Flash

06/06/2014

Flash

2guerr4365

Questa volta non ci sono voluti i fatidici (e immaginari) “20mila morti per sedere al tavolo della pace” che – secondo Mussolini – gli avrebbero guadagnato un ruolo nell’assetto continentale (e mondiale) dopo la vittoria nazista nella seconda Guerra mondiale.  Infatti è bastato un prestigio che – internazionalmente – è tuttora più personale che dell’intero Paese per assicurare a Giorgio Napolitano la presenza alle celebrazioni in Normandia di quel “D Day” dello sbarco alleato che iniziò la disfatta tedesca in Europa fino a quel momento assicurata solo dalla “grande guerra patriottica” di resistenza alle truppe naziste sostenuta dall’Armata Rossa (cfr la battaglia di Stalingrado…).    Il riconoscimento “concesso” per la prima volta all’Italia (il “D Day” si celebra da tempo immemorabile) non è senza significato e – in qualche modo – apre una pagina nuova sul nostro ruolo storico troppo spesso (a differenza della Francia che potè spendere fin dal principio il ruolo del Generale De Gaulle nel contrasto europeo ad Hitler e ai suoi sogni egemonici) confinato tra “utili idioti del nazismo” e ossequienti – e tardivi – adepti della democrazia “occidentale”.

Dunque da oggi non siamo più i soliti “voltagabbana”, bensì un Paese uscito con qualche dignità da uno storico errore  che al principio fu contrastato solo da un pugno di diplomatici (storica l’opposizione dell’Ambasciatore a Berlino Attolico cacciato dal Duce per “inattendibilità”) e dalle voci residue dell’antifascismo…     In realtà il passato è ben noto anche se tuttora mette in luce la persistente fragilità – nel nostro Paese – delle voci non unanimiste in una pratica di consenso sociale che conferma come l’Italia non sia affatto – anche oggi – la terra dell’anticonformismo e dell’individualismo quanto piuttosto un’area socio-culturale assai amorfa e refrattaria anche al più sano dei radicalismi.

Per l’oggi il senso della giornata odierna è piuttosto chiaro e vede naturalmente al centro le relazioni trans-atlantiche e l’aspirazione dell’Amministrazione Obama che – entrata nella fase finale – intende recuperare un asse logorato dal tempo e, soprattutto, da un’evoluzione verso l’Asia Pacifico del baricentro internazionale.    Di più, in tempo di globalismo, si intendono ribadire pilastri storici della vocazione internazionale degli Stati Uniti.

C’è poi un evidente “messaggio” europeo in tempi di evidente crisi e incertezza sul “che fare” europeo ora impantanato nella determinazione di una nuova dirigenza dell’Unione.  E c’è anche – se pure “sottotraccia” – un segnale “pacifista” proprio in presenza del (ahimé comprensibile) “revanscismo” russo.

Insomma una giornata (probabilmente piovosa, ora come allora) che se non è ispirata al solo “salvate il soldato Ryan”, certo allude al valore costante della pace e della ricomposizione non bellica dei conflitti.

Dunque benissimo esserci ed esserci al più alto e simbolico livello.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto