Flash

30/01/2013

Flash

“John Kennedy e… Obama” così rispondeva poche ore fa il leader del movimento “Rivoluzione civica” (boh…) – il magistrato Ingroia – ad una maliziosa domanda del conduttore/patron di una ormai decrepita trasmissione che da anni presenta in una sorta di Museo delle Cere (vecchie e nuove) personaggi dai quali dovrebbero essere sostenuti i costi della trasmissione medesima e non dai telespettatori…    La domanda era doppia: quale è il modello nazionale e quale quello “internazionale” che ha ispirato la sua discesa (o “salita” come dice il modesto Prof Monti) in politica.      E qui era difficile fare di meglio: partenza da Borsellino come maestro e collega professionale (di Falcone meglio non riparlare date le reazioni di familiari e colleghi per l’incauto auto-accostamento) poi – con un tocco di fantasia – un reverente omaggio ad Enrico Berlinguer (ricordato come pioniere di quella “questione morale” che in trent’anni non solo non si è minimamente  risolta ma si è aggravata tra i “bancari 5%” del MPS ed i musi di porco del Lazio) ed infine l’auto-incensamento di Ingroia ha raggiunto le vette canoniche fissate alcuni decenni or sono dal “Kennediano” Veltroni.

Ribadito questo paradigma provincialistico, fissati i “pesci-pilota” che dovrebbero guidarne se non l’assunzione nel Pantheon nazionale almeno un successo elettorale tale da riportare in Parlamento più che la “rivoluzione civica” almeno Diliberto e Ferrero (noti archetipi rivoluzionari delle passate legislature) non restava ad Ingroia che offrire qualche spunto sul suo di programma.     E qui – del tutto a sorpresa – è spuntato “qualcosa” che era “sfuggito” ai partiti e coalizioni maggiori, ovvero il fatto che anche l’Italia in preda a febbre dell’IMU è supposta di avere una politica estera.  Il legalismo di Ingroia gli ha immediatamente fatto ricordare che la Costituzione fissa vari principi in materia: ripudio della guerra, cooperazione internazionale, ecc. ecc,.   Di qui il passo è breve ed Ingroia l’ha fatto: perché – soprattutto di questi tempi austeri – buttare decine di miliardi per una inutile flotta di cacciabombardieri farlocchi?    Non è forse meglio – e meno costoso – riprendere la languente iniziativa internazionale dell’Italia ?(e aggiungiamo noi, cominciare a riflettere sul che fare internazionale come premessa di una visione su cui infine impostare una ripresa internazionale congrua rispetto a globalizzazione ed integrazione) .

Infine un dubbio (ironia, ironia): la ripulsa spontanea di Ingroia per i caccia della Lockeed  non sarà forse una “citazione” di quel “caso Lockeed” che colpì il colle del Quirinale costringendo alle dimissioni il Presidente “Leone”, appunto il cacciatore delle antilopi di certi documenti dell’epoca?

Insomma una virtù che va riconosciuta alla nostra “new entry” è quella della perseveranza, anche se della stessa natura dell’Ispettore Javert di Victor Hugo.  E certamente più utile delle amnesie dell’intera “classe” politica.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto