Flash

23/06/2014

Flash

noodledoodle1280_1024-1

Un sondaggio di questi giorni certifica quello che le cronache politiche avevano già’ lasciato ampiamente intendere: il successo del giovane Renzi sta ormai trasformandosi in bonapartismo. Dal 56% di consenso registrato a febbraio per l’attuale Governo si e’ ormai passati al 69%. Interi Partiti si “sfarinano” (la SEL di Niki Vendola per dirne uno…) e confluiscono nel nuovo “grande” monopartito. Morto definitivamente il perverso sogno del bipolarismo da pollaio perseguito per un trentennio, trionfa il mito italico del Partito unico: tutti dentro, tutti attorno al Capo (compresi il “giovane turco” Matteo Orfini neo-presidente PD e il già’ “keynesiano” Fassina). In breve il sogno berlusconiano realizzato da “Matteo subito”. D’Alema in panchina ad aspettare – come sempre – il meritato riconoscimento. Possibilmente su scala internazionale. Ovvero la minima da lei ritenuta adeguata.

Rimane difficile capire cosa gli Italiani abbiano ricevuto in cambio della loro adesione che – anche se non plebiscitaria come si vuol far credere e come ha favorito l’astensione record delle elezioni Europee – rimane certamente sotto gli occhi di tutti. Ed eccoci allora – ancora una volta – a saltare sul carro del vincitore: tutti dentro. Era già’ successo nel 1994 con il fenomeno da baraccone di Forza Italia. Il trentennio che ne e’ seguito e che ha segnato la drammatica retrocessione dell’Italia non ha insegnato proprio nulla. Perfino il Rodomonte Grillo si accinge alla “Canossa” di mercoledì’: forse per fare tardiva ed inutile ammenda della vuota ed inutile spacconata dell’incontro-farsa avuto (anzi non avuto…) prima delle Europee.

Si sta intanto chiudendo in questi giorni il varo della più’ incredibile delle controriforme: l’obsoleto Senato della Repubblica viene rimpiazzato dal Consiglio dei Cento “intoccabili”. Tutti presi da quei campioni di trasparenza e democrazia (ironia…) che sono le Regioni ed i Comuni . Un testo che più’ corporativo non si può’, uscito dalla cucina di due dame centrali nell’affermazione del neo-bonapartismo della Val d’Arno: la “fatina” Maria Elena (“retour d’Afrique” con 31 nuovi piccoli Italiani) e l’esperta cuciniera parlamentare Finocchiaro (retour shopping IKEA con scorta facchini). Un pizzico (i 5 senatori di nomina presidenziale) di zucchero a velo e via con il piattino estivo. Ed il consenso cresce… anche se gli 80 euro “salvifici” sono finiti da un pezzo.

In attesa di veder realizzate tonnellate di feste con musi di maiale, acquisti all’ingrosso di mutande “identificative” e compagnia cantante, viene spontaneo avvicinare questo “Rinascimento” italiano al movimento che investi’ un decennio or sono i circoli universitari degli Stati Uniti: il movimento “pasta-fariano” degli adoratori del “Grande spaghetto” volante. Si trattava allora di ridicolizzare – e contrastare – l’oscurantismo culturale dell’ultimo Bush. Quello che tentava di cancellare dall’istruzione Darwin e l’evoluzione. Il “grande spaghetto” era l’ironica risposta. Da noi lo “spaghetto” e’ già’ in tavola e sembra ci sia una voglia universale di iniziare il banchetto. Ma attenti alle “istruzioni per l’uso”: non ce ne e’ per tutti. Anzi – come dimostrano tutti i dati economici e sociali (pnl, occupazione, ecc.) non ce ne e’ quasi per nessuno. Non importa: basta che non se ne accorgano e, comunque, che quelli che se accorgono (sulla loro pelle…) non riescano a farsi sentire. Alla “festa berlusconiana” succede la “pax renziana”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto