Flash

14/07/2014

Flash

costa-concordia

Anche questa settimana pre (o post…) festiva (considerato il clima non propriamente estivo…) si apre sotto il segno dell’incertezza e della confusione.  E –purtroppo – con l’angoscia per i fatti di Gaza , per le vittime (stimate in poco meno che duecento morti ed un migliaio di feriti: praticamente tutti civili).    Si snocciola la litania della diplomazia internazionale: tutti parlano e ben poco si conclude.

Colloqui dei “Grandi” a Vienna, “caveat” delle Nazioni Unite, appelli del Papa e – ciliegina sulla stucchevole torta – l’annunciata missione del Ministro degli Esteri Mogherini in Palestina (dove?, per parlare con chi, userà le pesanti connection israeliane del suo Capo?).  Insomma ben poco di cui rallegrarsi salvo la sinistra conferma che la storia non è affatto progressiva e – viceversa – si avvita in spirali sempre uguali mentre i cosiddetti “uomini e donne di buona volontà” appaiono sempre più frustrati e disattenti.  E come potrebbe essere diversamente quando la stessa Gaza comincia a rievocare – udite, udite – il ghetto di Varsavia: magari postmoderno e – certamente (con buona pace della retorica di Abu Mazen…) non mirato al genocidio o allo sterminio.       Il che non ne diminuisce l’orrore e l’ “inutilità”.

In Italia si continua imperterriti con una inverosimile follia.  E’ iniziata in queste ore una farsa che – chissà perché – viene tratteggiata come un ennesimo trionfo nazionale: la rimozione dall’isola del Giglio del mastodonte portato al naufragio da una delle più significative “maschere” italiane, il cosiddetto Comandante Schettino: l’uomo che “aveva freddo e paura del buio”…  Infatti un’operazione dovuta che avrebbe dovuto ragionevolmente essere svolta con la minor pubblicità possibile  suscita fremiti nei media: le affondiamo, le “salviamo”, siamo forti…

Il panorama politico presenta forti assonanze: manca solo la nomina (magari al posto dell’impotente Cottarelli la cui “Spending Review” è già iscritta nel libro dei sogni nazionale) di un “Salvation Master” come quello preposto alle operazioni “Concordia”.  Oggetto della “salvation” sarebbe naturalmente l’Italia Renziana, Paese dei balocchi (loro…) che manco Pinocchio…

Siamo infatti alle ultime battute non già di un progetto di rilancio dell’economia e del Paese, bensì di un atto di illusionismo politico senza precedenti: una specie di salto mortale carpiato che prevede la trasformazione dell’architettura istituzionale in una sorta di consiglio circoscrizionale nazionale con le nomenklature locali investite di una buona quota delle decisioni politiche.  Al tempo stesso Renzi non andrà in vacanza prima di essersi assicurato che le elezioni (quando e se ci saranno) dovranno essere immunizzate da qualunque influenza da parte dei cittadini.  I quali voteranno con il pollice come già al Colosseo.   Alla faccia del pluralismo che era la nostra unica ricchezza.

Naturalmente nulla di nuovo sul fronte della ripresa: i “poveri assoluti” (quelli che hanno difficoltà anche a nutrirsi) sono passati dai 2,4 milioni del 2007 ai 4,8 milioni del 2012 e (come nota la sociologa Chiara Saraceno) i dati più recenti non potranno che aggravare questo spaventoso panorama.    Nulla potrà però turbare l’operosa letizia della Ministra “salva-trovatelli” (a spese nostre) Boschi e della sua sodale la “rediviva” Anna Finocchiaro: con l’aiuto del “grande saggio” Calderoli (quello del maiale sulla maglietta anti-musulmani) in una decina di giorni – prima delle meritate vacanze (ma queste che erano?) – completeranno la loro “rivoluzione del buon senso”.  Di chi?

Sul tutto grava l’ombra minacciosa di una nuova sentenza su Berlusconi e la notte brava della Questura di Milano di Ruby, Nicole e comprimari vari.  Già si invoca una qualche “grazia” per lo “statista”.   E, al tempo stesso, qualcuno si domanda cosa cavolo abbiano stabilito Arlecchino e Pulcinella nello “storico” incontro del Nazareno.

Unica “buona” notizia (a meno di non ritenere tale la vittoria a Rio dei seri e bravi Tedeschi) è l’imminente sparizione dell’Alitalia fagocitata più che dagli Emiri (anche loro ci vogliono bene…) dai loro soldi e da un management internazionale meno inetto dell’ultimo cinquantennio siglato AZ.   Sic transit gloria mundi.   Quanto agli esuberi – lo voglia o no l’astuta CGIL – sono “c… loro”, come gli esodati ed altri Italiani che adorano “Matteosubito”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto