Flash

05/06/2014

Flash

5465625167_f302196c9e_z

Volevano l’indipendenza dall’Italia, potevano perfino sognare un “regno” del Lombardo Veneto… ma in realtà se l’erano già fatto da decenni e le decine di arresti (spesso simbolici e limitati al confinamento nelle sontuose dimore personali) intorno ai grandi lavori del MOSE (faraonico ed opinabile sistema di paratie che doveva isolare la laguna, “proteggendola”  dalle maree e dall’erosione marina) lo hanno già confermato oltre ogni dubbio.       Il punto è che il Veneto non è un’isola di malaffare bensì l’Italia tutta.

Si fosse realizzato il Ponte sullo Stretto di Messina lo spettacolo avrebbe registrato una grandiosità storica nelle cronache del malaffare collegato alle “grandi” opere pubbliche: peccato che la caduta (ancora parziale…) di Berlusconi abbia interrotto questo sogno di corrompere e divorare l’intero Paese.      Per intanto la “retata” veneziana conferma ad abundantiam come il cancro abbia già – già – intaccato l’intero Paese.  Perché sì, se loro (gli arrestati) andavano in “gondolete” d’oro, a pagare erano gli Italiani qualunque che – ormai – è certificato pagano più tasse di tutti gli Europei.    Alcuni, naturalmente, perché altri pagano poco o nulla ed usufruiscono dei servizi pagati dai “soliti fessi”.

E, nonostante ormai la cadenza delle inchieste e degli arresti (quanto ai giudizi definitivi si vedrà…) sia settimanale, ancora non si vede un risveglio nazionale.    A meno di non credere che il giudice Cantone possa arrestare questo fiotto purulento come il bambino olandese che – con il suo solo ditino – arrestò il crollo della diga di Haarlem…  Il premier Renzi nel frattempo ha “riscoperto” un antico mantra di Bettino Craxi: il problema non sono le regole, ma i ladri.

Ma chi è che ha alleggerito tutte le regole di controllo?   Il “padre della patria” Berlusconi: l’abolitore del falso in bilancio, l’inventore dello scudo per i capitali illegalmente esportati, ecc. ecc.

Qui non assistiamo ad un “guardia e ladri” (commissario Cantone contro qualche mariuolo…) ma ad un sistema in cui – tra l’altro – dirigenti di tutti i Partiti sono coinvolti.  Di più, se scorriamo i curricula di molti membri della “nomenklatura” (PD in “ottima” posizione) vediamo una compenetrazione “originaria” lungo carriere trentennali ed oltre.   Un solo esempio: il capogruppo PD al Senato Zanda è stato per decenni al vertice del Consorzio del MOSE: certo non una colpa ma ci si domanda che ci facesse in quella funzione un ex avvocato, figlio di un Capo della polizia degli anni ’70: Efisio Zanda Loy.   Difficile, assai difficile credere ad una irrefrenabile vocazione al servizio pubblico, alla “missione” politica.

Al di là del MOSE rimane la TAV (ed ora si comincia a capire perché una sospensione dei lavori veniva interdetta “manu militari”) e dietro l’angolo c’è la pervicace insistenza sulla realizzazione cialtrona di un fantomatico Expò a Milano.   Dunque, tutto continuerà come prima, tanto più che le elezioni europee hanno dimostrato che gli Italiani rimangono pronti a seguire ogni “pifferaio di Hamelin” che passi… anche a costo di finire tutti quanti affogati nel fiume della corruzione.   E siamo a questo, non ad un incidente di percorso nell’inesistente “ripresa” – anzi “rinascita” nazionale che ancora ieri si celebrava con marcette di bersaglieri e rombi colorati di jet militari.

Ma non basta.    Checchè ne pensi il rilassatissimo “Matteosubito”, i fatti di Venezia sono spaventosi – al di là degli esiti giudiziari – perché coinvolgevano tutto lo spettro politico ed istituzionale.  Generali (a “riposo”, per così dire…) della Finanza, politici in carica o in carica per decenni.   Ci si domanda quando il Paese (ovviamente “beneficati” esclusi) capirà di essere sottoposto ad un ladrocinio istituzionale, vera e propria “Costituzione materiale” dello Stato.

E ancora: non siamo di fronte ad un “incidente di percorso”, ma immersi nel disvelamento incontrovertibile di quello che siamo.   E vorremmo pure mostrarci con un Expò “universale” al ludibrio e allo scherno globale?    Lo abbiamo già fatto per quasi un ventennio, perché insistere?

Infine, un’ultima parola sulla “ragnatela” dietro il caso del giorno: una ricostruzione magistrale del giornalista Alberto Statera dimostra (nell’ edizione odierna di Repubblica…) che Venezia è un “test case” di come funziona – anzi – di come muore il Paese: la pietra tombale sull’Alitalia (risucchiata da una Compagnia araba certamente meglio gestita di quella di “bandiera” e alla ricerca non di sinergie ma di asset da riciclare e dunque pronta a massicci licenziamenti), il nuovo crollo dell’occupazione, le migliaia di chiusure aziendali.     Profetico Tacito (“trasformato” di recente nell’aula parlamentare da una deputata analfabeta in Seneca…. E perché no in Petronio arbitro?) con il suo: “hanno fatto un deserto e lo chiamano pace…”.    Citazione che calza a pennello al declino morale, intellettuale, sociale del nostro Paese.  Saremo “gufi” come li chiama l’ottimista Renzi, ma non coglioni.

E poi. Tranquilli: in Brasile a giorni comincia il mondiale, la maxi TASI arriva in autunno e in mezzo ci sono le vacanze…  Il Presidente BCE Draghi toglie soldi (alle banche…) per “costringerle” a prestare…lo “spread” tra titoli italiani e tedeschi scende ancora…   L’Italia è quasi salva.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto