Flash

30/01/2013

Flash

“John Kennedy e… Obama” così rispondeva poche ore fa il leader del movimento “Rivoluzione civica” (boh…) – il magistrato Ingroia – ad una maliziosa domanda del conduttore/patron di una ormai decrepita trasmissione che da anni presenta in una sorta di Museo delle Cere (vecchie e nuove) personaggi dai quali dovrebbero essere sostenuti i costi della trasmissione medesima e non dai telespettatori…    La domanda era doppia: quale è il modello nazionale e quale quello “internazionale” che ha ispirato la sua discesa (o “salita” come dice il modesto Prof Monti) in politica.      E qui era difficile fare di meglio: partenza da Borsellino come maestro e collega professionale (di Falcone meglio non riparlare date le reazioni di familiari e colleghi per l’incauto auto-accostamento) poi – con un tocco di fantasia – un reverente omaggio ad Enrico Berlinguer (ricordato come pioniere di quella “questione morale” che in trent’anni non solo non si è minimamente  risolta ma si è aggravata tra i “bancari 5%” del MPS ed i musi di porco del Lazio) ed infine l’auto-incensamento di Ingroia ha raggiunto le vette canoniche fissate alcuni decenni or sono dal “Kennediano” Veltroni.

Ribadito questo paradigma provincialistico, fissati i “pesci-pilota” che dovrebbero guidarne se non l’assunzione nel Pantheon nazionale almeno un successo elettorale tale da riportare in Parlamento più che la “rivoluzione civica” almeno Diliberto e Ferrero (noti archetipi rivoluzionari delle passate legislature) non restava ad Ingroia che offrire qualche spunto sul suo di programma.     E qui – del tutto a sorpresa – è spuntato “qualcosa” che era “sfuggito” ai partiti e coalizioni maggiori, ovvero il fatto che anche l’Italia in preda a febbre dell’IMU è supposta di avere una politica estera.  Il legalismo di Ingroia gli ha immediatamente fatto ricordare che la Costituzione fissa vari principi in materia: ripudio della guerra, cooperazione internazionale, ecc. ecc,.   Di qui il passo è breve ed Ingroia l’ha fatto: perché – soprattutto di questi tempi austeri – buttare decine di miliardi per una inutile flotta di cacciabombardieri farlocchi?    Non è forse meglio – e meno costoso – riprendere la languente iniziativa internazionale dell’Italia ?(e aggiungiamo noi, cominciare a riflettere sul che fare internazionale come premessa di una visione su cui infine impostare una ripresa internazionale congrua rispetto a globalizzazione ed integrazione) .

Infine un dubbio (ironia, ironia): la ripulsa spontanea di Ingroia per i caccia della Lockeed  non sarà forse una “citazione” di quel “caso Lockeed” che colpì il colle del Quirinale costringendo alle dimissioni il Presidente “Leone”, appunto il cacciatore delle antilopi di certi documenti dell’epoca?

Insomma una virtù che va riconosciuta alla nostra “new entry” è quella della perseveranza, anche se della stessa natura dell’Ispettore Javert di Victor Hugo.  E certamente più utile delle amnesie dell’intera “classe” politica.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto