Flash

09/06/2014

Flash

Abu-Mazen-Papa-Bergoglio-Shimon-Perez-Bartolomeo-I-nei-Giardini-Vaticani-

Ancora una volta una boccata di aria fresca ha illuminato un torrido week end estivo.   E ancora una volta questa viene da un’iniziativa promessa a Gerusalemme da Papa Bergoglio e puntualmente realizzata come previsto in Vaticano.    A pregare per la pace c’erano Israeliani (Peres) e Palestinesi (Abu Mazen).  A sottolineare il carattere non direttamente politico dell’invito papale la presenza del Patriarca ortodosso.

Non vi sono state prese di posizione o impegni, ma il senso è diretto e profondo: la Chiesa di Francesco ricuce giorno per giorno il divario tra le parole ed i fatti e così sana – meglio disinfetta – molte piaghe del suo recente passato… ed anche di una tradizione che vedeva le prese di posizione del Vaticano sempre dopo – e non prima – le crisi.    Oggi il Papa parla e “ci prova”: a noi basta.   Non solo ma – così facendo – sottrae alibi pseudomorali ai conflitti, mettendoli a nudo e delegittimandoli agli occhi delle opinioni pubbliche nazionali ed internazionali.

Tanto per cambiare solo cattive notizie sul fronte interno: a meno di non considerare buone notizie le “rodomontate” del giovane Premier – “Matteosubito” – che “sbatterebbe” (al condizionale…) in galera i ladri di Milano e Venezia.   Naturalmente si fa per dire…  Al tempo stesso rifiuta – come ovvio – qualunque analisi sull’intreccio malavitoso che presiede ad episodi non isolati ma legati in un sistema che è il “selfie” di una Repubblica stracciona e spudorata.  Episodi generalizzati e legati a filo doppio.  MOSE, Expò (a quando la famigerata TAV?): si ruba dappertutto e da parte di tutti (politici, generali, istituzioni di “controllo”)

Per concludere su di un tono leggero questo resoconto non ripeteremo analisi a tutti note, ma citeremo uno dei protagonisti (non indagato).   “Chi mi conosce sa che sono incorruttibile”.   Così – senza ombra di riserbo e/o di pudore – il Commissario “unico” per l’Expò Giuseppe Sala.

Ma insomma se non era coinvolto e non sapeva nulla, che ci stava a fare?  Visto anche lo stato pietoso e ritardatario dei lavori per Milano 2015.

D’altro canto – non bastassero le amenità “milanesi”: ricordiamo che nel “greppione” del MOSE c’è anche l’ex “fiamma gialla” e pezzo di marcantonio Marco Milanese, già “braccio destro” del Ministro per l’economia – per così dire, trattandosi del commercialista dei plutocrati – Giulio Tremonti.   Sarebbe bastato andare a fondo dei precedenti episodi che l’hanno visto coinvolto per risparmiare un bel po’ di soldi dei contribuenti.   Altri soldi si sarebbero risparmiati se il generale “spigola” (quello che usava aerei di Stato per trasportare pesce fresco in montagna: capricci che ricordano l’imperatore Tiberio a Capri) non si fosse salvato dal “caso” e non fosse stato premiato da Berlusconi con un bel seggio parlamentare; inducendo così il Generale Spaziante a fare di meglio….    In verità tutti i corrotti (appena lo volessero) hanno ricevuto una bella carica elettiva grazie alle liste bloccate: una Legge Severino a rovescio…

E mentre Renzi ad Hanoi annuncia l’offensiva del “sistema” Italia e poi fa una “extenction” a Shanghai, irritando i Cinesi che ragionevolmente non amano essere collocati nel “cesto” dell’Oriente “misterioso” (per la nomenklatura italiana), a Roma quel che resta dei “patrioti” (sovvenzionati da noi) dell’Alitalia annuncia che prima dell’arrivo degli “emiri” bisognerà sbattere fuori più di 2mila lavoratori (e se poi non lavoravano bene o abbastanza la responsabilità era dei patrioti medesimi).   E dei Governi da Berlusconi ad oggi.     Ma tant’è la questione della Compagnia di “bandiera” è un’epitome non già del “Sistema Italia”, quanto del “caso Italia”.  E, dunque, via libera alla scimitarra degli emiri.  E non si chieda ai contribuenti di ulteriormente finanziare un vettore di cui molti decenni ci si può solo vergognare.

Ma, quanto alla vergogna, ce ne è da spargere a piene mani: oggi nel mirino (ma tutti lo sapevano…) c’è l’ex Ministro dei Lavori pubblici di Berlusconi: quell’ingegnere Pietro Lunardi, noto anche come il re dei tunnel.  Pare che arrivassero molto bene alle pubbliche finanze.

E non è finita con le cattive notizie: ai ballottaggi delle amministrative parziali la percentuale dei votanti è crollata ancora perfino sotto il 50%.  L’euforia del PD per l’autoaffondamento di Grillo (non tanto dei 5 Stelle che hanno – ad esempio – strappato Livorno al PD) è durata l’ “espace d’un matin”: l’Umbria (che ben conosce comunisti e post-comunisti ed è palesemente stanca di una monocultura politica pluridecennale) ha girato le spalle al PD.

Sempre su di un tono “leggero” – e tenuto conto del persistente malumore del confindustriale Squinzi – pare che soddisfatto di Renzi sia soltanto il suo amico Farinetti.  Oltrefrontiera e tanto più quanto più remoti sono curiosi di verificare direttamente l’ultima “scoperta” italica.  In Oriente poi le credenziali sono ottime: in Vietnam perché ancora si ricordano le visite del Sindaco “santo” di Firenze Giorgio La Pira quando le bombe statunitensi cadevano su Hanoi, in Cina perché Renzi si chiama come il ben più famoso Matteo Ricci (“Li ma tuo”) il Gesuita di Macerata che fece saltare il diaframma Occidente Oriente.

Che più?  Una recente indagine su scala europea ci dice che la media UE della “soddisfazione sul lavoro” è del 53%, quella italiana è meno della metà (25% un solo italiano su quattro).  Meno male che ci sono sempre più disoccupati…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto