Flash

04/08/2014

Flash

img1024-700_dettaglio2_Renzi-a-Il-Cairo

Mentre si apre l’ultima settimana “lavorativa” di un’estate che peggiore non potrebbe essere (clima, fine della politica camuffata da “sol dell’avvenire” e “festa della gioventù”, guerre, focolai esplosivi ad un passo da noi, nonché fiumane di disperati tra abissi marini e spiagge), non vogliamo parlare anche noi della “bomba d’acqua” della Marca Trevigiana se non per dire che tutte le azioni (o le inazioni) recano con sé inevitabili conseguenze: se non oggi domani o dopodomani.  Non pensarci per tempo – e in Italia – non lo si fa mai – ha l’unico risultato di aggravarle.  E’ così in “natura” e – si parva licet… – nella gestione sociale di un Paese: è esattamente quanto accade in questi mesi allorchè lo Stato (la “casa comune” se ne cade a pezzi mangiata dal debito e dalle scelte non fatte e/o sbagliate ed i singoli o almeno un pugno di essi si godono un quarto di secolo di regali governativi.   Anzi c’è chi magnifica questo risultato (Italia povera, Italiani ricchi) come una prova del “stiamo bene”, siamo li meglio e… tutto il mondo ci invidia.  Tanto è vero che i ¾ del patrimonio “artistico” mondiale è nostro.

Vero è che il Signore acceca gli stolti.   E, a questo proposito, sarà bene ricordare come questa noiosa settimana registrerà tuttavia almeno due significativi eventi “domestici”: la fine (provvisoria, fino a settembre…) del “discuscussionismo”, ovvero della democrazia parlamentare (secondo il neologismo di “Matteosubito”) ed un nuovo incontro del Nazareno tra i due “Padri della Patria”, Renzi e Berlusconi.    Certo quando Arlecchino e Pulcinella si incontrano c’è da tremare: basti pensare a quanto ha già prodotto il loro primo (si fa per dire…) incontro.    Siamo qui che neppure ci siamo leccati le ferite ed aspettiamo il peggior autunno nella storia della Repubblica… Altro che “gufismo” (simpatico termine inventato dal facondo giovanotto della provincia fiorentina): possibile mai che in piena stagnazione e a testa bassa in attesa della gragnuola di tasse e tagli settembrini gli Italiani non abbiano il cuore gonfio di orgoglio come le Boschi, le Madia, le Picierno, le Bonafè (quella che manco sapeva la data delle elezioni che l’avrebbero plebiscitata…).   E’ vero Renzi può tutto salvo essere creduto dai membri della costituenda “Società degli Apoti”, quelli che “non la bevono”.

Facciano – Arlecchino e Pulcinella – tutto quello che vogliono ma, poiché – come dice il saggio Napolitano – in Italia c’è “libertà di parola”, a fortiori rimane la libertà di pensiero.   Intanto al coro laudatorio (del nulla…) si aggiungono le prime dotte analisi sul continuismo tra la deregulation berlusconiana ed il renzismo (accuratamente e compiacentemente descritto come “scienza del sé”).  La conclusione che ne viene ricavata è che Renzi dovrebbe o avviare una “ri-regulation” (impossibile… contraddizione in sé) ovvero fare di meglio quanto a de-regulation.   Si rassicurino gli analisti: è questa seconda ipotesi di lavoro quella a cui lavora il Nostro.  Naturalmente H24… Per mille giorni a partire dal passaggio delle “riforme”.  Ovvero per cinque anni.  Ovvero oltre il record di Berlusconi.     Naturalmente giudichino gli Italiani (in silenzio) quanto queste deleghe in bianco gli abbiano già giovato e quanto gli gioveranno nel prossimo futuro.

Fuori dal “sacro” suolo della Patria non va molto meglio (salvo forse l’assenza di “presa per i fondelli”): A Gaza il Gabinetto Netanyahu intensifica la distruzione delle scuole delle Nazioni Unite ed appaiono perfino commenti sulla stampa israeliana sui “genocidi leciti”, ovvero quelli ai danni dei Palestinesi.  E – come noto – meglio ammazzarli da piccoli.  Fa da contrappunto alla “geniale” e “mirata” azione militare israeliana l’espansione delle aree in Iraq controllate da Isis.   Se non lo si fosse capito, il Califfato è un’“ipotesi di lavoro” tendenzialmente globale per l’intero mondo musulmano e che –ovviamente – mette a repentaglio quel che resta (e non è molto…) del globalismo “onusiano” e, in generale del multilateralismo cooperativo ed universalistico.

Anche qui niente paura per gli analisti con gli occhi dietro la testa, i quali in questo caos (stolidamente costruito pezzetto a pezzetto in liquidazione delle opportunità post ’89) vedono solo le dinamiche di possibile (e temibile…) intesa che ri-raccordi Cina e Russia e si arricchisca di un nuovo partner (la Germania, ormai frustrata dall’arroganza statunitense) e – magari raccatti qua e là qualche Stato-nazione in foia di resurgenza.   Ovviamente roba da manuale ottocentesco (o da Scuole di guerra di Paesi arretrati…).   Il che non toglie che lo “sfarinamento” in corso delle relazioni internazionali potrebbe anche tradursi in mostruosi “salti all’indietro”.  Israele docet.

Ma – anche qui – niente paura: il nostro Premier (reminiscenze scolastiche di Mussolini a Monaco? ) è volato domenica al Cairo.   Per fare cosa, per dire cosa?   Una gita con famiglia alle Piramidi dopo il “successo” delle foto con il relitto della Concordia a Genova, una mediazione “impossibile”?). Certo ha incontrato il locale dittatore.  Chi lo sa?  Speriamo almeno che lo sappia la Mogherini, nostro indefettibile candidato a Ministro degli Esteri dell’Europa.   Unita?…

Veramente auguri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto