Flash

16/07/2014

Flash

cappuccetto_rosso_prova_colore

“Fantastico”, afferma il giovane Renzi: dopo l’Alitalia anche l’Indesit della famiglia Merloni (che era stato un pezzo importante del miracolo industriale italiano: chi scrive ricorda che ancora negli anni ’80 il Giappone economicamente trionfante a Tokio studiava e “copiava” gli elettrodomestici “bianchi” italiani e quelli della Nomisma prodiana ci scrivevano i libri sopra).   Ora quello che – secondo Renzi è fantastico è la svendita del Paese: si vende tutto il vendibile dall’Inter all’Alitalia (che non varrebbe un soldo bucato se non fosse collocata al centro della “portaerei naturale” italiana, cioè in mezzo ad un enorme traffico aereo di cui l’Alitalia non si è mai “accorta” Ma anche sarebbe una “vittoria” l’acquisto dell’Indesit da parte della statunitense Whirlpool…

Peccato che nessuno si compri gente come l’ex Ministro e grande banchiere Passera (tanto per dirne uno…) nato come funzionario della Società internazionale di consulenza USA McKinsey e passato per tutti gli onori della nomenklatura… E con lui tutti gli altri.  Ma se Renzi trova fantastico che – almeno – le fabbriche ex Merloni non chiudano  – per ora – e poco male se non fanno più parte dello stock manifatturiero nazionale – noi troviamo indecente che il Parlamento manco ci pensi a discutere il futuro (se ci sarà…) economico di un Paese in liquidazione (i cartelli dovrebbero essere quelli: “saldo, vendita finale,  “tout doit disparaitre” (“tutto deve sparire”).  Proprio come a Parigi sui Grandes Boulevards…

Nel frattempo i grossi calibri (l’ultimo il leghista Maroni…) anche se indagati restano avvitati alle lucrose poltrone e soltanto qualche malcapitato “straccetto” viene fatto volare (es.: il responsabile campano dell’Agenzia delle Entrate…).   Gli Italiani – cioè tutti noi – vivono intanto all’insegna della famosa gag di Totò che – schiaffeggiato e chiamato Giuseppe – continuava a sorridere imperterrito… poiché il suo nome non era “Giuseppe”…. A chi gli chiedeva perché non reagisse, rispondeva serafico: “mica mi chiamo Giuseppe”…

E ancora vale il detto “la situazione è grave, ma non seria” mentre aspettiamo “ad horas” la svolta nelle nomine europee: in particolare il “caso Mogherini”.  Anche qui un caso tutto fabbricato da noi e che rischia di ritorcersi contro.   La storia: incuranti del fatto che l’Italia è da anni (decenni?) fragilissima e poco consistente proprio in politica internazionale (del resto né più né meno che l’Unione Europea) si tenta l’azzardo di una candidatura debole politicamente (ritenuta da molti Paesi europei schiacciata simultaneamente sia su Washington che – peggio ancora – sulla Mosca del revanscista Putin e debole “personalmente” in ragione della oggettiva “inesperienza della Mogherini medesima.   Al delinearsi del fronte ostile Renzi non risponde accettando l’idea dell’ex Premier Letta in sostituzione dell’uscente Van Rompuy quale Presidente del Consiglio UE, bensì “sparando” la candidatura a Ministro degli Esteri UE di D’Alema (di cui evidentemente “si fida” di più e che piace di più al suo partner di Governo (e del “Nazareno”) Silvio Berlusconi.   Fantastico: quasi un replay della favola di Cappuccetto rosso (Mogherini…) che si trasforma d’incanto da giovane “nonnina” nel “lupo cattivo”… nascosto sotto le coltri.  Signori miei…. Sotto la cupola del Brunelleschi siamo furbi da mezzo millennio…. Vedremo….

Seria è viceversa la situazione a Gaza dove il “cessate il fuoco” non è neppure partito e le vittime (per almeno ¾ civili e bambini) continuano a crescere sotto i colpi “intelligenti” dell’aviazione israeliana.  I lanci più o meno a casaccio dei missili di Hamas appaiono al massimo una specie di “venderemo cara la pelle” o piuttosto un alibi per la continuazione dell’offensiva da parte di Israele. Una impasse in cui nessuno sembra disposto a fare un passo indietro.   E intanto la giornata si è aperta a Gaza non con le campanelle di scuola, ma con il rombo dei jet e lo scoppio delle prime bombe quotidiane.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto