Flash

18/07/2014

Flash

140614112435-01-ukraine-0614-horizontal-gallery

Era il 18 marzo quando il volo Malaysian 370 spariva per sempre in una gigantesca area tra l’Asia sud-orientale e l’Australia.  Come, dove e perché rimane indeterminato.  Nella mattinata di ieri un altro Boeing 777(volo 17 da Amsterdam a Kuala Lumpur) della stessa Compagnia con quasi trecento persone a bordo tra passeggeri ed equipaggio cadeva nell’area di conflitto tra truppe ucraine e separatisti filo-russi, in Ucraina orientale non lontano dalla città di Donetz.  Non ci sono superstiti.   Con ogni evidenza l’aereo era stato colpito da un missile terra-aria. Lanciato da chi non è ancora dato di sapere, così come rimane aperta la possibilità che l’aereo non sia stato identificato come un normale volo commerciale, dunque civile.

Questo tipo di eventi non è nuovo: già nel 1983 un Jumbo sud-coreano veniva abbattuto dai Mig russi con la “giustificazione” che il velivolo non aveva adempiuto alle richieste di identificazione  e correzione di rotta segnalate dalla difesa aerea sovietica.  Il caso provocava le più ferme reazioni e rimaneva ingiustificato ed ingiustificabile….  Anche nel più ristretto cielo del Mediterraneo era da tempo (27 giugno 1980) avvenuta la “misteriosa” tragedia di Ustica in cui un volo civile locale italiano finiva nel mezzo di un’operazione militare e precipitava di fronte alle coste siciliane: di più in quel caso il “depistaggio” ed il segreto politico militare finivano per oscurare la natura dei fatti.  Ovvero allargarli invece di circoscriverli.

Difficile prevedere in questa fase se qualche squarcio di luce investirà l’attuale tragedia ucraina in un contesto che nelle ultime settimane era sembrato diluirsi ed incistarsi in una sostanziale paralisi: Mosca non recede, Washington (e la riluttante Europa…) intensifica le sanzioni, sul terreno si replica uno scenario sanguinoso simile a quello registrato a suo tempo nella ex Jugoslavia. Senza che i “cessate il fuoco” sul campo funzionino davvero.

Di fatto, ancora una volta viene confermata l’irreversibile contiguità tra la vita “civile” ed i conflitti armati.  Una volta lasciato partire un conflitto le “prime linee” sono dappertutto e le vittime civili diventano la norma.  Si muore più facilmente tenendo tra le mani un orsacchiotto di peluche o una guida di Bali piuttosto che un testo integralista o un manuale bellico.  Ed è ben scarsa consolazione sapere che Putin ed Obama erano già al telefono quando si apprendeva la notizia della tragedia.   Lo spettacolo è planetario, l’impotenza pure.  Anche se la responsabilità (irresponsabilità?) di fornire sistemi d’arma sofisticati e distruttivi ad Armate Brancaleone ricade su i Governi che le compiono per guadagnare margini negoziali… Interrogativo: la “Stupidity” è di chi accusa Mosca o di Mosca medesima”.    Vedremo.  Forse.

Ed è esattamente quanto ha ripreso ad accadere nell’enclave di Gaza (rinchiusa, come si è detto, tra “muro” e mare) dove la tragedia avviene in diretta: tanto visibile quanto inconcludente.   Nel frattempo Israele ha ripreso le operazioni di terra: fino a quando?  Con quali obiettivi?

Fortunatamente l’Italia continua un cabotaggio da sinistra bonaccia ben simbolizzato dall’incautamente “strombazzato” recupero e trasferimento (per futura rottamazione…) della “Concordia”: una vera e propria “lezione” mediatica su come trasformare una débacle in un mezzo trionfo…

Un ribaltamento analogo è stato operato con la fallita offensiva europea che – se mai – ha confermato quanto da tempo si dice e cioè la radicata tendenza italiana a trasferire i propri conflitti e contese di potere al contesto internazionale. Magari spacciando il tutto come puntigliosa difesa della dignità nazionale.   Già perché – come noto a tutti – l’ottima Mogherini è italiana, mentre Enrico Letta è turco…  Non sarà invece che le scelte internazionali del nostro Paese hanno l’occhio soltanto alle beghe domestiche?  E non sarà che – sull’ “esempio” degli amici (e maestri…) israeliani ci stiamo diligentemente costruendo il nostro piccolo, provinciale Netanyahu…

Infine, una nota leggera viene da Cesano Boscone ove il “Nostro” aspetta fiduciosamente ed operosamente un nuova tappa (sentenza d’appello caso Ruby) del suo “calvario”.  Auguri.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto