quando?).

Le reazioni della realtà non si sono fatte attendere: borsa in caduta e “spread” in salita.  Non solo ma forse l‘incontro se lo potevano fare al telefono.   Troppo tardi lo hanno capito, anche se la voglia di rinnovare le “emozioni” dell’intesa del Nazareno era troppo forte (almeno per Berlusconi).   Del resto tra ieri e ieri l’altro l’aria che tirava era stata ben chiarita dal capo della Confcommercio che si è fatto beffa degli 80 euro (media effettiva: 54,  secondo il franco capo della CISL Bonanni) del tutto incapaci di risvegliare qualsivoglia domanda.   L’altro evento emblematico era la “jacquerie” degli addetti ai bagagli – futuri esodandi – che hanno bloccato l’aereoporto di Fiumicino.  L’ansia di mollare la patata marcia Alitalia agli “emiri” (in realtà management internazionale e soldi arabi) ha fatto perdere di vista i rischi sociali dell’ultima “pensata” governativa.  Ci penseranno gli “schiavi” pachistani (secondo l’uso degli Emirati) a muovere il bagaglio passeggeri… se mai questi ci saranno.

Nel frattempo domani si chiuderà (del tutto provvisoriamente…) la campagna riforme (= Senato delle corporazioni): non servirà a niente, non sarà eletto, ma ospiterà (apparentemente senza costi, ma “free of charge” per i suoi “ospiti”) un centinaio di eletti locali: coperti di immunità, dunque “retribuiti” con la licenza di fare quello che hanno sempre fatto e che ne aveva portati alcuni in galera.  Dal Fiorito delle feste porcine al “Doge” Galan.

Davvero un bilancio entusiasmante per “Matteosubito”  e la sua risposta (come ogni vero “rivoluzionario”) è una campagna epurazioni.  Sulla sua (ex) “ombra” ormai sparita, l’endocrinologo (!?) e  Sottosegretario alla Presidenza Delrio non abbiamo commenti da fare (li farà  – se mai – a suo piacimento un cittadino svizzero e nostro connazionale di riguardo, Carlo De Benedetti che sembra assai ricercato di questi tempi almeno per “consigli”), ma ci interessa di più il ludibrio a cui Renzi ha esposto il Commissario alla “Spending Review” Cottarelli.  Di fatto etichettato – proprio quando ci spiegava il minimo oggettivamente da fare nell’economia e soprattutto per finalmente razionalizzare una spesa nazionale tanto faraonica quanto inefficiente.   Secondo i media “istituzionali”, il Premier lo potrebbe sostituire con un personaggio ritenuto a lui molto prossimo, tal Yomar Gutgeld già senior partner della McKinsey (vedasi) e cittadino israeliano, che nel giro di un paio d’anni veniva “naturalizzato” cittadino italiano e poi – a tambur battente – eletto deputato del PD.

Lasciando da parte la cronica “fame” dei cosiddetti democratici (e post, molto post, comunisti) di inzeppare le proprie liste oltre che di esponenti del “gentil sesso” (lasciando all’estrema sinistra parlamentare gay e transgender) soprattutto di imprenditori riottosi, finanzieri internazionali ed in genere esponenti dell’establishment più conservatore (passati di moda gli eroi televisivi e dello spettacolo e giornalisti…), non può non suscitare ammirata sorpresa la velocità con cui il Gutgeld avrebbe (stando a tutte le fonti pubbliche…) conseguito non solo la cittadinanza, ma anche il laticlavio parlamentare: in un paio d’anni cittadino e deputato.

Suggeriremmo ai 958 disgraziati extra-europei appena sbarcati nel porto di Pozzallo di seguire – per il loro inserimento in Italia – il “metodo Gutgeld” invece del calvario dei Centri di identificazione.    Sempre ammettendo che il PD di Renzi li accetti nelle sue “democratiche” schiere.

Ma il panorama nazionale è molto più chiaro grazie al vero fatto del giorno.   L’Università di Roma, la Sapienza ha tenuto un seminario di Psicopatologia con ospite d’onore il cosiddetto Comandante Schettino che ha concionato i dottorandi su “leadership” e gestione in casi di stress, panico… e con dipendenti di diversa nazionalità (e diversa sensibilità agli choc).   L’illustre Ordinario Mastronardi è stato deferito ad un non meglio precisato Comitato Etico dal Chiarissimo Rettore (a vita e coadiuvato dall’intera famiglia, tutta cattedratica) tal Frati…   Che dire?   Stiamo tranquilli (come dice “Matteosubito): ai tempi dei Borgia (peraltro di origine spagnola…) era peggio, molto peggio.

Infine un piccolo consiglio di lettura per le vacanze, ma anche per la città: non rallegrerà ma darà un po’ di idee utili per – come si dice – contestualizzare.  “Il cimitero di Praga” di Umberto Eco: la storia stanca, la prosa pesa un po’, ma più che un “cimitero” è un archivio di cose a cui solitamente non pensiamo, non vogliamo pensare.  Pensiamoci prima che sia troppo tardi.    Anche se Renzi dice che le sue “riforme” sono senza ritorno…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto