Flash

30/01/2013

Flash

“John Kennedy e… Obama” così rispondeva poche ore fa il leader del movimento “Rivoluzione civica” (boh…) – il magistrato Ingroia – ad una maliziosa domanda del conduttore/patron di una ormai decrepita trasmissione che da anni presenta in una sorta di Museo delle Cere (vecchie e nuove) personaggi dai quali dovrebbero essere sostenuti i costi della trasmissione medesima e non dai telespettatori…    La domanda era doppia: quale è il modello nazionale e quale quello “internazionale” che ha ispirato la sua discesa (o “salita” come dice il modesto Prof Monti) in politica.      E qui era difficile fare di meglio: partenza da Borsellino come maestro e collega professionale (di Falcone meglio non riparlare date le reazioni di familiari e colleghi per l’incauto auto-accostamento) poi – con un tocco di fantasia – un reverente omaggio ad Enrico Berlinguer (ricordato come pioniere di quella “questione morale” che in trent’anni non solo non si è minimamente  risolta ma si è aggravata tra i “bancari 5%” del MPS ed i musi di porco del Lazio) ed infine l’auto-incensamento di Ingroia ha raggiunto le vette canoniche fissate alcuni decenni or sono dal “Kennediano” Veltroni.

Ribadito questo paradigma provincialistico, fissati i “pesci-pilota” che dovrebbero guidarne se non l’assunzione nel Pantheon nazionale almeno un successo elettorale tale da riportare in Parlamento più che la “rivoluzione civica” almeno Diliberto e Ferrero (noti archetipi rivoluzionari delle passate legislature) non restava ad Ingroia che offrire qualche spunto sul suo di programma.     E qui – del tutto a sorpresa – è spuntato “qualcosa” che era “sfuggito” ai partiti e coalizioni maggiori, ovvero il fatto che anche l’Italia in preda a febbre dell’IMU è supposta di avere una politica estera.  Il legalismo di Ingroia gli ha immediatamente fatto ricordare che la Costituzione fissa vari principi in materia: ripudio della guerra, cooperazione internazionale, ecc. ecc,.   Di qui il passo è breve ed Ingroia l’ha fatto: perché – soprattutto di questi tempi austeri – buttare decine di miliardi per una inutile flotta di cacciabombardieri farlocchi?    Non è forse meglio – e meno costoso – riprendere la languente iniziativa internazionale dell’Italia ?(e aggiungiamo noi, cominciare a riflettere sul che fare internazionale come premessa di una visione su cui infine impostare una ripresa internazionale congrua rispetto a globalizzazione ed integrazione) .

Infine un dubbio (ironia, ironia): la ripulsa spontanea di Ingroia per i caccia della Lockeed  non sarà forse una “citazione” di quel “caso Lockeed” che colpì il colle del Quirinale costringendo alle dimissioni il Presidente “Leone”, appunto il cacciatore delle antilopi di certi documenti dell’epoca?

Insomma una virtù che va riconosciuta alla nostra “new entry” è quella della perseveranza, anche se della stessa natura dell’Ispettore Javert di Victor Hugo.  E certamente più utile delle amnesie dell’intera “classe” politica.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto