Flash

06/06/2014

Flash

2guerr4365

Questa volta non ci sono voluti i fatidici (e immaginari) “20mila morti per sedere al tavolo della pace” che – secondo Mussolini – gli avrebbero guadagnato un ruolo nell’assetto continentale (e mondiale) dopo la vittoria nazista nella seconda Guerra mondiale.  Infatti è bastato un prestigio che – internazionalmente – è tuttora più personale che dell’intero Paese per assicurare a Giorgio Napolitano la presenza alle celebrazioni in Normandia di quel “D Day” dello sbarco alleato che iniziò la disfatta tedesca in Europa fino a quel momento assicurata solo dalla “grande guerra patriottica” di resistenza alle truppe naziste sostenuta dall’Armata Rossa (cfr la battaglia di Stalingrado…).    Il riconoscimento “concesso” per la prima volta all’Italia (il “D Day” si celebra da tempo immemorabile) non è senza significato e – in qualche modo – apre una pagina nuova sul nostro ruolo storico troppo spesso (a differenza della Francia che potè spendere fin dal principio il ruolo del Generale De Gaulle nel contrasto europeo ad Hitler e ai suoi sogni egemonici) confinato tra “utili idioti del nazismo” e ossequienti – e tardivi – adepti della democrazia “occidentale”.

Dunque da oggi non siamo più i soliti “voltagabbana”, bensì un Paese uscito con qualche dignità da uno storico errore  che al principio fu contrastato solo da un pugno di diplomatici (storica l’opposizione dell’Ambasciatore a Berlino Attolico cacciato dal Duce per “inattendibilità”) e dalle voci residue dell’antifascismo…     In realtà il passato è ben noto anche se tuttora mette in luce la persistente fragilità – nel nostro Paese – delle voci non unanimiste in una pratica di consenso sociale che conferma come l’Italia non sia affatto – anche oggi – la terra dell’anticonformismo e dell’individualismo quanto piuttosto un’area socio-culturale assai amorfa e refrattaria anche al più sano dei radicalismi.

Per l’oggi il senso della giornata odierna è piuttosto chiaro e vede naturalmente al centro le relazioni trans-atlantiche e l’aspirazione dell’Amministrazione Obama che – entrata nella fase finale – intende recuperare un asse logorato dal tempo e, soprattutto, da un’evoluzione verso l’Asia Pacifico del baricentro internazionale.    Di più, in tempo di globalismo, si intendono ribadire pilastri storici della vocazione internazionale degli Stati Uniti.

C’è poi un evidente “messaggio” europeo in tempi di evidente crisi e incertezza sul “che fare” europeo ora impantanato nella determinazione di una nuova dirigenza dell’Unione.  E c’è anche – se pure “sottotraccia” – un segnale “pacifista” proprio in presenza del (ahimé comprensibile) “revanscismo” russo.

Insomma una giornata (probabilmente piovosa, ora come allora) che se non è ispirata al solo “salvate il soldato Ryan”, certo allude al valore costante della pace e della ricomposizione non bellica dei conflitti.

Dunque benissimo esserci ed esserci al più alto e simbolico livello.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto